TuttoCampania — 27 settembre 2016

macerata campaniaLa sgambettata Maceratese è una delle gare più attese, più organizzate e più ricche del panorama podistico campano.

Non a caso è scelta da moltissimi podisti, che la preferiscono a tante altre che si svolgono in contemporanea.

E’ una gara che di anno in anno è migliorata in maniera esponenziale tanto da essere annoverata tra le migliori, sia dal punto di vista organizzativo che qualitativo.

Oggi, alla sua XIV edizione vanta, tra glioltre 600 iscritti, grossi nomi dell’atletica Campana sia in campo maschile he in campo femminile, e questo la dice lunga sulla qualità messa in campo a Macerata.

Alle 8,00 in punto tutto è pronto e il centro sportivo appare, agli occhi dei presenti, sotto una luce completamente nuova!

Atleti, mini atleti e amatori in campo pronti, ognuno concentrato sul proprio impegno. Organizzatori, addetti ai lavori e tifosi sparpagliati ovunque, intenti a gestire al meglio le mansioni che sono chiamati a svolgere.

Al nostro arrivo uno splendido sole ci regala una visione, se possibile, ancor più spettacolare, preludio alla bella mattinata che andremo a trascorrere in compagnia degli amici di sempre.

Alle 9,00 in punto l’adunata ci richiama (anch’io tra gli atleti), sotto l’arco.

Qui un caratteristico giro di ricognizione, alle spalle di una portavoce dell’Associazione “16 ottobre”, a sostegno dei malati di SLA, ci porta a passo allegro nuovamente sotto l’arco di partenza.

Alle 9,15 prende il via la manifestazione e centinaia di canotte colorano lo stadio per oltre 200 metri, e poi si riversano come un fiume in piena per le strade di questa bella cittadina.

In men che non si dica Caserta pullula di podisti che, durante il loro impegno, si deliziano nell’ammirare le tranquille e sonnacchiose vie della cittadina.

10 km disegnati su unico giro, riportano gli atleti all’interno dello stadio. Qui, dopo un ultimo emozionante mezzo giro di campo, tagliano il traguardo,applauditi dal caloroso pubblico presente.

In sinergia con le forze armate e i corpi militari si tiene la cerimonia protocollare che, con ricchissime premiazioni, ricompensa gli sforzi dei tanti che fortemente hanno voluto esserci, soddisfacendo una grossissima fetta di partecipanti.

Un applauso è doveroso agli amici della “Marathon Club Gelindo Bordin” con in testa il Presidente Gennaro Nappo, le forze messe in campo, i volontari e tutti coloro hanno permesso l’ottimo svolgimento della manifestazione.

marilisa carranoMarilisa Carrano per Podistidoc.

 

 

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>