slide TuttoCampania — 26 dicembre 2015

melito 2015 donneBella, davvero bella questa edizione della Corsa di Santo Stefano, a Melito di Napoli. La migliore edizione da sempre, con organizzazione impeccabile e spettacolo agonistico garantito sia dalla qualità degli atleti in gara sia dalla particolarità del tracciato, con i suoi 3 passaggi e arrivo. Percorso pianeggiante come sempre, cosa che ha favorito le prestazioni, con in più una bella giornata: presente un sole leggermente velato, anche lui magari interessato alla competizione. Bravissimo Giovanni Mauriello nell’organizzare, con anche la forza della passione di Gino Amelio e del Team del Centro Sportivo Italiano.

Gara

In campo maschile il pronostico diceva Lamachi, e Abdelkebir ha mantenuto le attese, con gara tranquillissima nella prima parte (passaggi sul piede dei 3’21”/22” a km) per poi accelerare nella seconda parte, superati i 5000 metri dal via. Capace di stargli vicino solo Massimiliano Fiorillo. Max (Isaura Valle dell’Irno) ha dimostrato di aver ben smaltito la gran maratona di Firenze (2h34’ per lui) e che, nonostante sia già nella fase acuta di preparazione invernale, la gamba girava al meglio. Al traguardo Lamachi (Intenational Security Service) ha chiuso in 32’57”, con Fiorillo a 2”. Ottimo terzo Gianluca Piermatteo, del Team Bartolo Longo. Per Gianluca 33’40”. Quarta e quinta posizione per Vincenzo Migliaccio (Atl. Caivano) e Luigi Palmieri (Road Runners Maddaloni).

La gara femminile è stata persino più avvincente di quella maschile, con tre ragazze capaci di fare da subito la differenza e, sul passo attorno ai 4’00” a km, caratterizzare i primi km. La vera selezione c’è stata dopo i 3000, quando cioè Martina Amodio (Stufe di Nerone) ha saputo tenere il ritmo, confermando poi i 4’00” a km anche al terzo passaggio (ai 6.500 di gara), per poi piazzare un parziale di 3’54”/55” a km nell’ultimo giro, tanto da chiudere con il suo nuovo best (prima volta sotto i 40’00”): 39’42” finale, per la giovane, emergente e forte ragazza Napoletana. Consuelo Ferragina (La Corsa) ha dimostrato, come sempre, di saperci fare: per lei 40’16″, per un importante secondo posto. Portacolori dell’Amatori Vesuvio, una gran gara anche per Rosaria Marangio. Fortissima l’atleta del Presidente Cerciello, in continua crescita, tanto da fermare il crono sui 40’47”. A seguire, Ela Stabile ottima 4^ (team Napoli Run) e il talento di Letizia Martignetti (Master 55, team Stufe di Nerone) in quinta posizione, con un importante 44’42” finale.

Classifica a squadre andata al fortissimo team della Polizia Penitenziaria.

Come dicevo ad inizio articolo, bella..davvero bella la Corsa di Santo Stefano di Melito: la più bella edizione di sempre. Senza mai dimenticare chi non si dimentica: Stefano Chiantese e Davide Amelio.

Marco Cascone.Marco Cascone

Share

About Author

Cascone

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>