Cronaca slide — 30 settembre 2013
bergamoBergamo, 29 settembre 2013 – Vincitore e assoluto dominatore. Così il keniano Paul Tiongik conquista la prima edizione della Mezza Maratona dei Mille “Città di Bergamo” 2013. Impressionante il ritmo impresso da Tiongik sin dal via della Fara in Città Alta. In testa dal primo metro anche tra le vie del centro storico, il keniano non concede alcuna possibilità agli avversari, e tra questi il compagno di squadra nel team Farnese Vini, Nicodemus Biwott, e il sorprendente Michele Palamini, l’enfant du pais del team GAV di Vertova. La coppia di inseguitori cerca di chiudere il gap incrementato nel tratto lungo le Mura venete in discesa da Città Alta, ma non c’è niente da fare. Nel frattempo, alle loro spalle il duo “militare” composto da Giovanni Gualdi (Fiamme Gialle) e Denis Curzi (Carabinieri) tenta una rimonta che sembra, col passare dei chilometri, sempre più difficile. A metà gara le posizioni non cambiavano ma si dilatano i distacchi con Tiongik che vanta 30” su Biwott che a sua volta tiene a 10” il bergamasco Palamini. Più indietro Gualdi ad un minuto dalla testa della corsa e Curzi che cede 40” al finanziere. Gran finale. E così sul traguardo, davanti al Teatro Donizetti, supera lo striscione d’arrivo a braccia alzate fermando il cronometro a 1:04’22”, un tempo di tutto rispetto considerando il tracciato cittadino piuttosto nervoso, disegnato da Migidio Bourifa, in veste di Direttore di gara e organizzatore. «Si è vero, sono partito forte ma a me piace impostare un ritmo alto sin dai primi chilometri e qui, nonostante non conoscessi il percorso ho fatto la mia solita tattica – ha commentato Paul Tiongik – e sono davvero felice di scrivere il mio nome come vincitore della prima edizione della Mezza Maratona di Bergamo». A 36” dal primo l’arrivo di Biwott e terzo gradino, a meno di un minuto dal vincitore, per un raggiante Michele Palamini, soddisfatto per la buona prestazione. «Ho cercato alleanze con Biwott, anche solo per darci il cambio, ma non siamo riusciti a fare squadra… – ha commentato Palamini – ma in tutti i casi sono estremamente soddisfatto della mia gara». Ai piedi del podio Giovanni Gualdi: «Ho accusato un ritardo  nella discesa delle Mura Venete che non sono più riuscito a colmare». La prova femminile. Tra le donne, si è assistito ad una corsa appaiata fino al settimo chilometro tra Eliana Patelli dell’Atletica Valle Brembana e la runner dell’atletica Scandiano Isabella Morlini, ma all’entrata del chilometro 8 l’emiliana ha dovuto rallentare perché non in grado di sostenere il ritmo della Patelli. All’arrivo la ragazza bergamasca giungerà prima con il crono finale di 1:17’42” (che le vale il 15esimo tempo assoluto) nel tripudio di amici e tanti tifosi bergamaschi che hanno visto salire sul gradino più alto del podio la migliore atleta del movimento podistico bergamasco. «Sapevo della tecnicità del tracciato e quindi l’ho affrontato con il giusto approccio mentale – ha dichiarato la vincitrice – e vincere questa prima edizione mi riempie di gioia». La classifica femminile dice seconda Isabella Morlini (a 36”) e terza Isabella Labonia dell’Atletica Presezzo. Staffette. Nella prova “relay” (con 40 squadre iscritte) vittoria della staffetta Art 4 Sport composta da Paolo Panseri, Giancarlo Terzi e Marco Spreafico con il tempo di 01:16’26” mentre tra le donne successo della formazione GAV Vertova con Donatella Redaelli, Oriana Lanfranchi e Marina Peracchi in 1:35’24”. Il primo team misto e ancora una squadra della onlus Art 4 Sport composto da Massimo Plebani, Daniele Mapelli e Katiusha Mozabelli, terzi assoluti in 1:28’10”. L’organizzazione. Buona prova organizzativa per il tandem composto da Promoeventi Sport e Sport & Wellness: «La pioggia di inizio mattina poteva mettere a dura prova la nostra tenuta, ma a gara conclusa possiamo tirare un bilancio positivo – ha sottolineato Giovanni Bettineschi, a capo dell’organizzazione – e chiacchierando all’arrivo con i concorrenti della “pancia del gruppo” abbiamo raccolto molti giudizi positivi e qualche prezioso consiglio di miglioramento». Grande aiuto è giunto anche dalla giornata ecologica voluta dal Comune di Bergamo che ha lasciato le strade libere dal traffico cittadino. «Grande impegno organizzativo, ma anche grande soddisfazione per aver portato in città una competizione di alto livello – ha commentato Luca Lamera, coorganizzatore della Mezza di Bergamo – e da domani lavoreremo già per la prossima edizione». Al termine della prova sono 1.072 i classificati (su 1.200 iscritti) di questa “prima” Mezza Maratona dei Mille “Città di Bergamo” e nonostante le avverse condizioni meteo di inizio mattinata, gli organizzatori mandano agli annali l’esordio della #mezzadibg pensando già alla versione 2014.

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>