Maratone e altro — 19 maggio 2010

Radcliffe e Goucher


Paula Radcliffe e Kara Goucher sono entrambe in dolce attesa ed entrambe hanno annunciato che tale attesa dovrebbe concludersi verso la fine di settembre, più o meno nella stessa data.
Le due campionesse di maratona si allenano, quando possono, entrambe con lo stesso allenatore, che altri non è che il mitico Alberto Salazar.
Adesso le due amiche annunciano che, pur nel loro stato, prenderanno parte in giugno alla più antica corsa del mondo interamente riservata alla donne: la “New York Mini 10km” che si corre in Central Park.
Un bell’esempio per tutte ed un segnale di incontenibile passione sportiva.


Zegama Aizkorri


Nel cuore di Euskerra, quello che noi chiamiamo Paese Basco, le montagne non mancano di certo e gli abitanti sono da sempre espertissimi camminatori di montagna. In questo scenario si corre la prova di Campionato Mondiale Sky Race intitolata Aizkorri, che altro non è che il nome della montagna più alta che si trova sul percorso. Pietraie, sentieri scoscesi, discese più impegnative addirittura delle salite… questo ciò che attendeva i quattrocento ardimentosi che si sono presentati alla partenza, quasi tutti baschi, molti catalani, qualche italiano e britannico.
Ha vinto il corridore più atteso, il sublime Kilian Jornet Burgada, che di queste gare non ne perde una, il quale in 3:56.30 ha preceduto Aitor Osa Eizaguiare (4:08.27). Bene gli italiani, col valtellinese Giovanni Tacchini, decimo, e Luca Miori, 27^
Benissimo le donne d’Italia. Emanuela Brizio ha vinto alla grande in 4:47.51, seguita da Nerea Amalibia Arruti, Oiahana Azkarbebeitia e la nostra Cecilia Mora, quinta al traguardo. Bene anche le altre, Cinzia Bereasa 11^, Chiara Basseghini 17^ e Alessandra Bastesin 21^


Mombasa


Una delle poche maratone che si corrono in Kenya è quella di Mombasa, che presenta il non indifferente vantaggio di essere al livello del mare. Naturalmente i ragazzi di casa hanno monopolizzato la corsa, pur non facendo segnare tempi particolarmente significativi (per loro!). Ha vinto James Kariuki Mbugua in 2:08.05 davanti a Robet Matu Mwangi (2:09.02) e Jocob Kendagor (2:09.05). Inferiore il valore tecnico della corsa donne, vinta da Tabitha Kibet (2:36.04) allo sprint davanti a Maxmila Koros (2:36.05) mentre terza è arrivata Hellen Mugo in 2:39.00


Germania


Molte buone maratone in Germania questa settimana, ma nessuna eccelsa. A Regensburg si segnalano Titus Kipchumba Kosgei (2:18.33) e Beatrice Rutto (2:40.21). A Kassel si è corso più velocemente: ha vinto Joel Korir Chepkopol (2:12.55) davanti al tedesco di origini etiopi Samuel Goitom Hadgu (2:13.05) e Pharis Kimani (2:13.35) mentre la prima donna è stata Eclar Loiwapet (2:38.53). A Wurzburg hanno vinto Samson Siparimuk (2:19.19) e  Ulrike Mayer (3:04.44), mentre a Mannheim hanno trionfato Isaak Cheruiyot (2:19.29) e Susanne Bog (2:54.56).


Leiden, Radenci e Lille-Lens


A Leiden, in Olanda, hanno vinto Diminik Kemboi (2:15.08) e l’olandese Lindsay van Marrewijk (2:42.07). Una buona corsa di è disputata in Slovenia, a Radenci, dove il keniano di turno si chiama Kipruto Kirui, che ha impiegato 2:19.38 per completare il non agevole percorso, dove la prima donna è stata la locale Daneia Grandovec (2:47.10). Infine una corsa tradizionale è quella francese da Lille a Lens, attraverso un territorio stupendo, dove stavolta ha vinto un africano che indossa la maglia del Qatar, Salem gamal Belal (2:12.46) mentre fra le signore la prima è stata Amelie Chehensse in 3:12.10


Dongying


Altra maratona cinese che testimonia di un crescente interesse organizzativo di quella sterminata Nazione. Questa si svolge sulle rive del Fiume Giallo al suo sbocco nel Mar della Cina, ed intitolata appunto al suo estuario. Il primo a tagliare ilo traguardo è stato  Isaac Macharia Wanjohi (2:11.44), che ha preceduto l’anziano Japhet Kosgei (2:12.22) e David Kemboi (2:12.34)
Fra le donne la prima è stata l’etiope Tega Gelaw in 2:35.06 seguita da Jiang Xiaoli (2:35.50) e Salomé Getnet in 2:36.09


Lima


La vastissima capitale del Perù (6.500.000 abitanti), situata sulla fascia costiera del Paese degli Inca, ospita da un paio d’anni una maratona di buona fattura ma ancora di scarsa popolarità nel continente. Partecipazione dunque limitata, ma va elogiato lo sforzo di organizzatori che fanno il possibile per favorire la penetrazione dello sport della corsa in Paesi fortemente calcistici. Nei maschi ha vinto Festus Kioko, con il tempo di 2:23.29, discreto per questi climi tropicali, seguito dal colombiano German Naranjo 2:26.40. Discreto anche il crono femminile, gara vinta dalla peruena Lady Morales in 2:51.20 davanti alla connazionale Angelina Moreno in 2:52.57


Kavarna


In questa località della Bulgaria si è disputata per la prima volta una maratona internazionale, valida anche come campionato dei Balcani e nazionale bulgaro.
Ha vinto il keniano Obed Kipkurui in 2:16.36 davanti ai marocchini Hassane Ahouchar (2:16.54) e Hammou Moudouji (2:19.28). Il titolo balcanico è andato al turco Erlan Muslu (2:24.12) e quello bulgaro a Chaban Mustafa (2:27.23). Fra le donne ha vinto la romena Elena Daniela Cirlan, classe 1980, in 2:38.41. E’ da ricordare che questa atleta ha iniziato la carriera come ottima marciatrice, per poi passare alla corsa, considerata a ragione molto più renumerativa. La Cirlan ha vinto anche il titolo balcanico, ed ha preceduto la russa Nadezhda Semiletova (2:43.20) e la moldovara Natalia Cherkes (2:44.00) mentre il titolo nazionale è stato vinto da Milka Michajlova in 2:59.55


Piceno


Infine in Italia  si è corsa in maniera molto dignitosa la maratona del Piceno, dominata come al solito dagli africani, nello specifico Nicodemus Biwott (2:15.52) e Mihret Antonio Annamo (2:40.16). Ottima organizzazione, a detta specialmente dei partecipanti, premi nella norma, luoghi poco conosciuti ma tutti da scoprire. Ne vale la pena.


 

Autore: Franco Anichini

Share

About Author

Peluso

  • Aloi Vittorio c.r.a.l. A.N.M.

    Complimenti alla fam.Andreani per l’organizzazione ed alle istituzioni locali

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>