Atletica News slide — 14 gennaio 2014

L’annuncio dell’imminente riapertura del PalaFiera di Genova dà lo spunto per una panoramica dell’impiantisca indoor in Italia. Con quello del capoluogo ligure, il nostro Paese quest’anno potrà contare su tre strutture coperte complete, vale a dire dotate di anello di 200 metri. L’ultimo arrivato in ordine di tempo è il palaindoor di Padova, inagurato lo scorso mese di dicembre, otto anni dopo il Banca Marche Palas di Ancona. Proprio tra Padova e il capoluogo marchigiano si svilupperanno i principali appuntamenti della stagione in sala 2014. Si comincia nella città veneta con i Tricolore di Prove Multiple (25-26 gennaio) per poi proseguire ad Ancona con i Campionati Italiani Juniores e Promesse (8-9 febbraio), Allievi (15-16 febbraio), Assoluti (22-23 febbraio) e Master (7-9 marzo). Senza dimenticare che il palas dorico nel 2016 sarà sede, per la seconda volta, degli Europei indoor Master. Intanto, da qui alle rassegne nazionali, il calendario dei due impianti prevede praticamente ogni week-end meeting a carattere regionale e nazionale.

Lo stesso avviene presso l’impianto coperto de La Fratellanza 1874 Modena, teatro di sfide a base di sprint, ostacoli e salti. In Emilia Romagna ha già aperto i battenti, a Parma, anche il PalaLottici con anello di 160 metri a cinque corsie, mentre a Firenze a febbraio si accenderanno le luci del Nelson Mandela Forum, struttura “temporanea” con anello (160m) e rettilineo centrale (55m). Il capoluogo fiorentino può, inoltre, contare sul pistino indoor dello Stadio “Luigi Ridolfi” dove stanno per scattare gli appuntamenti di “Caccia al minimo”, mentre Lucca sarà lo spazio deputato prevalentemente ai salti.

Tornando al nord, è già iniziata la stagione anche al Palaindoor di Aosta (6 corsie + zona salti) che fa da riferimento anche per il vicino Piemonte dove l’attività regionale si divide tra il rettilineo coperto dello Stadio “Primo Nebiolo” di Torino (salti in estensione) e quello di Bra (velocità e ostacoli). Il programma indoor della Lombardia, invece, si snoda tra rettilinei e pedane del nuovo impianto di Bergamo e del PalaDozio di Saronno (VA). Situazione analoga in Friuli Venezia Giulia che si avvale sia del Pala “Ovidio Bernes” di Udine che del rettilineo sopraelevato del campo “Mario Agosti” di Pordenone, sede degli allenamenti della campionessa azzurra dell’alto Alessia Trost. In Veneto, il Centro di Preparazione Olimpica di Schio (VI) è il punto base per una serie di competizioni dedicate agli specialisti del getto del peso, mentre a Padova la struttura del campo “Colbachini” è a servizio prevalentemente delle categorie promozionali.

Per il Lazio i poli principali sono il centro sportivo delle Fiamme Azzurre a Casal del Marmo (Roma) e la struttura coperta adiacente allo Stadio “Raul Guidobaldi” di Rieti. Nelle Marche, invece, da qualche anno è in funzione anche l’impianto comunale indoor di Fermo (rettilineo 60m + pedane salti). Capitolo isole: in Sardegna è in funzione la palestra di Iglesias (località Ceramica), mentre in Sicilia lo Stadio delle Palme di Palermo è dotato di quattro corsie da 60 metri e pedane per salti in estensione.

 

ufficio stampa fidal

 

Share

About Author

Peluso

  • Marco Cascone

    il sud dov’è??? Cristo è ancora fermo a Eboli…

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>