Anteprima — 16 novembre 2012

Palermo, 14 novembre 2012.La XVIIIedizione della Maratona Internazionale di Palermo Banco di Sicilia ha mosso il primo passo ufficiale. Questa mattina, infatti, presso la sala Gialla della sede del Banco di Sicilia di via Generale Magliocco 1 la classica è stata presentata alla stampa.
Presenti, oltre al “padrone di casa” Giovanni Chelo, responsabile territoriale del Banco di Sicilia Unicredit, anche Totò Gebbia, presidente del comitato organizzatore, Vincenzo Alaimo, responsabile del Marketing ed Agata Bazzi, assessore comunale al Territorio con delega al Centro Storico. Sono intervenuti anche Francesco Di Giovanni, uno dei coordinatori del Progetto Prisma che promuove la passeggiata non competitiva-Sigma e Francesco Gallo, atleta e canottiere.
La competizione scatterà domenica da via Libertà e più precisamente all’altezza del Giardino Inglese alle 9,15 e vedrà gli oltre 1.500 atleti provenienti da più 20 nazioni, animare le vie della città. Mentre circa mezz’ora dopo, e comunque prima delle 10, ci sarà anche la passeggiata non competitiva con 1.200 partecipanti.
Saranno, così, quasi 3.000 gli atleti tra chi parteciperà alla Maratona, alla mezza maratona ad alla passeggiata non competitiva – Sigma.
Ha fatto gli onori di casa Giovanni Chelo ed a cui è andato, in via simbolica, il pettorale numero 1. A Roberto Bertola, già direttore territoriale Sicilia, presente oggi, è andato il pettorale numero 5.
“UniCredit è per il quinto anno consecutivo Main Sponsor della Maratona internazionale Città di Palermo Banco di Sicilia UniCredit Group. Ringrazio gli organizzatori per l’opportunità concessa alla nostra banca di affiancare il nostro nome all’importante manifestazione sportiva che quest’anno raggiunge la sua diciottesima  edizione. E’ uno sport di massa, certamente economico, aggiungerei anche “pulito”, che può essere vissuto individualmente o insieme con altri”.
Per quanto riguarda l’aspetto più tecnico della Maratona, Totò Gebbia ha illustrato la situazione:
“In un momento così difficile – afferma il presidente del comitato organizzatore – stiamo facendo il massimo pur sapendo che si tratta del minimo indispensabile. Lo sport è travolto assieme a tutto il resto dalla gravissima crisi economica. In questo periodo abbiamo ristretto tutto e non solo noi. Alcune maratone, versano in gravi condizioni. Da Noi ci sarà il montepremi ma sono previsti dei premi personalizzati e siamo riusciti a far venire alcuni atleti etiopi ed un keniano che sarà in gara. Nonostante tutto ci saremo. Ma dobbiamo iniziare a programmare per l’anno prossimo fermo restando che ancora la Regione ha fermi i contributi per l’edizione 2011. Manifestazioni sportive come la nostra meritano tutt’altro trattamento”.
Un momento difficile sintetizzato anche da Vincenzo Alaimo:
“Abbiamo avuto una lieve flessione sul numero degli iscritti rispetto al 2011 (record di partecipanti), in  un anno (2012) in cui quasi tutte le maratone hanno subito dei decrementi notevoli; riteniamo quindi di poter valutare il nostro dato in maniera positiva, avendo superato comunque quota 1500 iscritti. Ribadiamo davvero però, il bisogno di una maggiore attenzione  per un evento sportivo di caratura  internazionale da considerare certamente patrimonio della città”.
A tal proposito, anche l’assessore comunale al Territorio con delega al Centro Storico, ha ribadito l’esigenza di una programmazione per salvaguardare questi eventi sportivi di rilevanza

GLI ETIOPI DA BATTERE CON IL KENIANO BIWOTT DA TENERE D’OCCHIO
All’ultimo momento ci sarà nuovamente, sia pure in forma ridotta, la sfida tra Etiopia e Kenya. Il leitmotiv tecnico sarà una lotta tra i cinque etiopi ed il 32enne keniano Nicodemus Biwott, terzo alle ultime due edizioni della Maratona di Reggio Emilia. Come tempo di riferimento ha 2’14”59 ottenuto l’anno scorso. Nel 2012 ha disputato due mezze maratone con 1h07′ all’ultima Roma-Ostia
Della pattuglia etiope, invece, fanno parte Batri Taye Mamo, nato nel 1984 (vanta un personale di 2h13′ alla Chandigarh Marathon di quest’anno). Tra i risultati cronometrici di prestigio anche un 2h14′ nel 2009 alla Maratona di Siviglia.
Al via anche Teshome Adane Cherenet, classe ’83 che vanta un primato cronometrico di 2h13 fatto registrare nel 2009 in Spagna, a Siviglia. Nel 2010 è giunto terzo in Thailandia  mentre ques’tanno nella mezza maratona si registra il crono di 1h05 minuti.
Batri Taye Mamo, classe ’84 ha un personale di 2h13′ ottenuto in India, alla Chandigarh Marathon in India. Quest’anno ha centrato il tempo di 2h16 alla Maratona d’Etiopia.
In gara anche Mekonmen Geberu Abera, il più esperto del gruppo (nato nel 1972); Nguse Aregay Gebresslasie (’82) ed Abrha Gebremedhn Hadgu (’78).
Tra le donne Woldeamilak Elfneshe Tafesse, classe ’85, Tra i suoi risultati di rilievo il 2h 38′ alla Abele Bekele Marathon di quest’anno.

COSI’ L’ANNO SCORSO
Nell’edizione dello scorso anno si impose il keniano Kiprop Serem in 2h15’15” mentre tra le donne l’etiope Oda Worknesh vinse in 2h27’44”.
Tra gli uomini, una vittoria italiana manca dal 2003, anno in cui Francesco Ingargiola trionfò. Le azzurre, invece, mancano dal podio più alto dal 2007: vinse Giusi Chiolo in 3h12’27”.

FRANCESCO GALLO  CANOTTIERE ED ATLETA CONTRO IL DIABETE
Tra le tante storie sportive da raccontare all’interno della Maratona, c’è sicuramente quella di Francesco Gallo, canottiere e podista palermitano di 53 anni che proverà a realizzare un’impresa: correre la distanza di 42 km per le vie di Palermo dopo averli percorsi in canoa.
Sabato (17 novembre), infatti, all’interno del porto della città, con logistica pressola Canottieri Palermo, Gallo percorrerà la distanza remando. Il giorno dopo sarà alla partenza della gara su strada.
Durante gli 84 km delle due manifestazioni, Gallo, diabetico insulino-dipendente, terrà monitorato il valore reale della glicemia con un sensore sul suo microdiffusore di valore reale della glicemia. Francesco Gallo, in questa stagione è stato vice campione siciliano 2012 di Canoa Olimpica (è tesserato per l’Asd Club Arenella) ed è un atleta della categoria Master nella Palermo H13.30.
Una testimonianza concreta contro il diabete dunque.
“La mia performance – sostiene Gallo – vuole essere una autentica testimonianza che il diabete non deve creare dei limiti ma anzi farci sentire uguali ai normoglicemici. Sarei contento se questa mia fatica possa convincere qualcuno a rischio diabete ad iniziare un percorso dove l’attività fisica sia al centro del proprio personale stile di vita. Il diabete, purtroppo, è una delle malattie più diffuse anche, e soprattutto, per le cattive abitudini alimentari”.
Tra gli obiettivi di Gallo, c’è quello di concludere i 42km della Maratona in circa 4h30′.

 UN MINUTO DI SILENZIO PER LE VITTIME DELLA STRADA
Il 18 novembre, giorno della Maratona, sarà celebratala Giornata MondialeVittime della strada. Intenzionati a sottolineare il valore sociale di questa ricorrenza, sarà osservato un minuto di silenzio prima della partenza.

IL PERCORSO
Partenza ed arrivo in via Libertà, spazio antistante al Giardino Inglese vicino a piazza Croci. Gli atleti percorreranno: via Via della Libertà – P.zza Vittorio Veneto – Via dell’Artigliere – P.zza Leoni – Ing. Parco della Favorita –V.le Diana – Via della Favorita (dir. Fiera giro di boa)–Via della Favorita (dir. Mondello) – V.le Diana (dir. Mondello) – Via Reg. Margherita di Savoia (giro di boa)-Via Reg. Margherita di Savoia (dir. Ingresso Parco della Favorita) – V.le Ercole – Palazzina Cinese  – P.zza Niscemi – Ingresso Villa Niscemi – V.le Ercole – V.le Diana (usc. Parco della Favorita) – P.zza Leoni – Via dell’Artigliere – P.zza Vittorio Veneto – V.le della Libertà – P.zza Ruggero Settimo – Via Ruggero Settimo – Via Maqueda – P.zza Villena (Quattro Canti) – C.so Vittorio Emanuele – Porta Nuova – C.so Calatafimi – P.zza  Indipendenza – Ingresso Palazzo Reale  (Passaggio Interno ARS) –  P.zza del Parlamento – C.so Vittorio Emanuele – P.zza Villena (Quattro Canti) – Via Maqueda – Via Trieste – Via Pavia – Via Torino – Via Maqueda – Via Ruggero Settimo – Via della Libertà – arrivo altezza Giardino Inglese Arrivo Mezza Maratona.

LA PASSEGGIATA NON COMPETITIVA
Come ogni anno, il Comitato Organizzatore della Maratona Internazionale di Palermo proporrà anche la  passeggiata non competitiva Sigma riservata a 1200 partecipanti ( scuole, bambini, famiglie, associazioni….) promossa quest’anno anche dai coordinatori del Progetto Prisma che si battono per i diritti dell’infanzia ed il sostegno dei bambini meno abbienti della nostra città
La passeggiata si svolge in prossimità della 22ma Giornata Internazionale dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza che ricorre ogni anno il 20 novembre.

 

Ufficio stampa
Edoardo Ullo
Marco Tripisciano

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>