TuttoCampania — 13 febbraio 2012

A Napoli quella della sera dell’11 Febbraio, ritengo sia stata la riunione indoor che ha messo definitivamente in luce le pesanti difficoltà di gestione generale del comitato federale campano. Non prenderne atto è per me da irresponsabili. (non stiamo qui a fare descrizioni di episodi prima di maleducazione, poi di incompetenza o inadeguatezza di qualcuno, nè di quant’altro accaduto ieri sera)
Il settore Giudici è uno spaccato,si, di quelle che sono le problematiche e le difficoltà di conduzione, ma non può essere un alibi e non può configurarsi come il caprio espiatorio , il Benjamin Malaussene della situazione.. , si deve avere il dovere e conseguente coraggio di riconoscerlo.
Io invito ad una seria riflessione il Comitato Fidal Campania intero e la persona del Suo Presidente,proprio per salvare quello di buono (se c’è) e quelle persone di indubbia capacità politico-tecnica, che necessitano per una ripartenza che permetta un riassetto e rilancio di una macchina logora,obsoleta. Tutto partendo, chiaramente, dalla famosa frase di Don Lorenzo Milani “I Care” altrimenti come non detto.

Enzo Renda

Share

About Author

Peluso

  • BERTONE ERCOSPORT

    TANTE LAMENTELE E POCHI FATTI MI SA CHE LA POLEMICA SIA L/ARMA MIGLIORE X NON APPRODARE A NULLA.MI RIVOLGO A TUTTI I PRESIDENTI VERI ASCOLTATE LE CRITICHE DEI VOSTRI ATLETI MA PERCHE NON OGANIZZATE UNA MAXI RIUNIONE E CERCATE DI DIFENDERE CHI AMA QUESTO SPORT.PRIMA CHE SE NE ACCORGONO GLI ATLETI? SCUSATE MA NON SI PUO SOLO RECRIMINARE.

    • papa alessandro

      BUONGIORNO
      Carissimo Enzo, FIDAL. FIDAL e ancora FIDAL. Non è che il disco sim sia incantato???
      Da persona sensibile e di cultura sai che tante, tantissime problematiche non sono causate dalla FIDAL, in tanti anni non ho mai visto o sentito una protesta seria e vibrante nei confronti di una parte del GGG. Io ho assistito a decine di riunioni con la presenza del fiduciario regionale del GGG, sempre le solite parole, sempre i soliti detti, bisogna stemperare gli animi, bisogna collaborare con i giudici ecc… ecc… tante belle parole, ma poi????!!!! Ed ecco gli scempi che settimanalmente vediamo……hai visto lo starter di sabato (!!!???) uno scandalo, mi sono vergognato io per lui…..eppure quel signore è sempre lì….con aria saccente ed arrogante in tutte le manifestazioni. Caro ENZO per queste problematiche bisogna rifondare il GGG, la FIDAL quì può ben poco, sai benissimo che lioro sono un gruppo a parte e mom vogliono nessuna intromissione….!!!!
      NON VA’ BENE NIENTE.
      ORMAI SIAMO IN CAMPAGNA ELETTORALE….. E QUESTO, CARO ENZO, LO SAI BENISSIMO……….FINO AD OGGI TUTTI ZITTI, TUTTI A CASA…….ALL’IMPROVVISO TUTTI PARLANO E TUTTI SPUNTANO….COME LE LUCERTOLE AL PRIMO SOLE.
      CHE BRUTTA ATLETICA.
      BUONA GIORNATA A TUTTI.
      ALESSANDRO PAPA

      • enzorenda

        mannacc…lo starter me lo sono perso, confesso! bè sarà come dici ma rifondare il GGG a chi tocca? io penso che tutto quello che fa parte del mondo fidal … ci riconduca comunque e sempre alla FIDAL. Si è vero che il periodo è “elettorale” ma io invece noto tuttaltro e cioè una grande attenzione a NON ESPORSI invece , mentre dovrebbero gli interessati, se ci fossero, mostrare i loro intendimenti e i loro programmi per cercare un miglioramento della qualità dell’attività generale quindi della gestione politico finanziaria e tecnica. Con chiarezza, lucidità onestà di intendimenti . Non vedo questo ma solo “struzzi” che cercano continuamente alibi e o trovano espedienti di vario genere. Io non penso che il problema è solo quello del GGG no , anzi questo come ho detto non deve essere piu il “nostro” alibi.

        • papa alessandro

          Ci mancherebbe che il problema fosse solo dei GGG…….hai ragione nessuno si espone, ma come le lucertole escono al primo sole…..!!!! ciao
          alessandro

  • raffaele colantuono

    ragazzi avete ragione,molti dal loro comportamento e del loro pensar ci stanno pensendo,date tempo,ma però questi sono davvero stru….zzi.

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>