Curiosita — 12 febbraio 2009

Per molti è un motivo per iniziare a correre o per continuare. L’uscire di casa, l’estraniarsi qualche attimo dal peso di un vivere quotidiano sempre più scarno di soddisfazioni.

Share

About Author

Peluso

  • Marco Cascone

    Carissimo Antonio, l’amore più bello è quello per la vita. Quando hai questo dentro (e tu ce l’hai…) tutto il resto arriva, di conseguenza. La collina dei sospiri è sempre lì, pronta per un tuo nuovo, grande amore.

  • antonello lommito, c.s.c. amici del ciclo,sez.podi

    Evitate che simili sconcerie o ,direi, sconcerti possano impadronirsi dell’animo di un podista! Dov’è scritto che le endorfine sono liberate durante il movimento del correre e sono sicuramente quello che un puro e semplice amatore deve ricercare? Sono verità note a tutti che la corsa serve a liberarsi dai quotidiani fardelli dell’essere quotidiano e poi…?Pubblicate lettere più allegre dove non ci sia il tema della solitudine o dell’amore per se stessi, ma un semplice messaggio: viviamo con gli altri senza mettere al primo posto l’egocentrismo!
    L’unico e sincero messaggio che dobbiamo doverosamente comunicare a chi la pensa come noi è vivere in allegria e allontanare i fantasmi della depressione. Non è condivisibile il correre solo con i nostri pensieri ma vivere la corsa come movimento di aggregazione e di ritrovare il gusto e l’abitudine di stare con gli altri e non con i nostri dubbi o i nostri problemi!

  • angela Valentini

    Caro Antonio si può essere soli e sentirsi tra tanti! essere tra tanti e sentirsi soli! Tu sei ricco di tante cose che non tutti riescono a vedere, anche se sono alla portata di tutti! Ti auguro tutto il bene del mondo!

  • Antonio Bruno

    Sapere di avere la fortuna di avere l’amicizia di persone profonde come Te, Marco, è una spinta a poter vivere di più, meglio e per gli altri.

  • gigidimeopozzuolimarathon

    Caro Antonio,non conosco il tuo volto,ma per adesso conosco la tua nobile anima.Spero di incrociarTi e stringerTi la mano….magari in corsa.
    X gli altri…sempre a giudicare,che palle!!GuardateVi dentro e buona corsa a tutti.

  • pasquale soprano amatori frattese

    lo sport e aggregazzione e un momemento che ti prende l animo la mente e il corpo non capisco il problema di antonio ma di sicuro so che nel quotidiano tutti e non solo i podisti hanno i loro problemi. quindi sono daccordo con antonello iommito che nn conosco ma sicuramente avro il piacere di conoscerlo FACCIAMO SPORT PERCHE ANCHE IL SOTTOSCRITTO SI ALLENA SEMPRE DA SOLO ma cio nn toglie che a SAN VALENTINO SI TROVI DA SOLO E PER USARE UN EUFENISMO VIVA L AMOR PARDON VIVA LA CORSAAAAAAAAAAAAA E TUTTI PAZZI X PODISTI DOC CIAO A TUTTI

  • silvio , per antonio scherzando !

    Antonio , lascia stare la tristezza , corri e pensa che correndo potresti incontrare la tua futura SUOCERA ! , SI proprio cosi ! la suocera , che ti parlerà di sua figlia che non ama correre e ti chiederà ancora , perchè non portarla con …Noi !
    e …………….sarai felice al prossimo san valentino !
    lo spero e auguri a tutti Voi , come amate correre .. per Gigi , guiarda che il mio portiere si chiama Andrea CORRERE ! ma fosss nnammurata è chist ?!!!
    cioa gigi stammi bene ,
    silvio

  • donato curtotti_amatore vesuvio

    E’ condizione dell’animo la solitudine, non del luogo del momento o dei suoi effimeri viandanti: ci si può sentire soli in mezzo a tanti altri, e viceversa essere in comunione col mondo anche nel posto più remoto. La pressione dell’ordinarietà… la solita insulsa tivvù, le festicciole commerciali, le parole che friggono l’aria, lo scontato quotidiano del dire e del fare e del cosiddetto pensare, il pallone e tutte le altre palle… tutto ciò può condizionare, e lo fa, fino al punto da renderci avulsi da noi stessi, da quello che veramente siamo, dalle nostre aspettative più autentiche, dal nostro demone… e farci sentire tristi. Se il gruppo, se l’ordinarietà, è là alle tue spalle e fa pressione, non tradire il tuo Io, così non ti troverai mai, e solo udirai le voci di fuori, non quelle di dentro. L’amore non è un bacio perugina, figuriamoci. Volersi bene non è egocentrismo (e lo è invece oscurare l’esprimersi dell’altro, il non voler ascoltare…). E con il placet del poeta, infine, non è l’amore a muovere il sole e le altre stelle, ma la forza di gravitazione.
    Grazie d’aver condiviso questo tuo sentire. Qui si legge quasi sempre di tempi, organizzazioni, risultati e quant’altro: buon pane per quanti nella corsa trovano solo uno sfogo o una fuga, e rincorrono i secondi manco si dovessero qualificare per le Olimpiadi. E’ il nano a sentire bisogno dei tacchi.
    Buon San Valentino? Ciao.

  • gioconda di luca ercosport

    giusto. ogni tanto è bello leggere i pensieri di chi molto spesso consideriamo solo un numero di pettorale. anche questo è un momento di aggregazione. podistidoc ormai è diventato come la famiglia in cui appena possibile tutti noi ci rifugiamo e ci sentiamo al sicuro. ad antonio dico solo …. esprimere una propria considerazione va bene ma mai mai mai giudicare le scelte di chi magari è stato costretto dalle vicende della vita a doversi accontentare di andare alla deriva ….

  • Angela Valentini Roma

    Ciao Antonio! Con il mio semplice pensiero non ho voluto farti mancare l’ augurio propio oggi, dove tutti si aspettano qualcosa di speciale! Buon S. Valentino a te che nonostante tutto, sei innamorato della vita , per le piccole e grandi cose che sa offrirci!! Noi tutti siamo con te!!.

  • Antonio Bruno

    Gentile Angela. Sono onoratissimo di avere potuto “incontrare” sulla mia strada una persona dall’animo di ‘si fatta beltà, come quello che emerge dai suoi scritti e dal suo “grande pensiero”.
    Il concetto è proprio quello, non sono nè depresso, nè altro fortunatamente. Mi sento innamorato della vita, dei suoi “valori”, della sua bellezza. Non riesco a vederla depauperata da questi, non ho consentito a nessuna/o di privarmene e mi rendo conto al fine d’essere più forte e fortunato di tanti altri al punto da potere addirittura esprimere e condividere con tante persone quello che ho dentro. Non è facile, come si evince non a tutti piace, non tutti possono capire, ma del resto quando scrivo su queste pagine mi leggono 9.000 persone, è chiaro che….. Agitare l’acqua a volte stagnante di un lago, per ridestare nella sua bellezza ed eleganza qualche cigno addormentato è un qualcosa di veramente bello al punto da giustificare i rischi che mi prendo scrivendo. Stavolta vi sono riuscito in grande stile, vi garantisco.
    Grazie a tutti quanti voi avete letto ed in particolare a chi ha scritto, spero di poter conoscervi.
    Buon San Valentino, particolarmente ad Angela.

  • Antonietta Caprio Atletica villaricca

    Correre non è solo competizione, ma è anche conoscere meglio se stesso, le proprie capacità, non solo fisiche ma soprattutto umane, è un insieme vissuto da solo…
    Condivido e vivo in pieno il tuo modo di considerare la corsa, ed è proprio vero i km si fanno prima con la testa e poi con le gambe.
    Non è per niente malinconico quello che hai scritto, anzi è pura sensibilità che ti porta a vedere e considerare la vita sotto altra lente, più indulgente, comprensiva e possibilista, una sensibilità che si ha dentro, ma che con la corsa s’impara farla uscire, e a trasformarla nel ancor più famoso particolare del maratoneta il suo sorriso positivo e gioioso sempre!

    Buon tutto Antonio.

  • Antonio Bruno “Il laghetto”

    Gentile Antonietta, sono felice che mi abbia letto e di aver potuto leggere il suo pensiero.

  • ANTONELLO LOMMITO C.S.C- AMICI DEL CICLO SEZ.POD.

    e mo? adesso facciamo la poesia sul sentirsi soli:io e la corsae che bisogno c’è di andare di corsa per sentirsi soli.Sentiamoci soli in mezzo agli altri e così non parliamo di solitudine, ma di momento di riflessione.Allora mettiamoci sulla riva di una spiaggia e guardiamo le onde deò mare si rincorrono si fonfono e alla fine si ritrivano sull’arenile e così non c’è la stanchezza e abbiamo risparmiato almeno le calorie!E bravo chi lavede il movimento della corsa come momento per estraniarsi!Bellissimo messaggio…facciamo tesoro della corsa come momento di alta sensibilità dell’anima così saremo meno depressi e con le vene chiuse senza ghiaccio Correre significa movimento rapido, pèer cui non indugiamo su altri problemi della quotidianità!

  • Antonietta Caprio Atletica villaricca

    A me non piace polemizzare, ma chissà perchè molti limitano il correre alla sola attività sportiva, ma essa è tanto, tanto di più ed altro ancora!

    Resisto quindi esisto!!!

  • Antonio Bruno “Il laghetto”

    No…per fortuna la poesia è ancor altro, potrei farla anche qui, mi fermo a momenti di riflessione. Accetto il parere di tutti, comprendo che ogni individuo alla fine è un universo a parte, finisco anche col capire chi voglia o abbia il bisogno di fuggire dai pensieri dello spirito, della quotidianità e trasferisca il tutto in un agonismo serrato. Non capisco minimamente il perché dalle stesse voci giunge dopo la critica, accettabile, l’invito, quasi lo scherno, lo sminuire quello che un uomo, una donna riescono a trarre da momenti con sé stessi. La corsa per alcuni, per molti è questo, per altri non lo è. Potrei scrivere dei romanzi a testimoniare la bontà di questo modo di vivere lo sport, ci metto poco. Non lo farò, alla fine quello che sento è mio, lo resterà, non viene confutato da posizioni diverse, ho solo condiviso con altri, ed è stata un’esperienza positiva. Al prossimo episodio…sarò più poetico, così accontentiamo tutti.

  • Gerolmina

    perfettamente in linea…anzi in corsa… con te

  • Angela Valentini Roma

    Ciao Antonio! S. Valentino è passato da un pezzo !e spero che si portato con se la parola Solitudine! perchè nel frattempo hai scoperto di avere tante persone amiche che condividono con te , la parola Amicizia !! Un saluto che penso sia sempre gradito!! Angela

  • Antonio Bruno

    Grazie Angela, per l’attenzione e la sensibilità dimostrate. L’Amicizia, è una parola ricca di significato, troppo spesso viene sminuita, noi continuiamo a darle il valore originale. Per i miei amici la mia mail è brunotonino@libero.it. Ricambio il graditissimo saluto alla gentile Angela, porgendo il mio ad una persona dall’animo profondo.

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>