slide TuttoCampania — 08 dicembre 2018

lago patria 2018 martina amodioPioggia e, soprattutto, tanto vento a condizionare la 10 km e la 21 del Lago Patria. Un vento che non ha mai mollato gli atleti, che ha sferzato tutti e lasciato poco spazio all’opportunità di correre su ritmo e puntare a tenerli alti. Per fortuna il percorso è decisamente piatto, cosa che almeno è riuscita in parte ad alleviare la fatica dell’avanzamento. Peccato alcuni disservizi iniziali, che hanno abbassato il livello qualitativo dell’evento, ma conoscendo Paola Meluzis farà oro di tutto questo, riproponendo la sua gara al meglio, ad iniziare proprio dalla prossima edizione.

Gara

La 10 km in campo femminile ha avuto Alessandra Ambrosio vincitrice. La ragazza del team Amatori Atletica Napoli ha una capacità di metabolizzare la fatica incredibile, e facendo seguito alla Maratona di New York (dove ha demolito il suo best), alla 27 km di Sorrento di domenica scorsa (4’ meglio dello scorso anno e terza assoluta), stamane fa compagnia a Loredana Lamberti fino agli ultimi 3 km, per poi andare via solitaria al traguardo. Ho accennato a Loredana, non male la sua seconda posizione, ma Lory non è ancora al suo top. Terza, ottima gara per lei, Anna Trinchillo del team Runners Calvizzano.

La 10 km maschile ha avuto il suo sviluppo da podio proprio nel finale, tanto che tra i primi 3 all’arrivo un distacco di solo 10”. La vittoria è andata a Tammaro di Tella (RunLab), con Michele Giliberti (Isaura) sul secondo gradino del podio, ad Enrico Iorio (Atl. Marano) la terza piazza.

La gara classica della 21 km (tra l’altro esatti 21.097 metri) ha visto Martina Amodio (Napoli/Running-Stufe di Nerone) ad una facile vittoria, a conferma della sua bella evoluzione cronometrica e tecnica. A farle compagnia sul podio la Stabiese MariaLaura Russo (Marathon Club Stabia) e Giorgia Catherina Parente Goursand al gradino basso, alla sinistra di Martina.

Nessun dubbio su chi avrebbe vinto la 21 km maschile: troppo forte Massimiliano Fiorillo(Pod. Cava-Picentini) per gli avversari (Max reduce da domenica scorsa, 2h30’ alla maratona di Valencia). E Massimiliano corre facilissimo e vince in modo altrettanto facile. Alla sua destra sul podio una gran bella prova per Marco di Martino (Atl. Marano) capace di regolare il giovane Carlo Marigliano (comunque ad una buona prova il ragazzo del team Atl. Marcianise).

Percorso veloce e, quando si sviluppa attorno al lago, davvero molto bello. Degli accorgimenti da adottare (e qualche cambio tecnico) porteranno la Corsa del Cuore a diventare un Must per tutti. Paola ci crede. Ci deve credere. Nonostante i problemi registrati quest’oggi. E, anzi, ripartendo proprio dagli stessi.

marco cascone 2018 santa maria a vicoMarco Cascone

Vieni sul mio blog.  https://marco-cascone.tumblr.com/

Share

About Author

Cascone

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>