Cronaca — 11 dicembre 2009

E’ il viaggio travagliato di un uomo alla disperata ricerca di se stesso, ed è anche un grande romanzo d’amore perché il protagonista ‘si ritrova’ grazie a questo sentimento.
Pulsa di vita la cittadina di Grieskirchen, in festa per una gara podistica della durata di 12 ore. E’ una splendida giornata di agosto, e sono un inno alla vita l’atmosfera gioiosa, i colori dell’estate austriaca e l’esuberanza degli atleti. Andrea Verse, alias Andrea Accorsi, è uno dei concorrenti: adesso è un uomo nuovo. Era sul punto di perderla, la vita, e la ama come non mai. Il ricavato della competizione sarà devoluto in beneficenza, proprio come la vita che è sempre un dono.
La corsa, gesto atletico naturale e solitario, gli permette di  interrogarsi e di ripercorrere il suo passato. Con inventiva ed abilità tecnica riesce a trovare spunti per raccontare la sua vicenda umana: 12 ore sono un’intera giornata, dall’alba al tramonto, metafora della vita. I personaggi lungo il percorso gli ricordano quelli che hanno interagito con la sua esistenza e, servendosi dell’analessi (narrazione retrospettiva),  ne recupera momenti e volti.
Vien dato il via. In grande forma, corre spinto dagli occhi azzurri di Monica che gli lancia dolci sguardi d’incoraggiamento. Finestre si aprono nei suoi ricordi: la madre premurosa, il difficile rapporto con il padre, il nonno adorato e mai conosciuto, il legame con lo zio, la goliardica e profonda amicizia con il DOC, la nascita di Alice.
Poi le forze vengono a mancare, e  precipita nelle ultime posizioni. Ed ecco un altro parallelismo con la vita: il matrimonio sbagliato, il disastroso divorzio, il rifugio nel lavoro, la scoperta di tragedie familiari tenute a lui nascoste, la crisi esistenziale, lo portano ad una rottura con la vita.
Andrea Verse giace ora a terra sul circuito della cittadina austriaca. Sarà un misterioso vecchio con un bastone di montanaro che lo farà rialzare e lo incoraggerà a riprendere la corsa. Come pure lascerà il letto dell’ospedale e, attraverso un duro lavoro personale e sorretto dall’amore delle persone che gli sono vicine, riacquisterà la gioia di vivere.
Nel romanzo i vari racconti non diventano mai frammento, sono tessere di un mosaico in cui domina l’amore per la vita ed, allo stesso tempo,  la sua precarietà. Sottile è il limite fra la vita e la morte, e ‘basta poco’ per risorgere o cadere nel baratro. Siamo come foglie d’autunno sugli alberi, ma dobbiamo lottare per rimanere adesi il più a lungo possibile. Dura è la vita, ‘è  una scalata in cui abbiamo il dovere di saper trovare gli appigli migliori nei momenti peggiori’.
Aleggia l’ottimismo nell’opera di Andrea Accorsi, né poteva essere diversamente  perché nessuno è in grado di apprezzare la vita più di chi è stato sul punto di perderla. Ed in tal senso è un aiuto terapeutico al gran male di vivere della società moderna. Una sana laicità pervade il racconto, in cui s’intravede un flebile accenno all’oraziano ‘non omnis moriar'(non morrò del tutto).
L’amore è l’altro grande tema che fa da motore al romanzo. La vita è bella e degna di essere vissuta interamente anche per fare del bene agli altri, anzi nel dare amore se ne riceve molto di più. Questo sentimento è presente anche quando non è descritto, come nel caso dell’incomunicabilità con il padre, portatore di un dramma grande quanto un macigno. Commovente e tragica è la figura di nonno Ivo: il più forte di tutti viene sopraffatto dalle pene d’amore! Ma sarà lui, travestito da vecchio con bastone, in quel caldo pomeriggio d’agosto, a fargli portare a termine la corsa, che metaforicamente è la vittoria della vita.
La prosa è calda e scorrevole, ed il racconto, pur con i numerosi flash back, procede fluido. Le similitudini e le metafore sgorgono spontanee come un fiume in piena. Alla intrinseca liricità fanno da sottofondo musicale brani di cantautori e testi letterari
Il romanzo è autobiografico, ma l’autore dimostra il suo TALENTO perché le sue inquietudini, delusioni, sventure, passioni, gioie e speranze sono quelle di tutti noi.

Autore: Michele Rizzitelli

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>