Cronaca — 19 dicembre 2010

La Coast to Coast si è proposta nella sua seconda edizione. Lo ha fatto nel modo giusto: percorso da lasciare senza fiato (ma quello è uno splendido classico), record di atleti all’arrivo, record cronometrico nella gara maschile e in quella femminile. Le condizioni atmosferiche, toste davvero nei giorni scorsi, hanno regalato a tutti una tregua, proprio nella mattinata della gara, aiutando il lavoro dell’organizzazione (durissimo, visti i 14 comuni attraversati). Il fascino di questa gara non lo scopro io di sicuro, ma percorrere il tracciato che unisce la penisola Sorrentina a quella Amalfitana, arrivando a Maiori, è di suo una vittoria, per tutti gli atleti. Una vittoria, perché arrivare a completare una maratona è già un successo, arrivare dopo essersi goduti 42.195 metri così belli è come salire tutti assieme sul gradino più alto del podio. Si torna a casa con un’emozione dentro che vale una vittoria davvero, indipendentemente dalla classifica ufficiale.


La gara.


Sì, la maratona è la maratona. Ne abbiamo avuto nuovo riscontro proprio al traguardo della Coast to Coast. Nessuna previsione prima del via è sicura, è solo l’arco d’arrivo a dire il vero. La vittoria non è mancata per il pronosticato Nicodemus Biwott ma a 5 km dalla fine aveva 3′ di vantaggio su Emanuele Zenucchi, per poi arrivare decisamente stremato, con soli 43′ di anticipo sul Bergamasco (gran bella gara la sua). 2h25’59’ per il nuovo record maschile, con passaggio a metà gara in meno di 1h11′. Terzo all’arrivo, a conferma della sua bravura e di quanto avvenuto già lo scorso anno, Gianluca Piermatteo del Team Atletica Scafati. Belle le prestazioni dei due atleti della ‘Paeninsula’, quella Sorrentina: Marco Russo e Alfredo Norvello, rispettivamente quarto e quinto.


La gara donne è stata ancor più importante dal punto di vista tecnico. Peppe Pirozzi, che non finirò mai di ringraziare per il gran lavoro fatto nel seguire in bici la gara e darmi notizie in tempo reale, mi ha segnalato da subito il confronto tra la vincente uscente della gara, Maria Vrajc, e Monica Carlin (in gran forma). La Croata Vrajc in realtà non era ufficialmente in gara, ma il confronto c’è stato comunque. Un confronto che ha esaltato la Carlin, che è volata via a metà gara, per giungere sul lungomare di Maiori e fermare solitaria il crono sul nuovo record (migliorato di ben 6′): per lei 2h52’02’ che, considerando l’altimetria della gara, è decisamente un gran bel tempo. Vrajc giunge buona seconda, anche se il gradino alla destra della vincitrice viene occupato da Monica Casiraghi: la campionessa del Mondo della 100 km del 2004, non in perfette condizioni fisiche, ha fermato il crono in 3h05’24’. Terza posizione ufficiale per sara bardaschia, Marciatori Gorizia. Bella gara per Ania Paniak. L’atleta dell’Antares Stabia con il suo 3h14’48’ conferma di essere in ripresa  e che sta tornando ai livelli che gli competono. Quinta al traguardo, con 3h20′ esatti, Lucia Avolio, a rappresentare la società organizzatrice: la Napoli Nord Marathon.


La Napoli Nord Marathon vince la classifica a squadre, con l’Idea Atletica Aurora e la Polisportiva Folgore subito dietro. Quarta e quinta posizione per la Podistica Marcianise e la Podistica San Giovanni a Piro-Golfo Policastro.


La Coast to Coast ha ripagato gli sforzi di chi ha creduto in lei: Antonio Esposito, Andrea Fontanella, Peppe de Novellis e i loro tanti collaboratori. Ma, soprattutto, la Coast to Coast ha ripagato, e non poteva essere altrimenti, chi ha gareggiato e vissuto da protagonista la maratona delle due Costiere. Tutti protagonisti di un sogno, lungo 42,195 km.


 

Autore: Marco Cascone

Share

About Author

Peluso

  • Benedetto Scarpellino, RuNaples

    Quest’anno, purtroppo, per un problemino fisico, la gara me la sono persa. Ma ho corricchiato comunque sul tratto amalfitano della Coast to Coast. Complimenti agli organizzatori per la scelta di invertire il percorso, che lo rende più tecnico, anche se comunque molto duro, soprattutto nel finale.
    Ma alla Coast to Coast il cronometro deve servire per confrontare le proprie performance anno dopo anno…il valore assoluto è dato dall’apetto paesaggistico: è, senza possibilità di smentite, uno dei più straordinari percorsi extraurbani, su fondo asfaltato, del mondo.

  • Giovanni Camelia Cralanm Napoli

    La mia prima Coast to Coast, percorso da favola anche se molto duro.Un consiglio visto il malcontento di molti atleti: mettere una motonave al posto dei bus anche perchè molte persone si sono sentite male al ritorno (colpa del percorso pieno di curve). Anche ritoccando un po il pettorale. Alla prossima………….

  • enzo martucci asd atletica capua

    nulla da eccepire tt bellissimo …….percorso da favola..traffico kiuso…rifornimenti scrupolosi cn volontari gentilissimi….l’anno prossimo si ritorna cn l’entusiasmo di oggi i numeri parlano kiaro organizzazione xfetta….il problema ahime’ e’ la navetta ke c riporta a sorrento….ho sofferto tantissimo il percorso e’ impervio e dopo 42 km davvero e’ una tragedia…….grz cmq di tutto e bn natale a tutti gli atleti e ancora un plauso all’organizzazione

  • fabrizio bromuro roma road runners

    sul percorso niente da dire e spettacolare
    sulla navetta concordo con gli altri runners
    il pulmann nn puo partire alle 15 e impiegare
    1h30 x rientrare a sorrento dopo una fatica del genere
    anche xche se qs 42
    arrivera a piu’ di 1000 partecipanti che succedera

  • antonio nogarotto arca atletica aversa

    e statto molto bello per esseere la mia prima maratona lo chiusa in 3ore 39 sono molto sodisfatto uil percorso era troppo bello

  • Massimo Avitabile – Irpinia corre-Atripalda (AV)

    Gara bellissima, percorso da paradiso terrestre (del resto le 2 Costiere Amalfitana e Sorrentina sono le uniche al mondo), organizzazione impeccabile sin dall’arrivo di noi podisti a Sorrento nella piazza centrale, molto accogliente la reception all’interno del bar per il ritiro dei pettorali e gli spogliatoi per gli atleti; secondo me per il ritorno a Sorrento (NA) dopo la gara non e’ pensabile l’utilizzo di traghetti o motonavi in quanto per il periodo scelto e le eventuali condizioni del mare non consentirebbe la navigazione; purtroppo la strada che porta a Sorrento e’ la Costiera; anzi io proporrei agli organizzazioni di creare una convenzione per i parcheggi delle auto a Sorrento (semmai chiedendo un contributo maggiore fisso al costo del pettorale).
    BRAVI A TUTTI GLI ORGANIZZATORI DELLA NAPOLI NORD MARATHON!!
    Ah proposito! mi sono venuti i brividi vedere l’atleta correre a piedi nudi la maratona!

  • Fioravante Pisa ASD G. P. del Baianese

    Bello, Bello Bellissimo … è la maratona che ricorderò più di tutte. Per il percorso … Incantevole … per il Ignazio, Francesco e Giuseppe che mi hanno COCCOLATO … portandomi al ritmo delle 3h e 30m finali … per tutti gli altri che hanno fatto gruppo con noi per più di 30Km di cui non ricordo il nome, ho ricevuto un invito per il trentino, … la ricorderò per l’ottima organizzazione … la ricorderò anche per il momento spiacevole che ha vissuto il mio amico Giovanni Maddaloni, alla sua prima esperienza, ha ceduto al 33 Km passando il pomeriggio e parte della serata in ospedale a Castiglione, niente di grave normale rooutin … per la bravura, la diponibilità e l’accoglienza dei medici dell’ospedale di Castiglione … la ricorderò per gli altri mie amici del mio Team Ciccio Tulino, Giovanni Montuori e Frigura Vasile … la ricorderò perchè è stata veramente un’eperienza unica, sicuramente ripetibile il prossimo anno. Lascio il mio indirizzo mail per chi vuole contattarmi: fioravantepisa@libero.it e ad Ignazio (se leggerai) dove pubblichi le belle foto che ci hai fatto durante il percorso? Ciao e Buone feste a TUTTI.

  • asd la solidarietà

    complimenti vivissimi ai quattro rappresentanti della società amica asd le tartarughe. una gara da ripetere l’anno prossimo con una maggiore partecipazione da parte di tutte e due le società.

  • tulliolabella amatori atletica napoli

    Non credo assolutamente che la motonave sia una buona soluzione. Io vado per mare in barca a vela e non ho problemi. Ma ho visto recentemente, alla Maratonadisole dello scorso maggio (a maggio!!), molti atleti vomitare anche l’anima nel tragitto Ischia-Capri (tra questi anche alcuni toprunner e molti atleti della Nord Marathon). Non riesco ad immaginare cosa succederebbe a quegli atleti che hanno sofferto il bus durante il passaggio da Punta Campanella!! Visto dall’alto durante la corsa il mare sembra sempre calmo (sic).
    I miei complimenti all’organizzazione. Veramente perfetta. La ciliegina sulla torta è stata l’ospitalità dello splendido ed elegante bar alla partenza (uso delle toilette compreso). Premetto che non è assolutamente una critica, ma un’apertura di discussione e/o forum sull’argomento: PERCHE’ TUTTI MANGIANO SOLO LE BANANE? Io ho corso purtroppo nelle retrovie (sono arrivato in 4h20′) e ho sempre trovato abbondanza di ottime nele annurche nostrane, ma mai un pezzo di banana!
    Erano sempre finite! Al trentesimo chilometro ho chiesto e mi hanno detto che ne avevano portato in abbondanza. Allora, e lo chiedo anche all’esperto nutrizionista del sito: è veramente molto più efficiente mangiare una banana (e non altri tipi di frutta) durante una maratona? Io sono il primo ad esserne convinto ed infatti l’ho cominciata a chiedere fin dal km 25. Ma è giusta l’idea?
    p.s. ma l’atleta a piedi nudi con che tempo di gara ha corso?

  • Massimo Falanga – A.S.D. Il Parco

    Ero alla mia undicesima maratona…è stata la più bella di tutte!!! Organizzazione perfetta.
    L’anno scorso non l’ho fatta…ma era tanto più duro il percorso inverso? Solo così si eviterebbe il ritorno in navetta…

  • Ciro Pistillo – St Bern (Svizzera)

    Per me è stata la prima maratona. Son tornato sui luoghi di infanzia e adolescenza per un viaggio tra i ricordi ed è stata un’emozione indescrivibile dal primo all’ultimo metro. Grazie di cuore agli organizzatori ed a tutti quanti hanno reso possibile la realizzazione di questo mio sogno di diventare “maratoneta” nella mia terra.

  • Agostino

    Proposta per l’anno prossimo!
    Punto d’incontro: Sorrento
    Navetta per raggiungere l’inizio gara
    Inizio gara: Colli San Pietro di Piano
    Fine gara: Vietri sul Mare
    Navetta da Vietri immissione su Autostrada per Sorrento.
    Cosi si evita il grosso fastidio del bus lungo tutta la costiera e si evita di fermare il traffico lungo tutta la penisola sorrentina.

  • fabrizio bromuro roma road runners

    secondo me anche se il
    percorso e piu’ duro basterebbe far ritornare l’arrivo a sorrento
    xche ripeto qs 42 nei prossimi anni superera sicuramente i 1000 partenti e con l’arrivo a maiori sara critica gestire la situazione

  • Mimmo e Anna I.S.S. Nola

    Assaporare ogni dettaglio della costiera percorrendola a piedi e’ stato il piu’ bel dono di Natale che potessimo desiderare Grazie!!! Grazie a tutti e Buon Natale

  • giovanni calce Poligolfo Formia

    posti bellissimi X una maratona ottimamente organizzata, complimenti all’organizzazione e allo stakanovista della Ns. società, il quale dopo i 42 km mi ha ragguagliato del tutto, BRAVO ALDO!
    Bravissimi tutti coloro che hanno collaborato a questa 2^ Edizione, un saluto particolare al presidente Antonio Esposito.

  • Aldo Martucci ASD Poligolfo Formia

    Sono grato alla mia Società Poligolfo Formia per l’incoraggiamento ed il sostegno a questa mia folle passione e sono grato alla Napoli Nord Marathon ed al suo Presidente – Amico Antonio Esposito che mi rende possibile partecipare alla più bella maratona del mondo: la Coast to Coast; bella sia da Maiori a Sorrento e sia da SDorrento a Maiori e sono sicuro che sarebbe bella anche se la organizzassero in altro modo perchè il percorso è unico, perchè l’organizzazione è affidata a gente competente e di buona volontà. Sono infine grato a Lui che mi dà la forza di fare una simile maratona nel giorno di Telethon. All’anno prossimo.

  • mauro severoni cittaducale runner’s club

    anche a me piacerebbe l’anno prossimo fare la gara da maiori a sorrento a parte il poter valutare quanto sia davvero piu’ dura, in quel senso, sarebbe anche più comodo riprendere la circunvesuviana , mi piacerebbe anche ogni tanto incontrare qualche giudice/organizzatore che lungo il percorso annota il numero dei maratoneti in transito,a meno che distratto dai bei scorci paesaggistici (naturali defaticanti mentali) nn ho notati. comunque nel complesso MI é PIACIUTA!

  • Bandieri Rosanna

    SPETTACOLARE!!! Avevo percorso la Costiera in varie occasioni per gare ciclistiche, ma MAI con il traffico completamente chiuso!!! Non dimenticherò mai il rumore del mare, delle cascatelle, delle scarpette degli atleti e degli applausi della gente!!!Se penso che i venditori di limoni e arance non si sono arrabbiati per una giornata di lavoro perso, anzi, ci hanno incitati !!!… Magnifica la zona di partenza e gentilissimi i gestori del bar “Fauno” sede di partenza !! Provengo da Reggio Emilia, una Maratona che in quanto a organizzazione non ha niente da invidiare.. e mi è mancato ( rispetto alla mia di Reggio) , il cronometraggio dei parziali ( almeno del 21°..per sapere con che tempo sono transitata…io non uso orologi) e un po’ di cibi solidi, almeno dal 15° in poi..Io ho trovato biscotti e frutta, un’amica transitata dopo, fortunatamente aveva con se barrette e gel, perchè non ha trovato niente … Comunque una Maratona tra le più belle abbia mai percorso, e il 3,40 finale mi lascia molto soddisfatta, vista la mia maratona una sola settimana prima :-) BRAVI , bravissimo lo speacker, molto bello il pacco gara ( perchè non fate le taglie da donne ??? ) .Grazie..ritornerò!!!!!

  • Alfredo Avitabile – ASD Napolirun

    Salve a tutti, questa maratona è un sogno, ho partecipato ad entrambe le edizioni attratto dalla bellezza della costiera totalmente sgombra dalle auto, il mare d’inverno, l’atmosfera natalizia e certamente anche dalla durezza del percorso. Ma da Sorrento a Maiori è sicuramente più facile, e forse anche più panoramico

  • Domenico Todisco – ASD Aequa Running (Vico Equense

    Ciao, complimenti a tutti gli amici podisti che hanno completato la gara , ho fatto questa gara solo per godermi l’emozione di correre in un ambiente fantastico, sono felice perche’ ho trascorso una bella giornata con gli amici, sono arrivato comunque in 4h35m anche se dal 25 km ho sofferto di crampi, il ginocchio ha reagito bene dall’infortunio avuto nella precedente maratona di roma 2007 (leggera lesione al tendine rotuleo) che mi impose uno stop di 5 mesi. Avevo un po’ paura di fare questa infatti l’ho fatta senza forzare troppo. Devo essere sicero bisogna migliorare l’organizzazione su alcuni dettagli per il prossimo anno. Buona corsa e Auguri

  • E. Grieco Pod. S. Giovanni a Piro Golfo Policastro

    Bella gara, buona organizzazione, intense emozioni!! Le due costiere si vedono senza traffico, quindi ancora più belle solo in occasione della Coast to Coast!!
    Da ripetere sicuramente.
    Noi della Pod. S. Giovanni a Piro – Golfo Policastro ci siamo divertiti … è questo era l’importante.
    AUGURI A TUTTI PER IL SANTO NATALE!!!

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>