TuttoCampania — 07 giugno 2009


Da Nuzzo a D’Andrea ed ora a Marino e Maienza, la MARATONINA DI SAN NICOLA vive la sua ennesima stagione nel segno di una continuità che appartiene solo ai grandi artisti. Grazie all’ormai storico club podistico, San Nicola la Strada è oggi tra le città ‘sportive’ più conosciute della regione. Tutto pronto per l’edizione numero sette del 13 giugno: partenza alle ore 18,30 in Piazza Parrocchia.
Dal 2009, come noto, il numero massimo degli atleti partecipanti alla Maratonina di San Nicola è stato stabilito nella fatidica quota mille, finalmente raggiunta (e anche superata) nella scorsa edizione.
La seconda ‘novità‘ è che il ‘Trittico Terra di Lavoro’, di cui la gara sannicolese è il momento culminante, oltre che decisivo per la classifica generale, da quest’anno si chiama ‘Trittico Appia Antica’. Per la cronaca, ecco come è andata nelle due gare che già si sono disputate: il 3 maggio a Maddaloni (8°Memorial Luca Coppola) ha vinto il marocchino Abdelkebir Lamachi tra i maschi, Giustina Menna tra le donne e l’Atletica Capua tra le società; il 2 giugno a Capua (‘Corri per la Repubblica’) nuova vittoria di Lamachi, mentre la connazionale Kadija Laroussi -già vincitrice a San Nicola cinque anni fa- si è aggiudicata la competizione femminile e l’Arca Atletica Aversa quella riservata alle società.
L’edizione numero sette della Maratonina sarà la prima con Angelo Marino alla presidenza del club organizzatore. Il nuovo primo dirigente dell’ASD Atletica San Nicola, che è anche consigliere provinciale della Fidal, sarà affiancato dal suo instancabile vice Pietro Maienza (bravissimo atleta, addetto stampa e vera ‘anima’ dello staff), oltre che, come sempre è successo per i presidenti del passato (Giuseppe Nuzzo e Nicola D’Andrea), dai soci al completo dello squadrone oggi più rappresentativo dello sport sannicolese, degnamente sostenuto da uno sponsor di prestigio quale la ‘Number 1-Logistica e Trasporti’ di Gaetano Scappaticci.
Dopo la punzonatura (consegna dei pettorali) prevista alle ore 17 presso il Circolo Mutuo Soccorso, gli atleti scatteranno al via dato dal sindaco Pascariello da Piazza Parrocchia, pronti a darsi battaglia su un percorso veloce e pianeggiante di cinque chilometri, da ripetersi due volte prima di tagliare il traguardo posto all’ingresso di Via SS.Cosma e Damiano.
Eccone i vari passaggi’: Piazza Parrocchia-Via Appia-Via Circumvallazione-Via Pertini-Via Fermi-Via Cairoli-Via Bronzetti-Viale Italia-Viale Europa-Via XX Settembre-Piazza Municipio-Piazza Parrocchia.
A presidiare, come sempre, il sicuro scorrimento e la perfetta efficienza del circuito, ci penseranno gli agenti della polizia municipale diretti da Antonio Laurenza, i volontari della Protezione civile guidati da Ciro De Maio, i giudici di gara della Fidal, nonché i soci stessi dell’ Atletica San Nicola.
La cronaca in tempo reale della gara sarà, come al solito, affidata alla esperta voce di Marco Cascone. Sono previsti, infine, servizi di ristoro in itinere e a fine gara, bagni chimici e assistenza sanitaria a trecentosessanta gradi sotto la qualificatissima direzione del dr. Francesco Basile.
Un cenno ai premi. Innanzitutto, un ricco pacco gara sarà consegnato a tutti gli atleti iscritti. E poi, ovviamente, ‘accattivanti’ incentivi per i runners in odore di salire sul podio: 350 euro il montepremi per gli uomini, 300 per le donzelle e ben 1.150 per le squadre. Oltre, naturalmente, a trofei, coppe, copponi, prosciutti, vini e pacchi alimentari messi a disposizione grazie al contributo di numerosi sponsor e al patrocinio dell’amministrazione comunale.
Un breve cenno, per chiudere, all’ ‘Albo d’Oro’ della Maratonina, estratto dalla fonte elaborata dal Corriere di San Nicola. 
Marco Calderone, il vincitore del 2008 e del 2005, è l’unico italiano ad aver interrotto lo strapotere dei marocchini, i quali hanno vinto quattro delle sei edizioni sinora disputate.
Al contrario, la marocchina Laroussi è stata l’unica straniera ad interrompere, anche se per una volta soltanto nel 2004, il predominio italiano nella categoria femminile, concretatosi con quattro vittorie di Alessandra Insogna ed un’altra della Pericotti.
Per quanto riguarda le società, invece, Napoli Nord e Frattese la fanno da padroni dal 2004 in poi, avendo vinto due edizioni a testa della speciale classifica a squadre.
Al marocchino Rachijd (30.55) e alla Insogna (36.26), infine, i record sui tempi di gara, entrambi realizzati nel 2006 e relativi, ovviamente, al periodo in cui (cioè dal 2005 in poi) la distanza si è cristallizzata sui classici 10 Km.
Tutto pronto, insomma, per una serata da vivere, con la loro stessa passione e la loro stessa ‘intensità‘, insieme agli amici dell’ ‘Atletica’, autentici volontari della pratica sportiva, coloro che hanno portato il podismo a San Nicola la Strada, inventandolo dal nulla.
La ‘settima’ di un noto sinfonista di Bonn di fine ‘800 fu definita ‘apoteosi della danza’. Non è una esagerazione se timbriamo la ‘settima’ di Marino & C. del 2009 come ‘apoteosi dello sport’ a San Nicola. In fondo, sempre di ‘arte’ si tratta. E di quella con la iniziale maiuscola. Nel segno della continuità, una dote molto rara nel difficile mondo del volontariato.




Autore: Nicola Ciaramella

Share

About Author

Peluso

  • SALVATORE ALBRIZIO NAPOLI NORD MARATHON

    CARO NICOLA NEL TUO ARTICOLO HAI DETTO TUTTO NON RESTA CHE’ DIRE UN GRANDE “IN BOCCA AL LUPO.”

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>