Cronaca HOME PAGE — 08 gennaio 2012

E’ Stato Lorenzo Sanzone della Running Modica a vincere la 9^ edizione della Maratona Città di Ragusa, con il crono finale di 3 ore 3 minuti e 6 secondi. Secondo Santo Monaco della Placeolum di Palazzolo in 3 ore 6 min e 3 secondi ,3° il catanese Goffredo Caldarera in  3 ore 12 min e 21 sec.
Tra le donne prima Anna Cavallo della Olimpia Vignola di Modena, anche se lei è modicana di nascita, al traguardo in 3 h 57′ 42″.
Completano il podio Elena Cifali della Movimento e Vita Gela in 4h 06’44” e la tedesca-modicana Inge Hack in 4h 11’55”.
A Lorenzo Sanzone è andato il “Premio Emiliano Ottaviano”, consegnato sul podio al maratoneta acatese da Chiara Ottaviano, zia dello scomparso manager sportivo ragusano, che in passato era un componente lo staff oragnizzativo della Hybla Marathon.
Nella 42 km è stato consegnato pure il premio al miglior maratoneta ragusano al traguardo, vinto da Amalchide Occhipinti della No al doping di Ragusa Ibla, al traguardo 25° in 4 ore 07′ 05″.
Nella StraRagusa di 21,097 Km, partita circa due ore dopo la Maratona (il cui start è stato alle 8.10), podio tutto targato Padua Ragusa con Carmelo Mezzasalma vincitore in 1h 14’35”, su Vincenzo Schembari 1h 14’43” e Massimo Canzonieri in 1h 15’17”.
Al femminile il podio ha visto Fernanda Mirone della Barocco Running in 1h 31’17” su Eleonora Suizzo Archimede Siracusa in 1h34’19” e Valentina Polizzi pure lei Archimede Siracusa in 1h 40’18”.
Una cinquantina i podisti presenti al percorso dei 42 Km,  mentre in 180 sono state le presenze alla StraRagusa di 21 Km, con in quest’ultimo percorso, per la maggior parte le presenze sono state di podisti ragusani e delle province limitrofe, mentre come tradizione, la Maratona ha visto soprattutto una ampia presenza in percentuale di podsiti d’oltre Stretto e da gran parte della Sicilia.
Oltre ai due percorsi per podisti evoluti, discreto successo ha ottenuto la Family-Run non competitiva di 3500 metri da Piazza San Giovanni alla Piazza Duomo di Ibla, con anche colorata presenza di bambini.
L’edizione 2012 della Hybla-Marathon, andrà soprattutto in archivio, come la più spartana di tutta la serie, complice anche le ristrezze economiche, che han praticamente trasformata la kermesse ragusana, in una starpaesana a tutti gi effetti, senza molte cratteristiche tecniche degli altri anni, come il cronometraggio coi chip, o la presenza dello speaker, o dei Montepremi come anche dei premi di categoria. La premiazione è stata fatta in stile olimpico, con simboliche coppe solo ai primi tre arrivati, mentre un piccolo pacco-gara e una medaglietta mignon son stati il misero ricordo per tutti i partecipanti. Saltato pure il tradizionale Pasta-Party finale, sempre per ristrettezze economiche.
Soddisfatto comunque alla fine il C.O. nella presenza del Dott. Seb. La Mesa della Ass. Cult “Sicily is one”, che ha anche sottolineato la presenza di tanti volontari di Protezione Civile lungo l’ampio tracciato, e delle Forze dell’ordine tra Polizia Municipale, Polizia di Stato e Carabinieri, che han garantito la piena riuscita in sicurezza del complesso evento, dando appuntamento al 2013 ( si spera!) per l’edizione del decennale, ristrettezze economiche permettendo.

Il C.O.

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>