Approfondimenti slide — 05 marzo 2014

correreL’argomento che tratterò oggi mette in evidenza gli enormi sacrifici a cui si sottopongono i runners domenicalmente. Prendo spunto dalla maratona di Napoli svoltasi circa due settimane fa, che ho avuto la possibilità di seguire in moto, dove ho visto atleti di grosso spessore e semplici amatori andare in crisi e, in taluni casi addirittura allo sbando, sia fisico che psicologico. Mio malgrado, mi sono visto letteralmente coinvolto e ho cercato nel mio piccolo di dare un supporto mentale ai malcapitati. Avvicinandomi di volta in volta con la moto, vedevo i loro volti segnati dalla fatica immane, amplificata dalla stupenda giornata di sole e di caldo che li ha letteralmente disidratati, prosciugati, svuotati di tutte le energie.

Nel podismo nessuna figura esterna può intervenire per mettere fine allo strazio in cui versa un atleta allo sbando sia fisico che psicologico. A quel punto dovrebbe essere buon senso dell’atleta stesso fermarsi e mettere fine a questo calvario. Ma questo talune volte è inconcepibile nella testa di un’atleta che ha speso mesi di preparazione e fatica in vista di quella competizione.

Unico consiglio che mi sento di dare è quello di prepararsi scrupolosamente e di farsi seguire da persone competenti specie per le lunghe distanze.

 

aldo cavuoto

Un caloroso saluto dal Cavaliere errante alias Aldo Cavuoto

 

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>