TuttoCampania — 14 giugno 2013
 
  DugentaManca solo qualche piccolo dettaglio, ma il più è fatto. La cittadina si appresta a vivere il grande evento sportivo. Domani, infatti, si corre la XVII edizione della Stradugenta, competizione podistica regionale su strada promossa dall’Atletica Dugenta.
  Gli iscritti sono circa mille che si confronteranno su un percorso cittadino di 10 km. Il raduno è previsto per le ore 18 in Piazza Unità d’Italiae, alle ore 19,30, ci sarà la partenza da Via Nazionale.
A questa tornata 2013 parteciperanno atleti delle categorie Maschili e Femminili uniche assoluti (allievi, junior, promesse e senior) amatori T – M35 – M40 – M45 – M50 – M55 – M60 – M65 – M70, che si contenderanno i ricchi premi in palio che andranno alle società, podisti ed anche al primo dugentese giunto al traguardo.
Per quanto concerne i primati c’è attesa, visto che da qualche anno resistono i record stabiliti da Eric Kipkemei Chirchir per gli uomini (29’22”), e da Mariyem Lamachi per le donne (33’ 53”).
  “Potrebbe essere un’edizione da ricordare – afferma Armando D’Abbruzzo, presidente dell’Atletica Dugenta -, soprattutto in considerazione degli atleti in gara. Il valore aggiunto sarà costituito dagli spettatori che hanno sempre confortato la Stradugenta e, non ultimo, dal testimonial ufficiale Totò Schillaci, capocannoniere della Nazionale di Italia ’90”.
L’evento sportivo, ad ogni modo, non terminerà domani sera. Domenica, dalle ore 19, in collaborazione con il gruppo FRATRES si terrà la 4^ Festa del Donatore, una passeggiata stracittadina aperta a tutti, su una distanza di 6 chilometri.
“Il nostro sodalizio – dichiara Antonio Romano, presidente del gruppo FRATRES di Dugenta – compie 5 anni dalla costituzione e vuole festeggiare la ricorrenza facendo correre anche la solidarietà, introducendo anche per il secondo anno il campionato Fratres donatori di sangue, con la classifica speciale a parte, dove saranno premiati i primi tre assoluti maschili e femminili”.
“Chi fa sport – aggiunge Romano -, la corsa in particolare, non può che essere persona dalla sensibilità diversa dal normale, una sensibilità che tende la mano verso gli altri e dimostra che lo sport ed i donatori sangue vanno a braccetto e hanno lo stesso obiettivo, quello di condurre uno stile di vita sano, importante sia per fare sport sia per poter donare”.
 
 
Sandro Tacinelli
ufficio stampa: Atletica Dugenta

 

Share

About Author

Cascone

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>