Curiosita — 16 ottobre 2011

‘C’è sempre un momento di tristezza quando si lascia un’attività che ti ha dato tante soddisfazioni, o che fino a quel momento è stato il tuo vivere quotidiano. Ma penso che sia arrivato il momento di dire basta, ora per me inizia una nuova vita, sono comunque molto soddisfatto, non mi posso lamentare di niente, grazie alla marcia mi sono tolto molte soddisfazioni, mi sono emozionato e spero di aver emozionato. Di certo la prima vittoria non si scorda mai e sto parlando del Mondiale di Siviglia nel 1999, ma all’Olimpiade di Atene ho realizzato il sogno, conquistando la medaglia d’oro, per un atleta è già un traguardo partecipare io ho fatto qualcosa di più, vincendo l’oro. Guardando alla mia carriera provo solo tanta gioia. Mi sento di ringraziare le Fiamme Gialle, per me è stata come una famiglia, mi sono sempre stati vicino, specialmente nei momenti di difficoltà. Un grazie speciale da Antonio La Torre, il mio allenatore e anche compagno di viaggio’. Sono le parole di Ivano Brugnetti ai microfoni di Radio Manà Manà Sport 24, durante la trasmissione ‘We love atletica’.

Autore: Manà Manà Sport

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>