Cronaca slide — 15 novembre 2016

Silvia WeissteinerSulle strade della Garda Trentino Half Marathon, vittoria italiana al femminile con Silvia Weissteiner. L’altoatesina della Forestale conquista il successo in 1h15:11 nella quindicesima edizione della gara con partenza e arrivo a Riva del Garda (Trento), mentre il giro di boa era ad Arco. “Ho avuto buone sensazioni nonostante il percorso sia difficile da interpretare al meglio – commenta – ma gli ultimi chilometri sono davvero spettacolari lungo il lago. Soddisfatta di questa gara, nonostante un po’ di vento e di freddo che io soffro sempre. Fino a due anni fa correvo in pista, è stata la mia seconda mezza maratona e quindi ho fatto ancora un po’ di esperienza nelle gare su strada”. L’azzurra, sulla distanza dei 21,097 chilometri, aveva compiuto l’esordio durante la passata stagione con il terzo posto a Bologna in 1h13:28. In Trentino, domenica 13 novembre, ha preceduto la tedesca Laura Hottenrott (1h16:41) e la slovacca Silvia Schwaiger (1h16:48). Tra gli uomini affermazione del keniano Jonathan Kosgei Kanda (Atl. Castello) che con 1h05:17 fa il bis dell’anno scorso. Una gara incerta sino all’ultimo con l’ucraino Oleksander Matviychuk e l’altro keniano Julius Rono (Atl. Recanati) a giocarsi il podio in un’appassionante volata finale, per arrivare in quest’ordine entrambi con il crono di 1h05:23. In tutto hanno preso il via 5400 partecipanti, compresi quelli della 10 chilometri.

ASICS RUN, ROMAGNOLO SECONDA – Africa vincente e azzurri sul podio nella 28ª Asics Run, corsa su strada a inviti che va in scena a Cuneo insieme alla 34ª Straconi non competitiva. Tra le donne, sulla distanza dei 6 chilometri, la keniana Ruth Chebitok (Athletic Terni) allunga fin dall’inizio e si impone con 19:49, ma alle sue spalle Elena Romagnolo (Esercito) conquista la seconda posizione in 19:55 seguita da Valeria Roffino (Fiamme Azzurre, 19:59), poi Sara Bottarelli (Free Zone, 20:13), Elisa Bortoli (Atl. Brescia 1950) che chiude in 20:19 e la ruandese Claudette Mukasakindi (Atletica 2005), sesta in 20:25, precedono Catherine Bertone (Atl. Sandro Calvesi, 20:56). Fra gli uomini l’ugandese Jacob Kiplimo prende l’iniziativa nel secondo dei cinque giri in programma e taglia vittorioso il traguardo in 28:26 dopo 10 chilometri per lasciarsi alle spalle il keniano Joash Kipruto Koech (Atl. Potenza Picena, 28:45) e Andrea Sanguinetti (Fiamme Oro, 29:27), quindi l’altro keniano Erastus Chirchir (E-Servizi Atl. Futura Roma, 29:35) mentre Francesco Bona (Aeronautica) è quinto in 29:38, davanti a Abdelmijd Ed Derraz (Vittorio Alfieri Asti, 29:42) e Giuseppe Gerratana (Aeronautica, 29:46).

CORSA DI SAN MARTINO – Più di 1100 podisti al via nella 20ª Corsa di San Martino, gara internazionale di 15 km a Controguerra, in provincia di Teramo. Ha vinto per distacco il marocchino Said Douirmi (Lbm Sport Team) in 48:40, con venti secondi di margine sul connazionale Yassine Kabbouri (Atl. Vomano Gran Sasso, 49:00) e il podio completato dall’italo-etiope Biniyam Senibeta Adugna (Atl. Vomano Gran Sasso, 49:13). Al femminile, dominio per la marocchina Meriyem Lamachi (Acsi Italia Atletica, 55:55) davanti alla marchigiana Simona Santini (Atl. Brescia 1950), seconda in 57:21, con il terzo posto di Marcella Mancini (Atl. Gran Sasso Teramo, 1h01:32).

MARATONA DI PALERMO – Podio tutto keniano alla 22ª Maratona Città di Palermo, vinta dal debuttante Ezekiel Kiprotich Meli (Atl. Futura) con 2h17:14 su un percorso agevole nella prima parte, attraverso la città, e impegnativo nel finale quando si ritorna da Mondello verso il parco della Favorita che conduce all’interno dello stadio delle Palme. La piazza d’onore è andata a Hosea Kimeli Kisorio (Atl. Virtus Cr Lucca, 2h19:25), terzo Paul Tiongik (Athletic Terni, 2h20:22). Quarto, e primo degli italiani, il vincitore dello scorso anno Filippo Lo Piccolo (Good Race Team) in 2h36:40. Non c’è stata storia invece nella gara al femminile per il successo dell’argentina Mariana Mendiburu che ha fermato il cronometro su 3h06:40 con un largo vantaggio su Maria Cristina Guzzi (Atl. San Marco Us Acli, 3h21:48) e Monica Audenino (Vittorio Alfieri Asti, 3h38:55). Nella mezza maratona affermazioni del marocchino palermitano di adozione Bibi Hamad (Universitas Palermo, 1h10:03) e di Barbara Bennici (Fiamma Rossa Palermo, 1h26:50). Circa 1500 gli atleti in azione, 30 le nazioni rappresentate.

ufficio stampa fidal

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>