Maratone e altro — 25 novembre 2009

Philadelphia e Tulsa
Negli Stati Uniti si sono disputate due maratone interessanti. Quella di Philadelphia è stata vinta dal venticinquenne John Crews, già vincitore della maratona del Vermont, in un interessante 2:17.15, con un vantaggio di oltre sette minuti sul secondo. Era dal 2000 che un americano non vinceva questa gara. La prima donna è stata la canadese Jutta Merilainen in 2:46.44. Oltre settemila gli arrivati.
Ma la nota più interessante l’ha fornita la maratona di Tulsa, Oklahoma, dove due padri si sono sfidati correndo con i loro piccoli figli al seguito, collocati su dei passaggini che i due hanno spinto per tutta la gara. Solo una nota di colore? Niente affatto, perchè i due correvano per vincere la gara, e ci sono riusciti arrivando primo e secondo! E non si deve credere che si trattasse di una garetta, perchè gli arrivati sono stati più di 1200. Il vincitore è stato Zac Freudenberg in 2:32.09, nuovo record Guinness di questa “singolare” specialità, strappato proprio al secondo, che è stato il noto ultra-maratoneta Michael Wardian, che ha chiuso in 2:34.27. Di tanto in tanto i due corridori procedevano correndo all’indietro, girando il passeggino in modo da poter controllare i rispettivi pargoli. Una tecnica interessante!


Zaragoza


La “Maraton de Aragon” corsa a Zaragoza ha fatto registrare una discreta partecipazione, con 1253 arrivati di cui però solo 49 donne.
Hanno dominato i due etiopi invitati: Zerihun Ambaye (2:17.38) e Belachew Kifle (2:18.18), mentre la prima donna è stata Luisa Larraga Cacho in 2:53.35
In questo periodo la Spagna soffre di una crisi di risultati simile alla nostra, mentre, come da noi, sta crescendo a dismisura l’interesse per le corse trail ed in montagna, dove ci sono campioni di assoluto valore come il catalano Jornet Burgada.


Penang


La maratona “Penang Bridge”, in Malaysia, inaugura il circuito Standard Chartered che si estende anche alla prima parte del 2010 con corse sia in Asia che in Africa. In particolare questa gara qualificava i migliori tre corridori del Paese organizzatore per partecipare alla prestigiosa maratona cinese di Xiamen, in programma nel gennaio del prossimo anno, mentre le faciulle dovranno attendere la maratona di Macau per gareggiare all’estero sotto l’egida della propria Federazione. La corsa è stata vinta dal keniano Kenedy Kiproo Lilan in 2:23.55 mentre il primo dei malesi è stato decimo: Shaharudin Bin Hashim (2:35.36). Vittoria africana anche in campo femminile con Dorice Chepchumba Todorus in 3:08.37.


Bangkok


Nella stessa zona del mondo si è corso anche a Bangkok, capitale della Thailandia, per una prova pure inserita nel circuito Standard Chartered. Gli arrivati sono stati 2295, nell’ambito di un vasto programma di gare che complessivamente ha totalizzato oltre ventimila partecipanti.
Ha vinto Francis Kiptoo Kibii in 2:16.41, buono considerate le avverse condizioni ambientali tipiche di quei climi. Secondo è stato John ChirChir Tubei in 2:21.38, mentre la prima donna è stata Ecifr Lorwapei (2:43.49) su Fridah Lodepa (2:46.32) seguita dalla migliore atleta della zona, Sunisa Sailomyen in 2:47.54.


 

Autore: Franco Anichini

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>