Atletica News slide — 18 agosto 2015

pistaIl mezzofondo dei Mondiali di Pechino offre sfide che più avvincenti non si può: Mo Farah pigliatutto contro gli africani, sulla carta più etiopi che kenyani sui 5000 e il contrario sui 10000. Il competitor più temibile per il britannico appare quel Geoffrey Kamworor che mantiene le promesse quando giura di vincere. L’ha fatto al mondiale di mezza maratona e a quello di cross, ora ha spostato il proposito sulla medaglia d’oro a Pechino.

Sul fronte femminile l’asso Genzebe Dibaba è chiamata a over the counter viagra substitute raccogliere l’eredità di Tirunesh e ha in animo l’inedita accoppiata al femminile 1500-5000, cosa che porterebbe anche al primo storico titolo mondiale etiope sui 1500. Finora, solo un bronzo nel lontano 1999 e un oro di sponda svedese a Mosca, della Aregawi trasferitasi a correre per l’Europa. Sui 5000 il pericolo potrebbe arrivarle soprattutto dalla compagna di team Almaz Ayana, mentre sui 1500 c’è l’olandese Hassan in prima linea. Non corre bella e rotonda come Genzebe ma ingrana la marcia superiore fino a sfiancarsi. Se la finale zithromax sarà sul piede dei quattro minuti, una mina USA quale la Simpson ha le qualità per scompigliare le carte.

Altro motivo di grande interesse sono le siepi maschili, il cui dominio kenyano non è mai stato in discussione come ora grazie all’ascesa dello statunitense Evan Jager, caduto a Parigi prima di firmare la vittoria su Jairus Birech. Impresa solo rimandata, parrebbe, dalle parole del mezzofondista USA. Il vecchio Kemboi, Brimin Kipruto ma soprattutto la freschezza di Conseslus Kipruto chiudono il gioco dei protagonisti. Partita aperta al femminile, con la tunisina Ghribi in grado di minare la sicurezza delle kenyane Nyambura e Kiyeng.

Anche qui USA con valore aggiunto, quello della bellissima Coburn, che giunge al mondiale meno spremuta delle avversarie.

Il panorama donne si chiude con l’alto chilometraggio (10000), dove solo una gara non a cadenze vertiginose può mettere in discussione un successo africano. Le etiopi presentano i numeri migliori ma, dal fronte kenyano, torna Vivian Cheruiyot dopo il baby break. A corto di munizioni, il Kenya ha recuperato per la causa Sally Kipyego, bocciata dai Trials ma salvata dal titolo africano.

Chiudiamo http://viagra7-pharmacycanada.com/ sull’asse 800-1500 uomini, roba da leccarsi le dita. Gli 800 offrono al grande palcoscenico la notivà più strepitosa del bosniaco a guida tecnica italiana Amel Tuka, la vera “breaking news” dell’anno, l’argento olimpico Amos e l’olimpionico e recordman mondiale Rudisha, meno abbonato alle generic cialis vittorie che in passato. Nel mazzo anche i polacchi, gli altri kenyani e il campione mondiale uscente Aman. Brivido 1500: se Kiprop sarà quello di Montecarlo, l’algerino Makhloufi e il marocchino Iguider si disputeranno l’argento con Kiplagat, ma basta guardare la casistica per “leggere” la probabile finale: sul piede di 3:35, e in tanti nell’imbuto della volata fino alla fine. Se di questo si tratta, il gibutiano Souleiman, che intende sacrificare gli 800 per provare a prendersi i 1500, ha nel bestsellers online taschino la penna con l’inchiostro dorato.

ISCRITTI/Entry Lists

Ufficio Stampa FIDAL. Federazione Italiana di Atletica Leggera

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>