Cronaca — 07 marzo 2008

Il dovere di ringraziare tutti i presenti alla Maratona del Gargano mi spinge a prendere carta e penna anche se ultimamente con esse c’è una certa apatia.
Un grazie di cuore, non solo ai 300 arrivati nelle due distanze, ma anche a coloro che per un motivo o per l’altro hanno dovuto abbandonare in corso d’opera.
Quinta maratona del Gargano, come la quarta tutto è andato liscio, a sentire i commenti tutto ha funzionato perfettamente… le cose buone si dimenticano in fretta.
Peccato! Si è registrata anche l’assenza dei due podnettiani doc del posto, Porcelli ed Annoscia, il primo avrebbe ben descritto il contenuto del pacco gara (a pensare che ci siamo dati tanto da fare per riempire lo zainetto), avrebbe raccontato dei ristori ogni due km e mezzo e delle abbuffate al ristoro finale. Il secondo avrebbe raccontato della cordiale accoglienza ricevuta e della mancanza, ancora una volta, dei bagni chimici senza contare le infinite foto che avrebbero scattate.
L’Amico Franco Draicchio nel complimentarsi ha detto che solo la legge dei grandi numeri potrà condannarmi, ‘Franco’, io mi sono già assolto, i grandi numeri interessano relativamente quando chi stremato  taglia il traguardo, ti cerca tra la folla per abbracciarti e complimentarsi. Sono momenti indescrivibili che contano molto di più dei grandi numeri (assicuro che non vale la storiella della volpe che non potendo arrivare all’uva dice tanto è acerba).
Dicono bene Marco Calderone e Michele Rizzitelli, queste sono gare di piccole città, oltre a quello che si dà di routine, si dà anche tanta cordialità e amicizia. Si cerca di far sentire ognuno il primo attore. Purtroppo, per quanto mi riguarda, molte amicizie vanno sicuramente riconsiderate.
Ringrazio in particolare modo il vincitore di questa quinta edizione Marco Calderone per il suo modo genuino di interpretare la corsa, Michele Rizzitelli per le sue considerazioni e per le lodi alla maratona, all’organizzazione e alla mia persona, un po’ meno per la sua meticolosa lezione di anatomia.

Autore: Pasquale Giuliani

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>