Maratone e altro — 21 giugno 2011

Recentemente si è svolta ad Antibes, in Francia, l’annuale edizione della locale Sei Giorni, manifestazione nel corso della quale, lo scorso anno, Angela Gargano stabilì il primato italiano della distanza, poi superato da Monica Barchetti in Ungheria.
Scorrendo l’ordine d’arrivo (classifica scratch) si nota una presenza italiana del tuttto imprevista: quella di Nicoletta Mizera Margonelli, che nella classifica femminile complessiva  Ã¨ arrivata seconda alle spalle della spagnola Cristina Gonzalez e davanti alla famosa Martina Hausmann, ma è stata la prima delle marciatrici. Nei sei giorni a disposizione, Nicoletta ha percorso la bellezza di 616.025 km. e lo ha fatto senza mai correre, dal momento che si era preso l’impegno d’onore di gareggiare in qualità di marciatrice.
Si tratta della seconda prestazione italiana all-time e della migliore prestazione di marcia.
Una prestazione davvero superba!
Tramite Gerard Cain, organizzatore di Antibes, che ringraziamo, siamo riusciti a contattare questa atleta cittadina italiana residente in Francia, che per questo motivo risultava sconosciuta in Italia.
Le abbiamo posto alcune domande, a cui lei, molto carinamente, ha dato le risposte che pubblichiamo.


 


– In Italia nessuno ti conosce. Cominciamo quindi con le domande più ovvie.
  Dove abiti, che lavoro fai, sei sposata, hai figli?


Dal momento che nessuno mi conosce in Italia, comincio dall’inizio. Il mio nome è Nicoletta MIZERA il mio nome di nascita è MARGONELLI. Sono nata in provincia di Bergamo a Riva di Solto. Oggi  vivo in Francia nella campagna vicino a Douai, nel nord. Douai si trova a 40 km di Lille. Sono sposata ma la vita ha deciso che non avrò figli. Io lavoro tra gli altri, come manager in un centro multi-professionale.


– Wow! Ancora una bergamasca, dunque! Quando e come hai cominciato a praticare sport?


Ho sempre praticato sport, ho sempre avuto bisogno di muovermi. Otto anni fa, ho iniziato la pratica della marcia sportiva con gusto, passione. Ho avuto questa idea in mente per molti anni, mi è sempre piaciuta la marcia, mio padre mi ha insegnato questa passione e che parla per me il primo di questi straordinari atleti di Colmar Parigi (ex Parigi Strasburgo).Così ho iniziato a camminare a piedi, imparando la corsa e la camminata veloce. Si tratta di una disciplina che merita di essere conosciuta come la marcia di lunga distanza e ultra lunga distanza. Così ho iniziato con la velocità che lavoro encora oggi.

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>