Cronaca — 05 ottobre 2008

Per la prima volta nella lunga storia del Giro Podistico arrivato alla sua 61-esima edizione, un etiope scrive il proprio nome nell’albo d’oro.
Si tratta del giovanissimo (ancora Juniores, classe 1990) FEYSA LILESA Gemechu, che senza indurgi al quarto dei 9 giri previsti per la gara assoluta ha preso il largo distanziando Mark Bett (già vincitore del Giro nel 1997).
Più distanti la coppia di keniani Isaac Tanui e Richard Sigei a precedere l’ugandese Aliwa Moses. Il primo italiano saldamente in sesta posizione è il toscano Stefano La Rosa. Al decimo posto, ottima gara la sua, il sarentinese Hannes Rungger davanti al maratoneta Giovanni Ruggero, poi i mezzofondisti spcialisti dei 1500m Marco Salami, Gianni Furgi e Merihun Crespi.
A chiude la prova maschile i nostri Mirko Matuzzi e Thomas Marchelli.

Nella prova Amatori e Master maschile, assolo del nostro Paolo Bertazzoli che non ha avuto avversari in grado di impensierirlo. A difendere i nostri colori con delle prove di grande spessore Nicola Bertoldi (II tra gli Amatori), Luciano Wolf (primo tra gli MM50) conuna gara tutta in recupero, il quasi esordiente Rigo Domenico, poi Mauro Cettolo, Roldano Cattoni e Graziano Saiani. Segnaliamo infine l’ottimo quinto posto di Albert Runger già vincitore del Giro internazionale del 1980.



Eleonora Berlanda si conferma al “Giro”


Grande folla assiepata lungo il percorso cittadino della 61-esima edizione del Giro Podistico Internazionale di Rovereto. La prima gara al via è quella assoluta femminile assieme alle atlete della categoria Amatori e Master donne.
La gara femminile, introdotta per la prima volta nel 2007, vede al via un’atleta di livello nazionale come Eleonora Berlanda (già vincitrice della prima edizione) che prende subito il largo (sono assenti per infortunio le atlete di casa Veronica Chiusole, Claudia Andrighettoni e Cinza Scarpignato), dietro di lei la coppia Elektra Bonvecchio (Atl. Trento) e Mirella Bergamo (Valsugana). La situazione non cambierà fino alla fine con vittoria solitaria della Berlanda (FF.OO), con il nuovo record del percorso, davanti alla trentina Bonvecchio e alla clesiana Bergamo (Valsugana), a chiudere le ragazze del Crus Pedersano, Pedri, Scrinzi e Costa nell’ordine. Il settore Master donne vede prevalere Alessandra Lazzari (SAF Laives) sulla notra Maria Grazia Moiola. Tutte le classifiche sono già disponibili nell’apposita sezione del sito.

Autore: U.S. Quercia Rovereto

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>