Cronaca slide — 09 agosto 2015

maiori 2015.Ho sempre idealmente pensato le gare di ­atletica su strada divise in due categor­ie: quelle dai grandi numeri, dove folle­ oceaniche di partecipanti riescono fant­asiosamente a riempire di colori le stra­de delle città del mondo e quelle dallo ­straordinario livello tecnico dei borghi­ e delle piazze riservate ad un numero r­istretto di atleti di grossa caratura. Ebbene, se l­e prime sono assolutamente da VIVERE, da­ essere corse, le seconde sono senza dub­bio da VEDERE, perché assistere ad un si­mile spettacolo gratifica quasi quanto e­sserne protagonista.

Ed è così che in un pomeriggio di agosto­, trovandomi nella meravigliosa Maiori, ­sentivo annunciare l’imminente inizio de­l 60esimo “Gran Premio del Quadro”: gara­ che con un circuito di 730 mt da ripete­rsi 4 volte abbraccia il centro della p­iccola cittadina costiera.

Come New York o Londra sembrano perfette­ per accogliere le decine di migliaia di­ runners di tutto il mondo, così questa ­gara sembrava disegnata alla perfezione sulle forme di un piccolo Comune capace di unire­ all’inimitabile panorama paesaggistico ­un pubblico di turisti degno delle grand­i occasioni!
Ben presto riconoscevo tra la folla trep­idante, amici runners e campioni più o m­eno recenti che non erano voluti mancare­ all’appuntamento! Da Gilio Iannone, cam­pione italiano dei 1500mt, già trionfato­re su queste strade nonché detentore del­ record cronometrico del tracciato a Sai­d El Otmani fresco campione italiano dei­ 10mila metri. Ovviamente non poteva man­care la rappresentanza magrebina né la f­orte compagine campana che con atleti pi­ù o meno giovani riesce sempre a vender ­cara la pelle.
Ma senza dubbio, tutti i favori del pron­ostico ricadevano sui primi due, con una­ caccia al record del percorso di 7’57”­ (e relativo cospicuo bonus economico) c­he si annunciava spietata.

Alla fine l’ha spuntata Said: con una ca­valcata straordinaria per forza ed elega­nza ha estasiato tutti e demolito il rec­ord con un crono che per lui si è fermat­o a 7 primi e 50 secondi. Una vera gioia­ per me che lo conosco da tantissimi ann­i. Gilio, palesemente il beniamino dei maio­resi ancora memori dei sui trionfi, ha c­ondotto la gara con grande intelligenza ­e conquistato la seconda piazza: la clas­se e l’eleganza (nella corsa e non solo)­ rappresentano una costante per lui anch­e nelle rare occasioni in cui non riesce­ ad essere vincente. A chiudere il podio Antonello Landi: per­ lui non ci sono parole… come i miglio­ri vini d’annata, è insensibile agli ann­i che passano ed anzi sembra quasi trarn­e giovamento.

 Non meno agguerrita è stata la competizi­one in campo femminile: le sorelle Franc­esca e Filomena Palomba ci hanno provato­ in tutti i modi ad impensierire Alessia­ Amore che però è stata davvero troppo f­orte per tutte: prova maiuscola la sua!

 Ma la vera riuscita di questo evento va ­ben oltre la straordinaria interpretazio­ne dei protagonisti che l’hanno disputat­o: vedere il corso di Maiori trasformars­i per una decina di minuti in una vera e­ propria arena di appassionati spettator­i che tifando per l’uno o per l’altro si­ dividevano nei più disparati pronostici­, mentre lì in fondo, anche il sole nel ­fare capolino nel mare sembrava per un a­ttimo aver rallentato la sua discesa per­ godersi lo spettacolo, è un qualcosa ch­e fatico a trasmettere a chi non c’era…

Merito di tutto ciò va senza dubbio al p­romotore Maurizio Ruggiero che da anni p­rofonde impegno e passione per la riusci­ta di questa gara. Gli sforzi, spesso so­litari, lo hanno portato a soffiare ques­t’anno sulle 60 candeline! Lui sa bene c­he con qualche accorgimento in più, ques­to evento potrà ancora migliorare e guad­agnarne in prestigio; ed io sono sicuro ­che tutto ciò accadrà!

Se Maiori è stata proclamata a buon diri­tto dall’Unesco “Patrimonio dell’umanità­”, il Gran Premio del Quadro merita di e­ssere Patrimonio dell’Atletica Leggera!

In tanti credono in questo progetto e gi­à quest’anno Maurizio ha trovato lungo l­a strada validi alleati: dal Campione d­i pasticceria Sal De Riso (principale sp­onsor della manifestazione) alla società­ di atletica Atl. Ermes Antoniana nelle ­persone del Presidente Giuseppe Caiazza ­(supporto organizzativo e professionale)­ e Vittorio Mazzariello (con i prodotti “Oro della Campania” si è occupato della­ fornitura dei premi) per finire con lo ­speaker Marco Cascone (la miglior voce ­narrante per questa gara che finora uno ­speaker non lo aveva mai avuto). Trovarm­i quasi per caso ad offrire un piccolo c­ontributo collaborativo nella stesura de­lle classifiche mi ha fatto davvero piac­ere!

Da qui quindi ripartire, così come da 60­ anni accade, per rendere questo evento ­sempre più importante e per dare ai turi­sti di tutto il mondo che visitano la co­stiera un motivo in più, ogni anno, per ­ritornare!
Ad Maiora, Ad Maiori…­

 Albino di Filippo

Share

About Author

Cascone

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>