Curiosita — 11 gennaio 2011

Sempre meno partecipanti alle maratone, questo è il risultato di una ricerca pubblicata da un noto giornale sportivo, insomma meno maratoneti hanno partecipato alle competizioni in calendario, o meglio, gli atleti nel 2010 hanno valutato l’importanza della maratona, lo sforzo fisico ed i costi da affrontare per partecipare.


Nel 2010 le maratone italiane hanno avuto una diminuzione di partecipanti, questo è un dato certo, infatti, la Gazzetta dello Sport dello scorso 2 gennaio, e chi ha firmato l’articolo, Michele Marescalchi, spiega: ‘In generale le cifre 2010, in confronto a quelle 2009 e 2008, segnalano una flessione nella maggioranza delle gare, dovuta presumibilmente all’attuale congiuntura economica‘.


In poche parole, anche gli appassionati della corsa, avendo meno soldi da ‘sperperare‘ per hobby è costretta a tagliare le spese ‘superflue’ dove può, cominciando da quelle viste come meno necessarie. E la partecipazione alle gare sportive, per quanto amatoriali, viene considerata tale. Eppure, tutti i medici continuano a riperteci, particare attività fisica previene malattie, depressione ecc ma alla fine sono i soldi quelli che comandano!


Torniamo alle maratone, sono 24 le principali maratone organizzate nel nostro Paese, sono state inserite in una tabella in base al numero degli atleti effettivamente giunti al traguardo, disabili esclusi. Facendo un confronto con il 2009, risulta, che solo 7 di quelle disputate nel 2010 hanno avuto un aumento di iscrizioni pari all’anno precedente, le altre hanno i dati in diminuzione, cioè 17 maratone hanno registrato un calo e chissà cosa ci riserverà il 2011.


Tra le maratone con il maggior aumento c’è stata quella di Venezia del 24 ottobre, 3ª nella classifica totale, che ha dovuto aumentare il tetto degli iscritti da 6

Share

About Author

Peluso

  • E. Grieco Pod. S. Giovanni a Piro-Golfo Policastro

    A parte la crisi, credo che alcune maratone siano troppo care.

  • fabrizio bromuro roma road runners club

    e normale che la cisi influisca anche sullo sport ma come mai 4000 persone vanno a new york x spendere dai 1500 ai 2000 euro a persona dove un pettorale si paga 280 euro?
    ce qualcosa che nn va eppure abbiamo delle 42 che nn hanno niente da invidiare a quella della grnde mela

  • antonello lommito,c.s.c.amici del ciclo,sez.podist

    povera FIDAL CON TUTTE QUESTE SOTTRAZIONI E CRISI ECONOMICHE! SE LO SI FA SOLO PER LA SALUTE A CHE SERVE CORRERE A NEW YORK, BASTA GIRARE ATTORNO ALL’ISOLATO DEL PROPRIO CONDOMINO PER 500 VOLTE E LA CORSA TI FA ALZARE IL TASSO DEGLI ORMONI NE E DELLE ENDORFINE!

  • MAURO MANCINI ROMA ROAD RUNNERS CLUB

    E’ INDISCUTIBILE CHE I COSTI STANNO DIVENTANDO PESANTI ED INGIUSTIFICATI ; ( VEDI I 47 EURO PER VENEZIA QUEST’ANNO !!!! ) PER PACCHI GARA E SERVIZI A ME SEMBRA SEMPRE PIU’ SCADENTI. 4-5000 EURO A COPPIA PER NEW YORK L’ITALIANO MEDIO NON LI PUO’ SPENDERE, E 4000 SU 56 MILIONI NON CREDO SIA INDICE UN STATISTICO PLAUSIBILE .

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>