Cronaca — 24 gennaio 2010

L’11^ edizione della ‘Corsa di Miguel’ che si è svolta oggi sulle strade di Roma ha abbattuto un ulteriore record di partecipazione e di arrivati. In 5300 si sono presentati al via della 10 chilometri organizzata dal Club Atletico Centrale che ricorda la figura di Miguel Benancio Sanchez, il fondista-poeta che voleva diventare professore di educazione fisica e che invece fu rapito nella notte fra l’8 e il 9 gennaio del 1978, nella sua casa di Berazategui, Gran Buenos Aires, all’età di 25 anni. E oltre 5000 hanno tagliato il traguardo, dei quali 3697 nella prova competitiva (nuovo record per la corsa), i restanti nella non competitiva di 4 e 10 chilometri.

Come sempre è stata una grande festa del popolo della corsa e di Roma, tutti con un grande cuore per ricordare Miguel e testimoniare attraverso la corsa il rispetto globale dei diritti umani. Atleti professionisti, triatleti, pentatleti, giovani promesse dell’atletica arrivate da l’Aquila, e soprattutto il popolo della domenica, quelli che corrono per divertimento, per stare insieme, per trascorrere una giornata diversa (quest’anno sono spuntati anche carrozzine, pattinatori, corridori con i cani, e tanti bambini). Tutti insieme alla partenza e dopo lo start dato da Elvira Sanchez, sorella di Miguel, via lungo il classico Giro dei Ponti, con l’amato passaggio su Ponte Milvio, per concludere la gara all’interno dello Stadio Paolo Rosi con volata finale di 100 metri sulla pista assaggiata, tra gli altri, dall’ex primatista mondiale Asafa Powell.

‘Ogni anno Roma apre il cuore alla corsa di Miguel – il commento di Elvira Sanchez – e ogni anno i partecipanti sono sempre più numerosi. Mi emoziono ogni volta che vengo vedendo quante persone ricordano la figura di mio fratello che condivideva con loro la stessa passione, quella per la corsa. E non finirò mai di ringraziare tutti quelli che consentono di realizzare questa gara: organizzatori, sostenitori e atleti’.



LA GARA
Come da tradizione a Miguel si viene per correre senza guardare l’orologio. Ma il cast di atleti dei Gruppi sportivi Militari è sempre di altissimo profilo, e chi vince brucia il Lungotevere. Così, per la quinta volta in undici edizioni, la vittoria finale (in volata) se l’è aggiudicata il finanziere Cosimo Calandro, che ha chiuso in 29’53, stesso tempo del secondo, Francesco Bona dell’Aeronautica Militare, mentre al terzo posto Alberto Montorio, sempre dell’Aeronautica, in 29’54.

‘Correre questa corsa – ha detto Calandro a fine gara – è per me un appuntamento fisso sia per ciò che rappresenta simbolicamente sia per testare la mia condizione a metà della preparazione invernale. Sono contento di aver onorato ancora una volta questa gara e spero mi porti fortuna per gli Europei di Barcellona di questa estate’.



In campo femminile, invece, prima vittoria alla Corsa di Miguel per l’italo-marocchina Laila Soufyane del CS Esercito che ha vinto per distacco chiudendo in 36’16. Seconda Marta Gaiardelli delle Fiamme Azzurre (37’09), terzo per Alexa Giussaqni dell’Atletica Bellinzago (37’47). Al quinto posto, invece, la campionessa italiana 2008 di pentathlon moderno Lavinia Bonessio.

‘E’ stata una grande soddisfazione vincere questa gara – ha detto la vincitrice Soufyane – organizzata per sostenere una buona causa. Spero che sempre più persone possano partecipare a questa gara e a quelle promosse con lo stesso spirito perché ti danno emozioni speciali


GLI AMICI DI MIGUEL
In gara, anche i tantissimi amici della corsa. Dai Grizzilies, i giocatori di football americano della capitale che hanno corso con divisa e casco, alle decine di atleti autistici del Progetto Filippide, presenti alla corsa fina dalla prima edizione del 2000. E ancora gli atleti della Lazio hockey prato e della Lazio Atletica, le centinaia di atleti dei circoli canottieri della capitale, inclusi decine di canottieri, tra i quali la campionessa europea 2009 nel doppio Gabriella Bascelli (CC Lazio) che ha chiuso con un ottimo 45’55. E ancora Giovanni Malagò, presidente del CC Aniene, Matteo Montezemolo, socio dell’Aniene, Zibì Boniek, il delegato allo sport del Comune Alessandro Cochi (poco più di un’ora per lui). E all’arrivo, gli amici delle istituzioni che ogni anno testimoniano con la loro presenza l’affetto per questa gara. Il presidente della Fidal Lazio Marco Pietrogiacomi, il presidente della commissione sport della Provincia di Roma Pino Battaglia e il vice presidente della commissione sport della regione Lazio Enzo Foschi.





CLASSIFICA



UOMINI

1 Cosimo Caliandro (Fiamme Gialle) 29’53
2 Francesco Bona (Aeronautica) 29’53
3 Alberto Montorio (Aeronautica) 29’54
4 Cristian Gaeta (Esercito) 29’55
5 Tayeb Filali (Acsi Camp. Palatino) 29’57
6 Marco Mazza (Fiamme Gialle) 29’59
7 Antonio Miggiano (Acsi Camp. Palatino) 30’15
8 Giovanni Gualdi (Fiamme Gialle) 30’25
9 Lorenzo Perrone (Fiamme Gialle) 30’36
10 Alessandro Turroni (Aeronautica) 30’45



DONNE
1 Laila Soufyane (CS Esercito) 36’16
2 Marta Gaiardelli (Fiamme Azzurre) 37’09
3 Alexa Giussani (Atl. Bellinzago) 37’47
4 Federica Proietti (G. Scavo 2000) 38’09
5 Lavinia Bonessio (Pentathlon Moderno) 38’22







CREDITS FOTO: Mjrka Boensch Bees

 

Autore: Cs

Share

About Author

Peluso

  • SALVATORE ALBRIZIO NAPOLI NORD MARATHON

    GRANDE CRISTIAN GAETA,SEMPRE A CONDURRE LA’ GARA,PECCATO IL FINALE…….

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>