Cronaca — 08 novembre 2010

Per festeggiare la ventesima edizione della Corri Gaeta, ben 250 atleti si sono dati appuntamento sulla linea del via della manifestazione organizzata dall’Atletica Club Nautico con il patrocinio del Comune di Gaeta e del Parco Regionale della Riviera d’Ulisse e la collaborazione dell’Uisp-Unione Italiana Sport Per tutti della provincia di Latina. Sui dieci chilometri e 800 metri del tracciato, disegnato tra il lungomare e i saliscendi della zona medievale con partenza e arrivo in piazza XIX Maggio, si è imposto Erastus Kipkorir Chirchir in 32 minuti e 14 secondi. Per festeggiare degnamente i due decenni della gara, si è presentato allo start un parterre di altissimo spessore tecnico. Sin dalle prime battute di gara, la testa della corsa è stata presa da un terzetto composto dal portacolori della E-Servizi Atletica Futura Roma, insieme a Samir Jouaher e Tayeb Filali. Al termine del tratto all’interno di Gaeta Vecchia, Chirchir e Jouaher hanno distaccato Filali, e nel lungo sprint finale il keniano ha avuto ragione per un solo secondo dell’avversario, tesserato per la Nuova Atletica Lariano. Tayeb Filali, beniamino del Centro Fitness Montello, si è dovuto invece accontentare della terza piazza con il tempo di 32’25’. Quarta posizione per Abdelouahab El Mouaddine (Fiamme Argento Caserta) in 34’29’, che ha preceduto un altro terzetto chiamato a contendersi il quinto posto. Se lo è aggiudicato Rachid Erradi (Colleferro Atletica) nella volata che lo ha visto opposto a Ismail Adim (Fiamme Argento Caserta) e al primo italiano, Silvio Lepore (Acsi Campidoglio Palatino), il quale ha preceduto l’atleta di casa Salvatore Gambino (Atletica Club Nautico Gaeta), finito nono.


In campo femminile successo per Adelina De Soccio delle Fiamme Gialle, che per un solo secondo non ha abbattuto il muro dei 40 minuti: solo venti uomini hanno fatto meglio di lei. Alle sue spalle Irene Ruzza (Atletica Ceprano) in 43’34’, seguita da Loredana Vento (Tirreno Atletica Alto Lazio) in 44’12’.


Alla gara competitiva era inoltre abbinata una stracittadina di sei chilometri aperta a tutti, che ha visto in particolare la partecipazione dei giovanissimi, come veicolo di avvicinamento allo sport.


La speciale classifica per società, stilata in base al numero di atleti al traguardo, ha visto il successo della Podistica Avis Priverno, davanti all’Olimpic Marina di Minturno ed alla Poligolfo Formia, che per bocca del suo segretario Giovanni Calce ha devoluto il premio vinto alla Niemann Pick Onlus, con cui la Corri Gaeta ha stretto sin dal 2009 un accordo di collaborazione. La gara, infatti, aveva anche l’intento di raccogliere fondi a favore della associazione che si occupa di promuovere e sensibilizzare verso progetti di ricerca e sperimentazione riguardanti la malattia Niemann Pick, una patologia rara con conseguenze mortali, ma ancora poco conosciuta dagli stessi medici. Per questo due euro per ciascuna iscrizione sono stati destinati alla Niemann Pick Onlus.


Alla cerimonia di premiazione è intervenuto l’assessore allo Sport del Comune di Gaeta, David Vecchiarello. «La Corri Gaeta – ha affermato l’assessore, che detiene anche la delega al Turismo – rappresenta un grande momento sportivo collettivo, ma anche un volano per ampliare i confini della stagione turistica, che non vogliamo limitare alla sola estate. Voglio ringraziare tutti coloro che hanno preso parte alla competizione, e gli organizzatori capitanati da Mario Belalba che anno dopo anno consolidano la tradizione della gara».


La Corri Gaeta era valida anche quale Tappa Oro del Grande Slam-Trofeo Icar Renault, il Campionato Provinciale organizzato dall’Uisp in collaborazione con Mapei, Sport ’85, Polase Sport ed Ipermercato Panorama Latina. Prossimo appuntamento con lo Slam domenica 14 novembre, in occasione della Mezza Maratona Trofeo Giacomo Ippoliti, che si disputerà sulle strade di Cisterna di Latina.


Per ulteriori informazioni è possibile visitare il sito internet www.uisplatina.it.

Autore:

Share

About Author

Peluso

  • giovanni calce Poligolfo Formia

    cosa dire, bravo Mario e tutti i collaboratori che lo hanno supportato in questi 20 anni

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>