Atletica News slide — 24 gennaio 2016

guidaUn’italiana quarta nei 10000 ai Mondiali: capitò ai Mondiali 1995 di Goteborg, quando Maria Guida finì ai piedi del podio, dietro Fernandinha Ribeiro portoghese e Derartu Tulu etiope, non lontano dalla piccola, ossuta, vivacissima kenyana Tegla Loroupe. Nei giorni dei trionfi di Michele Didoni e di Fiona May, del luminoso record di Jonathan Edwards, del rimbalzare mai battuto di Inessa Kravets, Maria non ebbe grande spazio né lei si fece avanti per reclamarlo: la riservatezza, le poche parole sono state caratteristiche da affiancare a una sorte mai propizia. Quante operazioni al tendine d’Achlle? “Quattro, forse cinque”, offriva lei un sorriso rassegnato, senza insistere troppo sulla mestizia. Il Tendine di Maria, dovrebbero chiamarlo i medici.

A quel punto Maria aveva quasi 29 anni e quattro anni dopo, vicina ai 33, seppe doppiare un altro promontorio: dopo esser stata la prima italiana a scendere sotto i 15’ e i 31’30”, diventò la seconda, dopo Franca Fiacconi in formato newyorkese, a intaccare le 2h26’ nella maratona: 2h25’57” a Carpi. Sembrava il coronamento di una vita di corsa iniziata nelle strade della cittadina natia, Vico Equense, dove il patrono è San Ciro.

 Quando Maria venne al mondo, il record del mondo di maratona era appena al di là delle 3h20’.

E invece non andò così e oggi, nel giorno del 50° compleanno, non resta che rivivere il suo giorno più lungo e più bello, una rappresentazione in un teatro bavarese in un’estate che profumava forte di autunno, in un Europeo 2002 che cadeva trent’anni dopo i Giochi degli acuti e degli orrori, su un percorso affascinante: i luoghi della città ideale voluta dai re di Baviera, matti per l’architettura e per la musica, gli edifici in stile greco che racchiudono una piazza che assomiglia a un’Acropoli, i palazzi pseudo-rinascimentali e rococò, la Vecchia e la Nuova Pinacoteca, il viale verso l’Olympiapark e il grande telone che copre lo stadio: Maria davanti, sempre di testa e con la testa, sino a rimanere in compagnia della tedesca di radice romena Luminita Zaituc per liberarsi anche di lei nel finale, affibbiarle 53”, andando a sfiorare il record personale: 2h26’05” contro 2h25’57”.

Quella vittoria le regalò il coronamento di una carriera (aveva 36 anni e mezzo abbondanti), le permise di scavalcare, per qualità di metallo, uno dei simboli della maratona rosa e azzurra, Laura Fogli, di risollevare morale e azioni di una spedizione troppo numerosa, con eliminazioni a falangi, di confermare la supremazia delle donne: i due bronzi di Manuela Levorato, quello di Erica Alfridi e l’oro della veterana di dolci espressioni e poche parole, solo quelle necessarie. Come quelle che, dopo il traguardo, rivolse a Luciano Gigliotti che aveva puntato su di lei e naturalmente non aveva sbagliato.

 

Ufficio Stampa FIDAL.
Federazione Italiana di Atletica Leggera

 

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>