Alimentazione — 06 ottobre 2011

Uno studio condotto all’università di Copenaghen ha dimostrato che il consumo moderato e regolare di vino, in particolare vino rosso, riduce il rischio di malattie cardio-circolatorie, protegge contro il cancro e rinforza le difese immunitarie. Il merito è dei polifenoli, che avrebbero un’azione antiossidante che contrasta il danno e la morte cellulare. Tra i più potenti antiossidanti presenti nel vino spicca proprio il resveratrolo una sostanza contenuta in grande quantità nelle uve nere. Uno studio pubblicato recentemente sulla rinomata rivista scientifica Nature1 ha dimostrato che topi sottoposti ad una dieta ricca di grassi e a cui veniva somministrato il resveratrolo vivevano tanto a lungo quanto topi sottoposti ad una dieta povera di grassi e a cui non veniva somministrato il resveratrolo. Invece, un campione di topi sovrappeso a cui non veniva somministrato il resveratrolo si ammalava di cuore o di diabete e viveva meno a lungo. Sembra che il resveratrolo riduca la produzione di radicali liberi (anti-ossidante) che causano la morte delle cellule (apoptosi), inoltre, stimola l’attività di enzimi che eliminano dalle cellule le sostanze cancerogene e riduce la crescita dei tumori allo stadio iniziale.


Le industrie farmaceutiche hanno pensato di commercializzare questa sostanza, il resveratrolo, vendendola sotto forma di compressa. Personalmente non penso che una compressa di resveratrolo potrà mai sostituire completamente un bicchiere di vino rosso che non solo ci aiuta a tenerci in forma ma ci procura anche piacevoli momenti di degustazione. Quando si parla di alcolici l’invito è ad un consumo moderato e sempre rigorosamente a stomaco pieno. Si ricorda che l’alcol in eccesso fa male danneggia il fegato e l’intero organismo.


 


Bibliografia: www.larubrica-della-chimica.com;


1 J. A. Baur et al., Nature 2006, 444, 337.


 


Dott. Francesco Aversano
Biologo Nutrizionista
Spec. In Biochimica Clinica
Dottore di Ricerca in Biotecnologie Mediche
Accademia Internazionale Nutrizione Clinica
www.studioaversano.com
Cell. 3932778689

Autore: Dott. Francesco Aversano

Share

About Author

Peluso

  • Marco Cascone

    Grazie Dottore. Da Gragnanese acquisito non posso che esultare a questa bella notizia. Il vino di Gragnano è vino di infinita tradizione, ora è anche riconosciuto elisir di lunga vita. Di…lungo piacere lo è da sempre :-))

  • silvio scotto pagliara

    il mio portiere è morto all’età di 57 anni !!
    era un alcolizzato …..diceva ..il vino, quello rosso …allunga la vita …infatti………….si è allungato la vita non terrestre , ma quella celestiale !!
    Cmq , dottore , si scherza , è u detto e poi confermato che ……con una corretta …misura ….si puo’ tentare di allungare !!
    ad maiora !

  • antonello lommito,c.s.c.amici del cicli,sez.podist

    grazie per il resverstrolo e per il vino rosso quanti gradi è opportuno che lo stesso non superi?lo zibibbo a tavola o il merlot piemontese?a ogni regione il proprio,e se uno scegli esse un buon bicchiere di greco o di falanghina?

  • Giovanni Iagrossi – asd podisti alto sannio

    A conferma di quanto specificato nell’articolo porto la mia pluriennale esperienza di produttore e consumatore di barbera delle colline sannite che qualcuno di voi sicuramente ha avuto modo di assaggiare in una “mezza del Sannio” di qualche anno fà…..un ringraziamento all’ottimo dott. Aversano che con i suoi articoli ci tiene sempre aggiornati (ha ragione nel ribadire che gli eccessi vanno evitati). Un saluto a tutti ed un arrivederci alla mezza del sannio 2011 che si terrà il 13 novembre…. magari potremo assaggiare l’olio extravergine di olive appena molite.

  • Dott. Francesco Aversano

    Per Giovanni Iagrossi. Ti ringrazio per le belle parole. Quando hai disponibilità mi potresti contattare telefonicamente. Saluti

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>