TuttoCampania — 30 marzo 2009

Si è tornati a correre al rione Cucciarella di Maddaloni, sulle strade lastricate del centro storico casertano, in una gara che ha ricordato il politico Lombardi. Oltre mille atleti lungo l’itinerario stretto e tortuoso della cittadina hanno messo a dura prova l’organizzazione, che ha retto bene sotto l’aspetto tecnico della gara, ma che alla fine si è lasciata sorprendere e forse era impreparata alle intemperanze di decine di atleti che hanno forzato il debole blocco degli operatori ai ristori, pur di guadagnare posizioni ed il generoso vettovagliamento, peraltro a disposizione di tutti.


Gara senza traffico e città super blindata: questo sì che è un merito per tutti. Una corsa che a Maddaloni presenta per tradizione due volti. Nella prima parte si scorazza nel dedalo di viuzze e lungo il saliscendi del centro storico (con la pioggia i lastroni erano diventati molto sdrucciolevoli), mentre l’altra metà gara è stata instradata in periferia nella larga strada, con funzione di andata e ritorno.


10.400 metri totali, con arrivo in discesa; in futuro sarebbe auspicabile una drastica riduzione dei partecipanti per vivere l’evento nel migliore dei modi, anche se il sindaco a fine gara ha dichiarato che molte e tante erano state le richieste di partecipazione.  Il principale handicap cittadino è costituito dal percorso, insufficiente a chi parte dalle retrovie per risalire la china, quando si decide di essere in tanti A Maddaloni  poi un incerto start ha spiazzato non pochi, tanto che la consistente prima fila ha beneficiato in pratica di uno sconto di qualche centinaia di metri, pur di concorrere alla conquista delle generose ceste alimentari delle decine di premi di categoria.


I primi della classe si sono subito fatti largo e sono schizzati via; per alcuni chilometri erano tutti assieme, anche per l’impatto immediato con le stradine ed i primi saliscendi. Al terzo chilometro sotto la spinta di Varrella, Rochid e Signorelli ha mollato leggermente Marco Russo. La svolta si è avuta tra il 7° e l’8° chilometro, quando Varrella ha rintuzzato un attacco del marocchino di Capodimonte, accelerando successivamente. Duecento metri sono bastati al beneventano per guadagnare la prima posizione finale, mentre Signorelli si è piazzato terzo.


La gara in rosa prevedeva il duello Vento-Oliva e così è stato, anche se va citata l’ottima gara della Giocondo (terza all’arrivo), nonostante la partenza l’abbia penalizzata. Un insolito Agostino Rossi nelle vesti di speaker.

Autore: Giovanni Mauriello

Share

About Author

Peluso

  • Antimo villano Arca Atl.Aversa

    Per quanto riguarda il percorso io lo proverei ad invertirlo tutto per evitare l’inbottigliamento iniziale,ma poi si chiede troppo alla sempre sportività della cittadinanza maddalonese, perchè si arriverebbe nel centro alla fine.Le difficoltà al ristoro io personalmente non le ho viste,forse perchè ho pensato bene ad andare a mettere qualcosa di asciutto addosso, come faccio quasi sempre per evitare la ressa inevitabile dopo la gara.
    In realtà dovremmo essere anche noi un pochino più pazienti e corretti verso chi si trova dall’altra parte a distribuire le cibarie,l’acqua,i sacchetti ecc.
    E dovremmo essere anche più leali rispetto a chi sta già in fila davanti a noi senza fare le solite furberie ne tentare a tutti i costi di passare avanti.
    Pertanto ancora una volta faccio i miei complimenti all’organizzazione per l’impegno e la capacità profusa per la riuscita dell’evento e a Maddaloni tutta per l’ccogliente ospitalità e sportività che dimstra ogni anno nei confronti degli atleti.Bravi tutti.

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>