Atletica News slide — 04 settembre 2015

monica(Padova 04.09.15) Non solo la pluricampionessa olimpica e mondiale Shelly-Ann Fraser-Pryce, qui dopo l’esaltante vittoria sui 100 nella Diamond Race di Zurigo. Non solo Nesta Carter, stella della velocità maschile. accutane online Non solo i sette medagliati dei campionati iridati di Pechino. Al Meeting internazionale Città di Padova, in cartellone domenica allo Stadio Euganeo (dalle 16.30, a ingresso gratuito) anche atleti magari meno conosciuti ma non meno importanti. E una delle storie che meritano di essere raccontate è quella di Monica Contrafatto, al via dei 100 metri paralimpici, inseriti all’interno dell’evento grazie alla collaborazione di Assindustria Sport con Fispes e Cip. Nata a Gela, in Sicilia, 34 anni, Monica il 4 marzo 2012 è stata mutilata da una granata in Afghanistan ed è la prima militare italiana decorata con la medaglia d’oro al valore dell’Esercito: è il riconoscimento per aver messo in salvo altre persone nonostante la terribile ferita, ricevuto dalle mani del ministro Pinotti lo scorso 4 maggio. «Eravamo tornati da un giro di perlustrazione in cerca della postazione che già aveva lanciato diversi colpi di mortaio nell’area della base. Ero appena tornata in tenda, volevo andare a fare la doccia, ed è caduta la prima bomba, quella che ha ucciso Michele Silvestri. Nel campo fu il caos, corsi a prendere l’equipaggiamento. Poco dopo è arrivata la seconda, quella che mi ha colpito, poi una terza. Sul momento non sentii dolore e non ebbi la percezione di quello che era successo, ero convinta di avere solo un graffio. Poi il trasporto in ospedale. Tra me e me pensavo che mi avrebbero curato e sarebbe tornato tutto come prima. Mentre ero ricoverata a Ramstein ho scoperto che avevo perso una gamba, cinquanta centimetri di intestino e la parziale funzionalità di un dito, che per fortuna mi hanno salvato. Poteva andare peggio» ha raccontato a Repubblica ripercorrendo quei terribili momenti. Lo sport ha giocato un ruolo fondamentale per ripartire. Le immagini dei Giochi Paralimpici di Londra e di Martina Caironi che vinceva i 100 (e che sarà con lei in gara a Padova) le hanno aperto un mondo. «Correre era la mia passione e lo è ancora. Anche per questo mi sono innamorata dei bersaglieri, fino a diventare una di loro. Li ho scoperti durante l’operazione Vespri Siciliani, quando in Sicilia furono mandati anche gli alpini a presidiare gli obiettivi della mafia. Fu amore a prima vista, vederli correre mi metteva i brividi. E per questo dopo la bomba mi sono fatta mettere subito la protesi da corsa e ho ripreso a fare sport. Avevo provato anche con il nuoto, una disciplina bellissima e completa, ma la corsa è più nolvadex vs clomid adatta alla mia disabilità». SABATO L’INCONTRO CON ONTANON. In occasione del Meeting, Assindustria Sport darà l’opportunità a tecnici e atleti precedentemente selezionati di incontrare Guy Ontanon, allenatore fra i più noti e apprezzati a livello internazionale, che guida il settore velocità della nazionale transalpina e che ha lanciato fra gli altri Jimmy Vicaut. Il clinic prevede una parte su pista e una in aula, è in programma alle ore 16 di sabato, allo Stadio Colbachini di Padova, e coinvolgerà i suoi atleti Guy Anouman e Stuart Dutamby, campioni europei 2015 under 23 con la 4×100 francese, Teddy Venel, finalista a Pechino nella 4×400, e Jeffrey John. In pista anche l’azzurro Jacques Riparelli, unico italiano al via nei 100 ai Mondiali di Pechino, e gli azzurrini di Assindustria Sport Lodovico accutanegeneric-reviews.com Cortelazzo e Farias Zin. A tradurre dal francese la sprinter – padovana adottiva – Fabé Dia Longo, che è stata allenata proprio da Ontanon. I rappresentanti dei media potranno incontrare i presenti prima dell’inizio del clinic, alle 15.45.

Nelle foto Monica Contrafatto (fonte Corriere della sera) e Guy Ontanon

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>