TuttoCampania — 19 gennaio 2014

sant'antonio abate 2013XIII EDIZIONE della Maratonina città di S. A. Abate. Gara OPES di km 10 organizzata dall’”Antoniana Runners” del Presidente Gigi D’Aniello.

Percorso cittadino articolato su 2 giri di km 5, molto ondulato con lunghi tratti di strada sconnessa resa ancora più impegnativa dalla pioggia a dal vento fortissimo che ha imperversato durante la gara.

Prima di cominciare la cronaca di questa stupenda kermesse voglio ricordare l’enorme commozione che ci ha accompagnato, per la morte prematura del giovane figlio 25 enne di Marco Galasso, bravo podista e amico di vecchia data. Un bacio forte a lui e famiglia e un pensiero al giovane che ci guarda dall’alto dei cieli.

Oltre 1200 atleti hanno preso parte a questo imprescindibile appuntamento di metà gennaio.

Con un tempo che non prometteva niente di buono, alle 9,15 ha preso il via questa XIII edizione ed è stata subito battaglia. Sotto un incessante ritmo dettato dagli atleti magrebini, c’è stata subito grossa selezione. Infatti al passaggio del 5° km la coppia Zitouni/Roqti prendeva un discreto vantaggio sulla coppia Ismail/ Morad El Mourid, a seguire Antonello Barretta e, a breve distanza, il guerriero Enrico Signorelli, Francesco Di Puoti, Francesco Bassano, Alfonzo Ruoppo. Nella gara in rosa, la fortissima atleta magrebina Siam faceva gara a sé  imponendo un ritmo che la portava tra le prime 15/20 posizioni assolute. A seguire Cathi Barbati, Palomba Filomena, Michela Gargiulo, Anna Senatore, Marianna Biancardi.

Passando all’epilogo della gara, questa XIII edizione se la aggiudica Roqti (Finanza sport Campania), secondo posto per Zitouni (Il Laghetto), terza piazza per Ismail (Finanza sport Campania). A seguire Morad, Barretta, Di Puoti.

La gara femminile veniva vinta con merito dalla fortissima atleta magrebina  Siam (Finanza sport Campania), secondo posto per la brava Cathi Babati (Tifata Runners Caserta), terzo posto per Palomba Filomena (Centro Ester) che sta sfoderando grosse prestazioni. A seguire la brava Anna Senatore, Gargiulo Michela e una convincente Marilisa Carrano.

Ottima l’organizzazione di Gigino D’Aniello e tutto il suo enturage che, nonostante il tempo inclemente ha sfoderato una professionalità e una meticolosa accoglienza che va elogiata.

A margine dell’evento mi avvicino al vincitore del premio “Primo Abatese in gara”, l’amico Lello Santarpia che, con voce rotta dalla commozione dedica la sua vittoria al figlio di Marco Galasso, amico fraterno di tante avventure.

 

 

aldo cavuoto

Da S. A. Abate per Podistidoc Aldo Cavuoto

 

 

 

Share

About Author

Peluso

  • lello santarpia

    GRAZIE ALDO

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>