Cronaca — 03 febbraio 2009

Ho letto, e spesse volte approvato commenti relativi alla Maremonti. Moltissimi i commenti pubblicati, tanti non pubblicati perché “qualcuno” si dimentica che un sito come podistidoc non può pubblicare illazioni o offese. Se proprio si vuole offendere, l’interessato può andare nella sede dell’organizzazione e fare le sue dichiarazioni oppure telefonare o inviare una mail. Sulle pagine di podistidoc si può criticare, non si vìola il diritto penale: questo è un affare di chi vuole farlo (e se ne prende le conseguenze).


Tornando alla Maremonti, voglio andare in parte controcorrente. Lo faccio scientemente, assumendomi ogni responsabilità di quello che dico. Vero, disfunzioni, cavolo, ce ne sono state ma chi legge dall’esterno penserà di certo ad un “girone dantesco, un inferno domenicale trascorso sulle strade della penisola sorrentina”. Eppure la gara è stata favolosa nel suo sviluppo dei 21km,097. Eppure la gara è soprattutto questa! Nessuno ne parla, tranne qualcuno che fa i complimenti ai bravissimi ragazzi dei ristori, alle tante forze dell’ordine in campo, alle centinaia di uomini della protezione civile (come se poi questi non facessero parte dell’organizzazione). La Sorrentina è una delle statali più trafficate d’Italia correre in assoluta tranquillità su queste splendide strade è qualcosa di grande!


Sì, non deve accadere che le borse restino in attesa disordinata dei padroni sotto la pioggia. Non esiste una cosa del genere! Sì, non deve accadere che manchino notizie e indicazioni relative agli spogliatoi (che erano alla scuola tasso, cosa che comunque ho detto più volte durante il commento). Sì, non deve accadere che qualcuno passi con i chip vicino al traguardo (ma questo dipende dall’onestà di chi dovrebbe non passare). Sì, non dovrebbe esserci qualcuno in classifica e che magari era a casa serenamente sotto le coperte (mentre un altro portava a spasso il suo chip). Ma anche questo dipende sempre dalla morale di chi moralmente non c’è.


Per quanto riguarda il pacco gara, personalmente quando correvo neanche era previsto: non posso quindi giudicare una gara in base al suo contenuto (anche se meglio trovarlo ricco, naturalmente)


Quando presento una gara mi sento parte integrante dell’organizzazione. Le critiche ad essa rivolte le sento anche mie! Sono però stato anche un atleta, alleno e, soprattutto, sono un appassionato. Ecco perché a fine gara (o nei giorni successivi) sono sempre lì a complimentarmi con l’organizzatore, se tutto è filato lisco. Oppure a dirgli quello che non è andato per il verso giusto, se il verso davvero era sbagliato. Annoto tutto di una gara quando rientro a casa. E’ una mia abitudine. Molte volte i miei suggerimenti vengono usati dagli organizzatori (quelli lungimiranti) altre volte no e continuano a sbagliare.


Con la Maremonti ho un legame speciale. Andrea Fontanella ed io abbiamo organizzato le prime due edizioni. La gara parte dove sono nato. Si corre sulle strade dove mi sono allenato per anni.


Perdonatemi se sono stato di parte, ma intendevo esserlo!

Autore: Marco Cascone

Share

About Author

Peluso

  • GIROLAMO CANCIELLO (AMATORI ATLETICA FRATTESE)

    COMPLIMENTI PER LA CORRETTA DINAMICA DELLA MARE-MONTI APPENA CONCLUTASI,LA PASSIONE PER IL PODISMO NON TRASCENDE MAI IN UN CONTENUTO DI UN PACCO,MA BISOGNA PORTARLA CON SE,QUINDI LA PASSIONE O C’E’ L’HAI OPPURE NO,IO PERSONALMENTE PREFERISCO L’EMOZIONE CHE OGNI GARA RIESCE A TRASMETTERMI PER NON PARLARE DALL’EMOZIONE CHE RIESCE A INCULCARE IL BUON MARCO CASCONE DALL’INIZIO ALLA FINE DI OGNI EVENTO IMPORTANTE QUALE E’E SARA’PER SEMPRE LA MARE-MONTI, GARA CHE SUSCITA SEMPRE UN CERTRO EFFETTO GAREGGIANDO TRA LE STRADE DELLA COSTIERA PIU’BELLA D’ITALIA,A NOME DI TUTTA LA SOCIETA’AMATORI ATLETICA FRATTESE INVIO UN CALOROSO RINGRAZIAMENTO A TUTTI I COMPONENTI DELL’ORGANIZZAZIONE PER AVERCI DATO ANCHE QUEST’ANNO LA POSSIBILITA’DI GAREGGIARE TRA LA GARA PIU SUGGESTIVA ED IMPORTANTE ORGANIZZATE IN CAMPANIA E NON SOLO IN CAMPANIA,INFINE VOGLIO AUGURARVI UN FORTISSIMO IN BOCCA AL LUPO PER LE PROSSIME MANIFESTAZIONI AUSPICANDOCI TUTTI INSIEME DI VIVERE TANTISSIME MATTINATE COME QUELLA DI SORRENTO ALL’INSEGNA DELLA SOCIALITA’E CORDIALITA’OLTRE ALL’ASPETTO PURAMENTE AGONISTICO.

  • gianni longo – bari

    cascone tutto ok, ma nel suo scritto dimentica che la maremonti è alla 10a edizione (!!!) e non alla prima. domenica sembrava di stare all’edizione 0 della manifestazione. gli errori con il tempo dovrebbero essere corretti da parte degli organizzatori. dopo 2-3-4 anni si, ma no che dopo 10 anni (!!!) ci si ritrova ancora al punto di partenza.

  • Marco Mauriello – Spettatore di parte-

    Concordo con tutto quello che ha scritto Marco.
    e aggiungo che sono gia in contatto con i responsabili dei vari momenti non andati a buon fine per migliorare e continuare nel crescere con quest’avventura.
    Naturalmente sarebbe bello che chiunque voglia aiutare a crescere questa manifestazione con un apporto effettivo e non quello di presentarsi la mattina della gara a vedere come va, bensì essere presente in prima persona.Tutti e dico tutti saranno ben accetti, poi come diceva un mio vecchio zio “solo chi non fa non Sbaglia”
    Anche io sono di parte del resto 10 anni fa ero con L’amico Marco Cascone e Andrea Fontanella nel veder partire la prima Maremonti.

  • RICCIO TOMMASO NAPOLI NORD MARATHON

    CARO MARCO CONCORDO CON LE TUE RIFLESSIONI, FORSE XCHE’ NON HO VELLEITA’ DI VITTORIA MA SOLO LA VOGLIA DI CORRERE E CONOSCERE POSTI ALTRIMENTI A ME SCONOSCIUTI, L’UNICA CHE VOGLIO DIRE E’ UN RICHIAMO A CHI COME ME BAGNATO FRADICIO SI SVESTIVA SOTTO LA STAZIONE, MA CHE ADDIRITTURA OCCUPAVA L’ASCENSORE PROIBENDO AI PASSEGGERI CON BORSE E VALIGIE DI USUFRUIRNE, ANZI IN UN CASO INVEENDO CONTRO UNA GIOVANE DONNA CON BAMBINA CHE A GIUSTA RAGIONE CHIEDEVA DI PRENDERE L’ASCENSORE!!!! CHI PRATICA SPORT DOVREBBE AMARE LA LIBERTA’ PROPRIA E DEGLI ALTRI E L’ARROGANZA E LA DISONESTA’ COME DICEVI TU DOVREBB ESSERE ABORRITA!!!!!!

  • umberto piccirillo – asd pozzuoli marathon club

    Concordo pienamente con quanto innanzi detto dall’amico podista Gianni Longo di Bari.
    All’amico Marco Cascone, podista doc e speaker professionista, chiedo di non essere troppo di parte e di “scrivere sempre e a chiare lettere” tutte le cose non andate lisce nel corso di gare podistiche, anche quelle da lui presentate (Non solo elogi nei confronti dell’Organizzazione). Saluti.

  • sonia marongiu asi veneto

    uhm.. io pure mi chiedo come mai arrivati alla decima edizione i problemi siano sempre gli stessi!! parliamoci chiaro: può anche esser bella la costiera però se ad un amico che fa un viaggio da bari per disputare questa gara gli si offre una cosa del genere, insomma… potrei fare una lista di gare organizzate veramente bene in campania… e che non hanno certo raggiunto la decima edizione!! bò.. leggendo i commenti sono molto dispiaciuta. e penso anche che sia dispiaciuto qualcun altro che si era in un certo qual modo fidato inserendo la gara all’interno di un circuito importante. è pur vero che non c’ero e il mio pensiero lascia il tempo che trova…

  • Marco Cascone

    Ciao Gianni. Sì, ho premesso che di errori ce ne sono stati (e non sono giustificabili, soprattutto alla decima edizione). Il fatto è che leggere tanti commenti (ad esempio sul tè mancato) mi sa ti tafaziana memoria. Pochissimi a dire che bello il percorso chiuso e assistito…beh…questo non lo accetto. Ripeto: per la Maremonti sono di parte, ma fino ad un certo punto.
    x Umberto. hai lo spazio commenti a disposizione (come ora che ho approvato il tuo) e puoi farlo tranquillamente tu. Il fatto è che nel 90% dei casi non è colpa mia se le gare che presento sono tutte ben fatte! poi se manca il tè…beh, io non lo segnalo comunque, sta sicuro!

  • Benedetto Scarpellino, RuNaples

    Caro Marco, sai bene quanto siano profonde e articolate le problematiche organizzative in ogni gara. Al di là di quanto possano o non possano percepire gli atleti, penso che sia necessario dialogare tra organizzatori, non “farsi la guerra” o pensare solo a far più ricco il proprio orticello. Il mio discorso vale in generale, non mi soffermo sul caso specifico. Penso che proprio da te e dal sito possa, anzi debba partire l’apertura di questo dialogo, per avviare o consolidare collaborazioni utili all’organizzazione di eventi sempre più qualificati a livello nazionale e internazionale…Da soli si fa poca strada e si rischiano (o si fanno) brutte figure.

  • Fabrizio bromuro gs cerveteri runners

    Ciao marco ho criticato l,organizzazione x rendere questa gara piu bella e x non ripetere i stessi errori ho consigliato questa gara ai miei amici romani e dopo aver visto quello che e successo se avevano dei dubbi sulle gare al sud se li sono tolti e mi dispiace e poi MARCO quando correvi credo che tu venivi invitato mentre noi tapascioni x partecipare alle gare paghiamo e x questoin alcuni casi vogliamo un po piu di considerazione

  • Marco Cascone

    Ciao Fabrizio. La critica alle gare è sempre ben accetta, tranne nei casi in cui è pretestuosa. Per quanto riguarda le gare al sud…devo contraddirti: posso farti un elenco molto lungo di gare splendide, che vengono realizzate qui in Campania e in altre regioni. Per quanto riguarda l’invito alle gare…me la cavavo ma no, non ero uno di quelli che veniva pagato per gareggiare…pagavo la mia quota e mi godevo la gara. Vieni più spesso al sud a gareggiare, non rimarrai deluso (magari informati prima da qualche amico di zona o chiedendo al sottoscritto). Del resto da roma in su non tutte sono delle gare da consigliare.

  • Fabrizio bromuro gs cerveteri runners

    Grazie x il consiglio MARCO e scusami se sono stato un po duro ma dopo le gare di AGROPOLI-AMALFI o C.NAPOLI ecc ti abitui bene appuntamento a CERCOLA

  • rosario romano a.s.s.

    Per crescere e migliorare è necessario essere consapevoli delle proprie capacità. L’analisi a consuntivo della performance ci consente di valutare dove è possibile migliorare. Se da 10 anni l’organizzazione commette sempre i soliti errori, una scuotatita, forse, è opportuna. E tu, caro Marco, quando prepari un atleta, oltre ad esaltarne le doti migliori, non cerchi di correggerne anche gli errori e cerchi di migliorarne i punti deboli? Buona giornata.

  • Marco Cascone

    Fabrizio, viste le gare segnalate…davvero ti sei abituato bene!!! :-)) ed è bello potersi confrontare con pareri e considerazioni. Ti aspetto a Cercola il 22

  • Marco Cascone

    Ciao Rosario. Sì, certo che li segnalo. Infatti le segnalazioni le faccio anche agli organizzatori (in questo caso al team Maremonti) ma piace anche dire quello che ha funzionato. Si punta al meglio, indicando i pregi…e aggiungendo naturalmente i difetti da correggere. Non solo l’uno o l’altro. Buona giornata a te.

  • Francesco Diana – A.S.D. Amatori Vesuvio

    Caro Marco, nel tuo articolo evendenzi che ci sono state critiche feroci nei commenti in coda ai vari articoli sulla Mare e Monti, dimenticandosi di enunciare quelle positive. Ti è sfuggito, forse, leggere quello che ho scritto nel mio articolo. Sono stato accusato, da qalche lettore poco attento, di faziosità verso gli organizzatori che, oltretutto, non conosco e frequento per avere decsritto le cose positive (tante, che ho personalmente constatato) e ciò che di negativo c’è stato. Concludo riaffermando: “la dissacrazione fa parte del nostro DNA?” Evidentemente sì, perchè sparare ad alzo zero non risolve nulla e non porta nessun elemento costruttivo al miglioramento futuro della gara, inoltre, ci sono persone che esprimono giudizi su fatti non vissuti personalmente e che, quindi, potrebbero mancare di reale obiettività.

  • Passarelli Antonio Reti Runners

    Bella gara, buona organizzazione fino all’arrivo, ma credetemi non trovare la borsa e non avere indicazioni è deprimente, soprattutto se si è inzuppati d’acqua. Gli spoglatoi erano alla scuola Tasso? Bene la prossima volta metteteli sul Monte Faito.

  • gioconda di luca, ercosport

    ho letto attentamente tutti gli articoli e i relativi commenti sulla maremonti …. chiedo in anticipo scusa a quanti troveranno inopportune le mie parole ma io mi sento profondamente in sintonia con marco e adelaide!!!!! si, magari l’organizzazione avrà lasciato un po’ a desiderare … ma chi se ne è accorto!!!! la statale sorrentina tutta per noi, la gente che applaude sotto la pioggia, gli amici vecchi e nuovi, le parole scherzose, il cronometro, le soddisfazioni personali, giovanna che riesce nel suo intento, michelle che correndo mi chiede della bimba, i gruppi scherzosi che mi affiancano di volta in volta, veronica incappucciata nascosta dietro l’obiettivo, nicola, franco e ignazio che mi incitano all’ultimo km, marco che mi chiama all’arrivo ….. per me la gara è questa. 21 km con l’ansia di partire e la felicità di giungere al traguardo. il pacco gara misero? boh? ho mangiato tutto! la maglietta? la medaglia? machisenefrega!!!! costa troppo? la spesa non vale la resa? queste sono considerazioni soggettive. per non parlare delle lamentele sui bagni e gli spogliatoi!!!! ma quanti di noi hanno chiesto all’arrivo, prima di togliersi gli indumenti in mezzo alla strada o nei locali della vesuviana, se era stato previsto uno spogliatoio??????? e quanti alla partenza hanno pensato che forse la pipì è meglio farla negli appositi contenitori e non nel verde di uno spazio pubblico che ha tutt’altra funzione????
    prossima edizione stessi errori? stessi partecipanti … identiche lamentele!!!!!! non me ne vogliate!!!!!!

  • Francesco Pezzella

    Sono nel podismo da poco tempo, appena due anni ma voglio comunque permettermi di dire una cosa: quali gare con un numero superiore a 2000 partecipanti offrono i servizi di cui molti si sono lamentati dell’assenza nei vari articoli commentati sulla Mare Monti? Nella mia piccola esperienza posso dire di non ver mai trovato the caldo all’arrivo, spogliatoi coperti, docce e depositi borse perfettamente organizzati. Tuttavia il piacere di correre e l’eccitazione per la gara hanno sempre fatto passare in secondo piano i presunti disservizi. Recentemente sono sono stato ad una 10km dove in una giornata di temperatura gelida ci siamo dovuti cambiare in mezzo alla strada sia prima che dopo la gara. Ma è sempre stato così. A Sorrento ho avuto il piacere di cambiarmi in albergo perché ho soggiornato lì il sabato altrimenti avrei dovuto cambiarmi in strada anche a Castellammare. Dov’è la novità? Perché tutto questo accanimento contro la Mare Monti? Naturalmente certi problemi diventano più difficile non vederli quando ci si mette anche il cattivo tempo. Personalmente, però, la pioggia non mi ha disturbato affatto. Anzi, è stato ancora più eccitante sfidare oltre che le salite anche la pioggia e in alcuni tratti il vento. A novembre sono stato a New York e nonostante lì so paghi una cifra folle per il pettorale (250euro!!!), l’attesa prima della partenza avviene nel parco di una caserma senza alcuna zona coperta e con una temperatura di 3-4 gradi. Certo, i rifornimenti lungo il percorso sono frequenti ma solo di liquidi. Per gel e solidi era disponibile un solo punto e neanche molto fornito. All’arrivo poi non ne parliamo, ancora una coda per ritirare il proprio zaino (questo sì è un servizio che in USA organizzano bene) poi un sacchetto con una mela, una bibita e qualche nocciolina. Niente di caldo. E parliamo di una maratona. Va bene dunque criticare perché le critiche se costruttive servono a migliorare prima però dovremmo godere della possibilità che ci viene data di correre su un percorso straordinario e condividere con tante persone la grande passione per la corsa.

  • GIROLAMO CANCIELLO (AMATORI ATLETICA FRATTESE)

    Voglio complimentarmi con Francesco Pezzella anche se si e’affacciato da solo 2 anni al podismo ha’fatto una dinamica della situazione almeno in campania esattissima,la quale mi associo completamente a quelle che sono le difficolta’che si incontrano prima-durante e dopo ogni gara, daltronte si e’amatoriali e tanti atleti che si ritrovano ogni domenica credo che l’aspetto piu’importante sia quello sociale per vivere una mattinata all’insegna dello sport condividendo con atleti di diverse societa’quella passione che ci accomuna a noi tutti ed ‘e’quella del podismo per poter raggiungere quel benessere interiore scaricando la tensione e lo stress accumulati durante una settimana di lavoro correlata ai tanti problemi che ormai la vita quotidiana ci regala.Puntare il dito sull’organizzazione e’ molto facile,ma vi posso assicurare che organizzare manifestazioni di questa portata ci vogliono mesi di duro lavoro sia materialmente che mentalmente, e grazie solo alla passione ed al dinamismo di chi organizza un evento come la Mare-Monti si riesce a regalare al podismo mattinate di grandissima aggregazione sociale al di la’dell’aspetto puramente sportivo,quest’anno Grazie anche aTCS la gara e’stata trasmessa interamente in diretta commentata con tanta professionalita’ed abnegazione dando cosi’ancora piu’lustro a quella che una delle minimaratone piu’importanti D’Italia;colgo l’occasione per salutare tutti gli atleti che hanno fatto parte della Mare-Monti in particolar modo gli Atleti dell’AMATORI ATLETICA FRATTESE Capeggiati dal Presidente Mimmo Del Prete a cui va tutta la mia stima per aver creato un gruppo solido e compatto riuscendo ad aggregare sempre piu’atleti Frattesi nelle file della Nostra Societa’Sportiva ormai consolidata ed affermata sotto l’aspetto Sociale e Sportivo.

  • Valentino Ristallo, Pol. Madonnina – Modena

    Ciao sono Valentino Ristallo da Modena, non ho mai corso la Maremonti e un giorno mi piacerebbe partecipare a questa fantastica manifestazione, nonostante la critica dei vari podisti, “anche più delle volte aiuta a migliorare l’organizzazione”. Voglio solo ricordare, che il pacco gara, la medaglia, ecc. fanno parte solo di una parte integrante della corsa, perchè a chi piace correre queste cose passano in osservato, poi per giunta ci sono centinaia di gare nell’arco di pochi chilometri, basta solo sceglere, tutto questo vorra a dire che se alla MAREMONTI ci sono 2600 atleti iscritti c’è un “PERCHE” è bella … Ciao a presto …

  • Marco Cascone

    Ciao Francesco (Diana). Facevo riferimento ai commenti, non agli articoli (che ho letto tutti, così come i commenti stessi).

    Ciao Francesco (Pezzella). Complimenti per il record personale e per averlo fatto con condizioni atmosferiche di certo non facili!!! 😉

    Ciao Gioconda. E’ sempre un piacere annuciarti al traguardo. Il sorriso sul tuo volto non manca mai!

    Ciao Antonio. In sintonia per quanto riguarda il problema borse, non doveva assolutamente accadere di lasciarle sotto l’acqua,….per lo spogliatoio no! Sorrento è bellissima, ma gli spazi sono quelli che sono e per 2600 iscritti non puoi che prevedere una grossa palestra per il cambio…la scuola tasso è a 400 metri dal traguardo (e non credo siano tanti, per il faito di metri ne devi fare molti, molti di più..:-))).

    Ciao Girolamo. Sì, hai un gran Presidente.

    Ciao Valentino. Ci vediamo ad Agropoli….!!

  • Francesco Pezzella

    Per Girolamo Canciello.
    Durante la corsa, la mare monti intendo, ho incontrato al 19km un atleta di Fratta che si è offerto di tirarmi un po’ nel tentativo di scendere sotto 1:40 (fallito per un solo secondo!), ad un certo punto gli ho detto di andare e di aspettarmi al traguardo. Voleva parlare con me del Napoli e ci eravamo dati appuntamento a dopo la corsa perché mentre correvo non riuscivo a rispondere alle domande sulla squadra azzurra (beato lui che aveva ancora fiato per parlare). Alla fine non l’ho trovato e mi è dispiaciuto non poterlo almeno salutare. Forse se racconti questo episodio ai tuoi colleghi podisti mi aiuti a rintracciarlo. Aveva una divisa rossa.

  • GIROLAMO CANCIELLO(AMATORI ATLETICA FRATTESE)

    Per Francesco Pezzella,sicuramente ti aiutero’a rintracciarlo e gli daro’anche il tuo saluto,ti rinnovo ancora una volta il nostro invito per la partecipazione alla 4 STRAFRATTESE in programma il 26 aprile,una 10km dove potrai sicuramente avvertire tutto l’affetto e la stima che i Frattesi hanno nei tuoi confronti,il nostro amico Marco Cascone te ne potra’dare atto della grande partecipazione all’evento, manifestazione voluta fortemente anche quest’anno dal comune di Frattamaggiore visto il grande successo delle precedenti edizioni,pertanto la societa’sportiva Amatori Atletica Frattese coordinati da Vincenzo Pezzullo e Salvatore Crocetti si prodicano con abnegazione affinche’la Strafrattese venga svolta nel miglior modo possibile,al nostro impegno profuso si aggiunge la ciliegina sulla torta quale e’L’emozionante radiocronaca dell’intera gara di un professionista come Marco Cascone riuscendo sempre a coinvolgere il folto pubblico di Frattamaggiore,credo che ci sono tutti gli ingredienti per far rivivere agli atleti Campani una mattinata all’insegna della socializzazione garantendo il massimo sotto l’aspetto organizzativo,poi il resto lo fate voi podisti appassionati per incorniciare la Strafrattese tra le Gare piu’belle della Campania.

  • Massimo Avitabile – Irpinia Corre – Atripalda (AV)

    Sono d’accordissimo con Marco Cascone per questo articolo; purtroppo le condizioni meteorologiche hanno influito negativamente sulla gara;sarebbe successo la stessa cosa per la 1/2 Salerno-Amalfi (se avesse piovuto) disputata lo scorso 16/11/2008 dove ci fu una domenica di sport e con un bel sole che consentì a molti podisti di farsi il bagno a mare!!
    Vi voglio chiedere a Voi tutti una cosa:Che cosa ha di speciale la Roma-Ostia rispetto alle nostre bellissime 1/2 maratone campane?
    Per me che l’ho corsa 2 volte solanto la partecipazione di circa 9000 atleti, ma per il paesaggio niente di che!
    una parentesi: ma avete visto quanti atleti romani c’erano alla Maremonti?
    Prima di arrivare a Meta di Sorrento correndo e ammirando velocemente il mare dopo la salita di Seiano almeno per me è sembrato di correre nel Paradiso terrestre, patrimonio della Campania che tutti ci invidiano.
    Finiamola con le critiche (pacco gara, ristoro, arrivo); l’anno scorso eravamo in piena emergenza rifiuti!Io corro ormai da 8 anni per divertirmi e per stare insieme agli altri atleti.
    Premetto una cosa: io domenica ho corso quasi con la febbre addosso – (consideratemi un pazzo)ma vi posso dire che per me campano doc correre la Maremonti è qualcosa di magico ed entusiasmante!
    Voglio ringraziare Marco Cascone e il Sig. Fontanella per averci dato la possibilità di correre in Penisola Sorrentina vivendo con passione questo evento podistico che cresce sempre di più.
    BRAVI e VIVA LA CAMPANIA!!!!!

  • silvio cuomo – napoli

    caro massimo avitabile, la roma ostia E’ ORGANIZZATA BENE!!! e mai nessuno al mondo si sognerebbe di vedere a roma, dopo 10 anni !!! di ritrovare i propri bagagli sotto l’acqua!!!

  • Nello asd le tartarughe

    Sono d’accordo quasi con te Marco Nella speranza che le critiche possano migliorare di molto le nostre gare La costiera amalfitana da Castellamare ad Vietri offre uno scenario mozzafiato sia con la mare e monti che con la vietri amalfi perfettamente organizzata dagli amici di cava

  • Albino Di Filippo, Atl. Ermes

    Ho seguito con attenzione le proficue discussioni che si sono alimentate a seguito della M&M di quest’anno Non voglio addentrarmi nel merito di un giudizio dettagliato essendo stato, per il secondo anno di seguito, spettatore non partecipante, motivo per il quale fino ad ora mi ero astenuto dall’intervenire! Ma ci sono cose che fatico a comprendere e che tormentano i miei pensieri Traggo spunto, pertanto, dagli ultimi interventi pervenuti e approfittando della cortesia del sig. Avitabile, chiedo: 1) se si sta analizzando l’efficienza di organizzazione di una gara che si candida a diventare la terza mezza d’Italia (qualora non lo fosse già), è giusto prendere in considerazione unicamente il sole e il mare? quelli, ci sono anche negli altri giorni dell’anno organizziamo una bella uscita nel caldo mese di giugno (o meglio diamoci semplicemente appuntamento, ‘organizzare’ è ben più impegnativo)! 2) il fatto che la strada sia completamente chiusa al traffico (grande merito di forze dell’ordine e protezione civile) può essere ritenuta unica esaustiva condizione per sostenere la candidatura di cui sopra? A mio avviso, la chiusura del traffico dovrebbe essere condizione necessaria, INSINDACABILE, in ogni manifestazione, la cui mancanza in alcuni eventi, ha finito per elevarla a fattore di lusso, a optional che organizzazioni generose offrono nel ‘pacchetto’ 3) a lei che chiedeva quali siano le bellezze di Roma, i 9000 partecipanti di quest’anno (e in costante crescita) ne avranno trovata qualcuna? Se si, dovrà convenire con me, che siano di tipo organizzativo, stante il fatto che a suo giusto dire ‘il paesaggio è niente di che’! Ed infine quel ‘sarebbe successo la stessa cosa per la Salerno-Amalfi (se avesse piovuto)’, mi suona alquanto antistorico. Vede, la storia, vive e si alimenta di fatti, eventi, realtà. L’analisi dei fatti deve dar conto di quel che è, ed è stato e da questo non può prescindere! Quello che sarà, potrebbe essere o sarebbe potuto essere, è solo un modo per evitare la realtà! Gli eventi targati Podisti Cava (come di altre società che non sto qui ad elencare) sono sempre stati caratterizzati da elogiabile organizzazione. Non so se a loro sia mai capitato di dover fronteggiare le ire di Giove Pluvio forse si, forse no ma sicuramente ne avranno incontrate altre affrontate e risolte per il meglio!!! Solo fortuna??? Forse si , forse no
    Con affetto, la saluto!

  • Anna Senatore. Cava picentini costa d’amalfi

    Carissima Gioconda condivido pienamente il tuo pensiero…..non posso che confermarti la mia stima e amicizia …
    Mi alleno spesso con un mio compagno di squadra … corre…corre….non gli è mai interessato del pacco gara, del ristoro, degli spogliatoi, della pioggia…. corre e sfoga la sua rabbia contro “il destino”..corre per avere la forza e affrontare il suo dramma quotidiano, corre perchè quando apre la porta di casa deve sempre poter donare un sorriso …. Ognuno di noi ha le proprie motivazioni…..ma è triste credere che per alcuni si riducono solo in banalissime critiche e neanche costruttive!

  • Maria Pericotti

    E’ UNA VERGOGNA!!!
    Resto sempre più esterrefatta e disgustata dall’organizzazione di determinate gare Campane.Sono strafelice della mia gara,del mio tempo e della mia vittoria,ma,onestamente parlando,sarei più contenta se ci fosse più giustizia atletica.Come ho già scritto in un commento,sono stufa di vedere noi atleti Campani,assoluti e amatori,passare sempre in secondo piano nella nostra Regione e,soprattutto,non essere affatto considerati!!!Anzi,sembra che ci facciate un piacere a farci correre!Torniamo alla Mare e Monti:3keniani,3marocchini,un atleta di un importante corpo,la Forestale,(da premettere che non è una polemica contro questi ragazzi),ovviamente danno prestigio alla gara;sono stati invitati,ospitati,INGAGGIATI,SERVITI E RIVERITI e noi CAMPANI???
    Neanche considerati!!!
    Eppure i risultati li abbiamo portati e li portiamo sempre!!!
    Gianluca Ricci è arrivato 4°,1° italiano e campano,con un ottimo tempo,1h06’26″(ed è pure caduto),ma “ovviamente”è stato intervistato Giovanni Ruggiero che,penso,abbia fatto sesto!!!In più alla premiazione non gli hanno speso alcuna parola!
    Io ho vinto,ma alla diretta di Telecapri è stato detto che ha vinto Laaroussi,che,d’accordo sulla sua bravura e vittoria abitudinaria,ma ahimè,purtoppo ieri ho vinto io e chiedo scusa se non ho portato prestigio alla gara!!!Tant’è che alla premiazione,peccato che non ho sentito,è stato detto che lei ha dominato la gara,assurdo!!!L’unico in grado di commentare l’atletica,perchè è l’unico che conosce l’atletica,Marco Cascone,”ce l’avete pure tolto”dalla premiazione.Marco conosce i tempi di ogni atleta,è l’unico che durante le premiazioni e negli articoli incita e mette in primo piano noi atleti Campani,come è giusto che sia;inoltre,dopo essere stato 3 ore sotto l’acqua ad annunciare gli arrivi di ognuno di noi,non ci ha potuto premiare,è uno schifo!!!
    CERCATE IL PRESTIGIO FUORI MA NON VEDETE QUANT’E’ GRANDE IL PRESTIGIO CHE AVETE!!!
    Per me potete invitare tutti gli atleti che volete,io non critico ciò,ma comportatevi allo stesso modo con quelli Campani,anzi prediligendoli di più!!!
    Ormai si sente di continuo la solita poesia “l’atletica italiana non ha più campioni”;ma è proprio grazie a questi organizzatori…i quali preferiscono nasconderli!!!

  • sandro pagano – iss nola

    Aspetto , come tutti , ancora lo straccio di una risposta da parte degli organizzatori : chissà , forse sprecheranno due parole personalmente, senza delegare di fatto altri a difenderli … Evidentemente per questi signori la noncuranza è il maggior disprezzo ; di sicuro non mi perderò una sola edizione futura, sono troppo curioso di vedere dove vogliono arrivare !

  • sonia per maria pericotti

    carissima maria, anzitutto complimenti per la tua vittoria!!! però certo, quando vince una scarsona come te è chiaro che la gara è sotto tono, è poco esotica dai!!!! non c’è un nome straniero in cima alla classifica e questo fa perdere tono alla gara…. scherzi a parte… LASCIA PERDERE!!! tieni solo presente che l’italia è piena di gare e si può scegliere dove andare! quello che non ho mai capito è come mai ogni anno tutti si lamentano ed ogni anno tutti ci vanno…. è vero che è una gara stupenda ma quando non c’è rispetto per le persone, ahimè… comunque BRAVA!! ci vediamo a firenze domenica

  • silvio x maria pericotti

    Mi sono battuto per i campani ( vedi fui solo Io , ad una conferaneza stampa di tanti anni fà a Napoli m e tra questi l’atleta che non era tra i Top era Guglielmo della Silma ,che poi arrivo’ secondo alla mezza di napoli mper un errore dei giudici -non avevano indicato d’era l’arrivo della mezza ! ) gli altri ,tutti menzionati alla conferanza stampa . Alla notturna di stabia , Ricci , feci presenti agli amici organizzatoru che ricci , era un top signore atleta , ed infatti , piego’ tutti gli atleti di colre alla gara , VINCENDO ! – la caduta , l’ho fatto presente che era Ricci , alla mare e monti , se no forse ,…..il primo posto……era li’ !
    Cmq , alle gare ,ho sempre difeso i ns campani , come il mitico marco Calderone , che è lui il ns …….atleta di ……colore giallo ! ( del suo mitico completino ) !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    ciao a tutti Voi e buona giornata
    silvio

  • Marco Cascone

    Ciao Maria. Grazie per i tuoi apprezzamenti, che so non essere solo effetto dell’affetto che ci lega. Hai fatto una gran gara, così come alla grande è andato Gianluca: una conferma del vostro valore! Sì, gli atleti Campani non sono secondi a nessuno. Lo dimostrano ovunque. A me, prima di tutto quale appassionato del settore, il compito e l’esigenza di dare merito a chi merita (come è giusto che sia)!! Dai….però la canzoncina refrain delle premiazioni te la sei goduta (si fa per dire)… “ridevi o mi sbaglio???”….:-)))) x sandro. Le deleghe le lascio agli altri… non mi riguardano!!

  • sandro pagano – iss nola

    Per Marco : chiaramente le “deleghe a farsi difendere” non riguardano te e meno che mai gli altri ( tra cui me stesso : in altro articolo ho scritto che ” ad onor del vero, per la prima volta abbiamo potuto cambiarci decorosamente al coperto”), riguardano bensì tali “deleghe di fatto”, e cioè TACITE, gli organizzatori ! Critico il loro silenzio assordante, che dura tutt’ora!
    Con immutata stima.

  • Marco Cascone

    x Sandro. Felice della tua precisazione! Sai…si punta sempre a favorire il nostro movimento e a volte delle mie precisazioni, per giuste o sbagliate che siano, vengono interpretate in malo modo.
    Spiace tanto che, visti i tantissimi commenti negativi, chi legge da fuori Campania si rappresenti una MareMonti tragica dal punto di vista organizzativo. Problemi ce ne sono stati, purtroppo, ma noi siamo bravi davvero a darci i colpetti tafaziani (come richiamo nell’articolo), dimenticando che magari non tutto è buio. In bocca al lupo per tutto.

  • Maria Pericotti

    Ciao silvio, lo so che hai sempre lottato per i campani e per questo ti stimo; ma non ti ho menzionato nel mio commento perchè la mia era ed è una critica verso questa gara e quelle organizzate in modo simile.

  • SATARPIA FERDINANDO MARATHON CLUB STABIA

    CARO MARCO SONO FERDINANDO DELLA MEI CHE TI SCRIVE, DICO SEMPLICEMENTE CHE LA MAREMONTI E’ SEMPRE UNA GARA EMOZIONANTE E BELLISSIMA, VALE LA PENA SEMPRE ESSERCI, NON ABBIAMO NULLA DA INVIDIARE NESSUNO.PER QUANTO RIGUARDA IL TUO OPERATO,NESSUNO PUO’ PERMETTERSI DI SINDACARE SUL TUO LAVORO, PER ME SEI UN GRANDE, UN PROFESSIONISTA SERIO E IN GAMBA, UNA COSA DEVI SEMPRE FARE, DARE DEI SUGGERIMENTI AGLI ORGANIZZATORI ,AFFINCHE ESSI POSSANO ESSERE VERAMENTE INDISPENSABILI PER MIGLIORARE LE GARE. UN ABBRACCIO.

  • Marco Cascone

    Ciao Ferdinando. Farò come sempre fatto nei post gara..quando qualcosa non va: parlo con l’organizzatore e dico la mia! A volte mi ascoltano a volte no…sta alla loro voglia di migliorare! Grazie per i complimenti, molto graditi. Spero di trovarti spesso sulle gare.

  • umberto – asd marathon club pozzuoli

    Marco (sempre a mio avviso) continui a difendere un Organizzazione che ad oggi non ha neanche avuto il coraggio di replicare alle giuste critiche mosse sul suo operato, dando le dovute spiegazioni. Come tu ben sai non è la prima edizione e neanche la seconda. Quando dobbiamo aspettare ancora affinhè le cose vadano lisce?
    x Satarpia Ferdinando: tutti possono muovere(con i dovuti modi) anche critiche nei confronti di Marco, che, proprio perchè è un professionita serio ed in gamba (e uno di noi), spero accetti senza rancore.

  • Gennaro Pesce – ASD MARATHON DI SANTO

    Sono tesserato solo da quest’anno e la Mare e Monti è stata la mia prima mezza maratona. Il mio unico obiettivo era concluderla, cosa che ho fatto e, a tal proposito, da questo sito rivolgo un saluto e un ringraziamento alla signora (che ha partecipato alla maratona di New York) e al signore (ex arbitro) che mi hanno accompagnato fino in cima alla salita iniziata al cosiddetto “ponte dei sospiri”.
    Quanto all’Organizzazione, perfetta la chiusura al traffico del percorso, meno perfetto il ristoro finale dove avrei, come tanti hanno già detto, gradito ricevere una bevanda calda al termine di una gara che per me è durata 1h e 59 minuti, mentre circa la ricezione delle borse e il luogo per cambiarsi non posso pronunciarmi essendomi organizzato in proprio con la società di appartenenza. Un ringraziamento finale anche al pubblico presente lungo il percorso nonostante la pioggia a tratti copiosa. Grazie

  • gennaro velluso marathon club stabia

    a mio avviso il problema di questa gara unica al mondo per la sua bellezza e lo spazio se ci fosse lo spazio del’arrivo della roma ostia allora nessuno avrebbe niente da ridire

  • Adelaide Di Meo ALBA Bacoli

    se leggi la mia riflessione sulla gara (pozzanghere e magliette) ti ritroverai… sei tu quell’atleta “costretto a distrarsi dallo sforzo atletico di fronte a tanta bellezza… un saluto anche al nostro amico arbitro e un arrivederci a presto.

  • Gennaro Pesce – ASD MARATHON DI SANTO

    Beh, ricordo che ero talmente sotto sforzo atletico che ho fatto proprio grande fatica “ad alzare lo sguardo dall’asfalto e a guardarmi intorno” per apprezzare l’incantevole scenario. Comunque, il prossimo 1 marzo proverò di nuovo ad arrivare al traguardo di una mezza maratona, la Roma – Ostia. Ciao

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>