Curiosita slide — 25 gennaio 2016

Matilde StaffaMatilde Staffa della Podistica Lucera dice di aver iniziato a correre quando pesava 90km, dice questo forse  avendo sempre in testa i chilometri, forse una volta i chili erano una preoccupazione fissa mentre ora non fa che a pensare ai chilometri fatti e a quelli da fare, ora non ha più importanza il peso, una volta iniziato a correre non si è più fermata ha continuato a fare corse di distanza sempre più lunga e chissà se un giorno farà anche una gara di 90km, forse questo diventerà un pensiero fisso.

In occasione della 6 ore della sveva corsa a Lucera ho avuto modo di conoscere tanta bella gente e soprattutto tanti atleti della podistica Lucera, ed ora vi presento Matilde che si racconta rispondendo ad alcune domande.

Ti sei sentita campione nello sport almeno un giorno della tua vita o sempre un comune sportivo? “Si campione sempre ogni volta che arrivo alla fine di una gara che sia una 10 una 21 o una 42 Km!!!!!”

Qual è stato il tuo percorso per diventare un Atleta, qual è stato il primo sport che hai praticato, com’è stato il passaggio agli altri sport? C’è un altro sport che vorresti praticare? “Non c’è stato un vero percorso tutto è iniziato per gioco! Ho sempre frequentato la palestra ma mai con una passione esagerata, poi ho provato anche il nuoto ma non era per me, poi per caso ho iniziato a corricchiare a e piano piano km dopo km ho iniziato ad amare la corsa! Uno sport che mi piacerebbe praticare oltre al fitness e al running è il tennis!”

Sembra essere ingorda di sport Matilde, sembra non accontentarsi vorrebbe provarli tutti, ma per ora la sua passione è la corsa.

A seguito delle tue esperienze che consiglio ti andrebbe di dare a coloro che si trovano a dover fare scelte importanti nello sport? “No non mi sento pronta a dare consigli l’unica cosa che potrei dire è di scegliere con il cuore perché lo sport fatto in un certo modo pretende sacrifici e se non si è disposi a farne è inutile iniziare perché non si avranno mai risultati sperati!”

Lo sport, come il lavoro, come altre passioni, se ti piace, ti prende e lo fai volentieri, sei disposto a faticare, ad impegnarti, quindi ci vuole tanto cuore e tanta passione, se non ti piace tutto diventa pesante, non ti passa mai e non si traggono benefici.

Come ha contribuito lo sport al tuo benessere e quali sono i fattori che hanno contribuito al tuo benessere o alla tua performance? “Prima di iniziare a correre pesavo 90 km ora ne peso 65 direi che questo può bastare !!!!”

Quindi benessere sono chili superflui in meno, benessere sono chilometri di sport, chilometri di corsa, benessere è leggerezza fisica e mentale.

Quale alimentazione segui prima, durante e dopo una gara? Usi farmaci, integratori? Per quale motivo? “Diciamo pure che sono abbastanza attenta all’alimentazione sempre certo durante la preparazione cerco di osservare al meglio le indicazioni alimentari che mi da la mia nutrizionista, per quanto riguarda gli integratori prendo potassio e magnesio (tipo polase)! Farmaci assolutamente contraria!”

Alimentazione è importante soprattutto se si fa sport in temperature calde o comunque dove consumi tante energie ed è importante reintegrare scorte di glicogeno e rimettersi in sesto.

Chi ha contribuito al tuo benessere nello sport o alla tua performance? “Il mio istruttore di fitness e preparatore atletico, la mia nutrizionista e mia sorella che corre ‘al mio fianco’ per modo di dire lei vola io le sto dietro …. Molto dietro!!!”

E’ importante avere delle figure di riferimento che ti guidano e ti danno utili consigli e suggerimenti come possono essere un istruttore, un nutrizionista, una persona più esperta.

Qual è stata la gara della tua vita, dove hai dato il meglio di te o dove hai sperimentato le emozioni più belle? “La gara della mia vita è stata la mia prima maratona che nn poteva nn essere quella di Roma l’esordio qualcosa di indescrivibile correre per 42,195 km arrivare alla fine e poter dire siiii ci sono riuscita ce l’ho fatta ho corso per 42,195 km !!!!! Un’emozione grandissima partirte in tre io mia sorella ed un mio amico arrivare al 24 km uno stop obbligato, mentre il mio amico ha continuato per la sua strada, riprendere a correre con mia sorella fino al 28 km lei poi mi ha guardato e con le lacrime agli occhi mi ha detto mati io ci provo mi ha dato un bacio dicendomi promettimi di non mollare e io le dissi vola che io non mollo!!! E cosi dal 28 km fino al 42,195 ho corso la mia maratona chiudendola senza dolori senza fatica e con il sorriso sulle labbra e nel cuore! All’arrivo c’era il mio mister Antonio Di Gioia che mi aspettava, Carlo e Tiziana erano arrivati, le mie parole? Antonioooooo ci sono riuscita e tu lo sapevi ed ho iniziato a piangere!!!!!!!”

Bella storia commovente ma ricca di gioia, di esperienza utile a trasmettere un messaggio di benessere e di superamento di ostacoli senza mollare ma andando avanti con l’aiuto degli altri e con la forza del proprio cuore, della testa e delle gambe.

Qual è una tua esperienza che ti possa dare la sicurezza, la convinzione, che ce la puoi fare nello sport o nella vita? “La vita di mia madre che a soli 41 anni ha perso un figlio di 19 anni e dopo soli 7 mesi il marito di 46 anni restando sola con altre 3 figlie da crescere! Se ce l’ha fatta lei ad andare avanti in questa situazione a superare tanti ostacoli ce la posso fare anche io!!!!!!”

Questo un messaggio da divulgare, da trasmettere a tutti, è importante andare avanti, superare traumi, disagi, sconfitte.

Cosa pensano i tuoi famigliari ed amici della tua attività sportiva tesa al benessere o alla performance? Come è cambiata la tua vita famigliare, lavorativa nell’aver intrapreso un’attività sportiva? “I miei familiari dicono che sono fissata che esagero, la vita familiare tutto sommato sono riuscita ad equilibrarla abbastanza tra casa e marito, il lavoro non è un problema perché faccio part time!”

Ti va di descrivere un episodio curioso o divertente della tua attività sportiva? “Alla 10 miglia di Rimini aprile 2015 mentre correvo sul lungomare ho sentito della musica brasiliana in lontananza una volta arrivata sul posto c’erano delle ragazze brasiliane in costume alte due metri che ballavano io mi sono fermata e mi sono messa a ballare con loro non curandomi della gara in corso abbiamo fatto le foto e poi ho ripreso a correre senza pensare al tempo!”

Matilde ama la vita, ama lo sport, la corsa, il ballo, ogni occasione è buona per star bene, per gioire, senza lo stress del tempo che passa, senza ansia della competizione.

Cosa hai scoperto del tuo carattere nel diventare atleta? Quali i meccanismi psicologici ritieni ti abbiano aiutano nello sport al tuo benessere o alla tua performance? “Di essere una persona forte tenace ma allo stesso tempo fragile! Nello sport mi hanno aiutato molto le esperienze passate! Brutti momenti avuti durante la mia infanzia ed adolescenza diciamo che il mio dimagrimento e la partecipazione alle gare con molte salite sul podio per categoria mi hanno riscattato con un po di personcine che non credevano in me!”

Quali sono le tue capacità, risorse, caratteristiche, qualità che hai dimostrato di possedere? “Determinazione, forza, tenacia, ma anche crolli psicologici quando ho dovuto accettare gli allenamenti in solitaria! Questa è una cosa che non riesco a mandare giu! I miei compagni sono tutti più veloci ed io non posso allenarmi più con loro! Soffro soprattutto quando devo fare i lunghi! L’allenamento diventa un peso esagerato anche se poi trovo sempre il modo di farcela!”

Matilde va avanti nei suoi intenti con determinazione, riesce ad apprendere dalle situazioni dai momenti passati, riesce a superare momenti bui, non molla da sola o in compagnia va avanti nei suoi intenti di sport tesi al benessere anche per dimostrare a se stessa ed agli altri che ce la può fare davvero.

Che significa per te partecipare ad una gara sportiva, hai sperimentato l’esperienza del limite nelle tue gare? “Per me è soprattutto una bellissima festa! Si io vivo le gare come una bellissima festa!”

Sport una bellissima festa, sempre pronta a divertirsi ad esserci, a partecipare con gli altri festosamente.

Quali sono o sono state le tue sensazioni che sperimenti facendo sport pregara, in gara, post gara? “Pre gara fatica tanta fattica per me gli allenamenti nn sono semplici a livello fisico, in gara dipende non è sempre la stessa cosa, solitamente cerco di pensare a cose belle e ammiro il paesaggio che mi sta intorno di con i miei tempi ho modo a volte di ammirare i posti dove corriamo.”

Quali sono i tuoi pensieri? Pensare al traguardo, pensare a tutto quello che si è investito per la gara, in termini di allenamenti, di preparazione atletica, mentale? “Sicuramente il primo pensiero è pensare a tutti i sacrifici fatti e ai duri allenamenti a cui ti sei sottoposto per arrivare al traguardo nei tempi per cui ti sei allenato, di arrivare con il sorriso sulle labbra anche se distrutto e comunque dire alla fine ‘anche questa volta ce l’ho fatta.

Quale è stata la tua gara più estrema o più difficile, quale è una gara che ritieni non poterci mai riuscire a portarla a termine? “La maratona di Ravenna del 2014 al 32 km ho iniziato a camminare per sopraggiunti problemi ai polpacci e al piede destro e pur di nn fermarmi ho iniziato a telefonare a mio marito poi a mia sorella lei aveva concluso la sua maratona alla grande, voleva tornare indietro, voleva venirmi a prendere ma io le ho detto di no! Il mio mister mi aveva avvertito che non ero pronta per i 42 km ma io ho insistito per farla sbagliando!!!! Al 38 km sento lui che mi urla da un ponte ‘MATY NON MOLLARE’ in me è scattata come una molla ho urlato ‘MISTER BARCOLLO MA NON MOLLO’!!!! Di lì a poco l’ho visto venirmi incontro mi ha preso per mano e abbiamo iniziato a correre! Mancavano 400 metri circa ho iniziato a sentire le urla e gli applausi della mia squadra erano li che aspettavano tutti me, mi sono venuti i brividi li vedoli agitarsi come matti ho chiuso quella bruttissima maratona in 5 ore e 7 minuti ma nonostante tutto felice perché nn mi sono fermata !!!!”

Negli episodi di Matilde emerge un forte legame con la sorella, con gli altri che tifano per te, con il mister, con gli amici della squadra che incitano.

Quali sono le varie difficoltà, i rischi, a cosa devi fare attenzione nella tua disciplina? Quali sono le condizioni fisiche o ambientali che più spesso ti hanno indotto a non concludere la gara o a fare una prestazione non ottimale? “I rischi sono sempre dietro l’angolo!!! Farsi male non è difficile quando si pratica uno sport in genere, il running per me che nn sono un peso piuma ha le sue difficolta nella velocità ma io continuo lo stesso mettendomi alla prova in ogni gara!!! L’umidità e il caldo i miei nemici per ben due volte in due gare ho dovuto ricorrere all’ambulanza per sopravvenuto collasso!!!! Ma per fortuna tutto bene!!!”

Cosa ti ha fatto mollare o cosa ti fa continuare a fare sport? Come hai superato eventuali crisi, sconfitte, infortuni? Hai mai rischiato per infortuni o altri problemi di smettere di essere atleta, è successo che ti abbiano consigliato di ridurre la tua attività sportiva, hai mai pensato di smettere di essere atleta? “Crisi tante ma non ho mai mollato rallentato si ma poi ho sempre ripreso, le sconfitti le superi solo se riconosci i tuoi limiti, smettere solo se ci saranno problemi seri sulla salute!!!”

Ti è capitato di avere la sensazione che ti cascasse il modo addosso, se si come sei riuscito a toglierti la polvere di dosso e continuare dritto? “Di polvere addosso me ne caduta tanta ma ripeto sono state le mie esperienze passate che mi hanno aiutato a non farmi toccare il fondo!!!”

Quale può essere un tuo messaggio rivolto ai ragazzi per avvicinarsi ad uno sport che può essere fatto di fatica, impegno, sudore, sofferenze? “Lo sport aiuta a crescere ad essere forti ad accettare le sconfitte e le vittorie ad aprire la mente a viaggiare a conoscere gente a socializzare e a vivere un mondo sicuramente migliore di quello di internet video giochi tv e quant’altro.”

Qual è un messaggio che vorresti dare per sconsigliare l’uso del doping e per fare uno sport teso al benessere o alla performance? Correre dopati e come correre una maratona in bicicletta!!!!!!! Che gusto c’è a fare qualcosa per il quale bisogna drogarsi per arrivare prima!! LO SPORT è SALUTE NON MORTE.”

Ritieni utile la figura dello psicologo dello sport, se si per quali aspetti ed in quali fasi dell’attività sportiva? Per me la figura dello psicologo nella vita di ognuno di noi dovrebbe essere fondamentale! Io ne ho avuto bisogno a 16 anni e onestamente mi ha aiutato tanto! Nello sport secondo me servirebbe soprattutto quando per arrivare a tutti i costi ad un risultato si mettono da parte obiettivi più importanti come lo studio la famiglia la salute!”

Nello sport è importante essere corretti, essere onesti con se stessi e con gli altri, è importante riconoscere le figure di professionisti competenti a cui affidarsi nel campo della preparazione fisica, nutrizione e perché no anche un bravo psicologo può aiutare a gestire momenti di difficoltà che possono essere una semplice decisione nel fare uno sport e poi può essere importante per superare momenti di crisi, di infortunio, per ritrovare la motivazione e per tant’altro.

Se potessi tornare indietro cosa faresti? O non faresti? “Sicuramente inizierei prima a prendermi cura di me e a correre!”

27. Quali sono i sogni che hai realizzato e quali quelli da realizzare? “I sogni da realizzare sono tanti! Realizzati? No non saprei forse non he ancora realizzati!!!!

 

Libri sulla psicologia dello sport e del benessere sono anche reperibili presso Frizzi e Lazzi, negozio di “Scarpe Running e non solo” sito in Manfredonia Corso Manfredi 303, oppure a Roma presso “Planet Sport Running”, viale Spartaco 60/66.

 

Matteo SIMONE

Psicologo, Psicoterapeuta Gestalt ed EMDR

CONTATTI: 380.4337230 – 21163@tiscali.it

http://www.mjmeditore.it/autori/matteo-simone

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+simone+matteo.html

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>