Cronaca — 13 settembre 2009

Questa mattina il serpentone formato da oltre duecento persone, dopo aver osservato un minuto di silenzio per l’amico Fulvio Riolino, è partito alle 8.30 dal piazzale antistante al palaghiaccio di Piancavallo, a condurre le danze Mario Scanu e Matteo Piller Hoffer. Fortunatamente la situazione meteo è stata benevola regalando ai partecipanti, cielo terso e un caldo sole sino alle prime ore del pomeriggio.
Il percorso allestito dal Team Montanaia Racing con la collaborazione del Soccorso Alpino delle sezioni Alpago, Maniago, Pordenone, e Valcellina, del CAI Sezione di Pordenone e delle Sottosezioni di Aviano e Alpago, del gruppo Alpinismo Giovanile CAI Pordenone, dei gestori del Rifugio Semenza, del Radio Club B. Zanon, della Protezione Civile e dell’Ana di Aviano, aveva una lunghezza di oltre venti chilometri con 1650 metri di dislivello di sola salita.


Nei primi chilometri di gara Mario Scanu è leggermente avvantaggiato rispetto al sappadino Piller Hoffer, purtroppo il battistrada per una mancata segnalazione del percorso segue un sentiero sbagliato e portandosi dietro anche Matteo Piller Hoffer perde circa cinque minuti sulle prime posizioni. La testa della gara sarà ripresa dai due solo al termine della salita a forcella Lastè, Lucio Fregona, al comando sino a quel momento, è superato da Matteo Piller Hoffer nei pressi del Rifugio Semenza. Mario Scanu invece transita al Rifugio in quarta posizione, Paolo Lazzara è secondo. Nella discesa che porta a Malga Pradosan, punto più basso del percorso, nel cuore dell’Alpago, in provincia di Belluno, Mario Scanu riesce a guadagnare la prima posizione. A Pian delle Lastre, dove il sentiero riprende a salire, l’alpagotto Scanu inizia la salita in prima posizione, ma al passaggio in casera Palantina Matteo Piller Hoffer è nuovamente primo.


Le posizioni di testa nell’ultima discesa e al passaggio alla baita Arneri non cambiano, Piller Hoffer chiude la propria gara in 2.13.04, Scanu taglia il traguardo con un minuto e cinquantasette secondi di ritardo. Sale sul terzo gradino del podio Paolo Lazzara, anche lui portacolori dell’Aldo Moro Paluzza.


Nella gara femminile le prime due posizione sono state spartite tra mamma e figlia, la vittoria è di Lavina Garibaldi che taglia il traguardo con il tempo di 2.36.05, Luigina Menean, la mamma, giunge all’arrivo con oltre diciotto minuti di svantaggio. L’atleta del Team Montanaia Racing, Francesca Domini è terza con 3.13.52.


Classifica maschile
1. Matteo Piller Hoffer, Us Aldo Moro Paluzza, 2.13.04; 2. Mario Scanu, Us Aldo Moro Paluzza, 2.15.01; 3. Paolo Lazzara, Us Aldo Moro Paluzza, 2.16.21; 4. Loris Basei, Atletica Valdobbiadene, 2.18.37; 5. Fabrizio Puntel, Atletica Sappada, 2.20.48.


Classifica femminile
1. Lavinia Garibaldi, Asd Timau – Cleulis, 2.36.05; 2. Luigina Menean Asd Timau – Cleulis, 2.54.20; 3. Francesca Domini, Montanaia Racing, 3.13.52.

Autore: Cs

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>