Curiosita — 22 luglio 2008

Le ripetitive vicende legate al doping sportivo, che quasi quotidianamente si rovesciano su di noi attraverso gli organi di informazione, inducono ad alcune riflessioni che, sebbene possano toccare la suscettibilità di qualcuno, vanno fatte.
Doping, parola inglese che incute angoscia per il suo significato, in ambito sportivo significa utilizzare sostanze proibite destinate ad aumentare in modo artificiale il proprio rendimento in gara.
NOI, popolo dei podisti siamo immuni da questo malefico virus?
Quanti di noi a fronte di prestazioni altalenanti di atleti consolidati o, addirittura di loro assenza prolungata dalle gare, ci siamo chiesti il motivo di un tale discontinuo rendimento.
Se si è campione lo si è sempre. In esso ci possono essere delle lievi flessioni rispetto al suo standard abituale dovute a scadimento di forma, ma comunque  sempre in linea con il suo diagramma virtuale di rendimento. Per rendere maggiormente esplicito il concetto, se un podista ha un passo standard in gara di 3’/km, è ipotizzabile che un suo scadimento di forma lo porti ad avere un passo di corsa a 3’10”/km, non certamente un passo di 3’30”, sarebbe troppo l’intervallo tra le due misure ed esso andrebbe analizzato.
Analogo concetto vale per atleti di categoria inferiore o per atleti suddivisi in fascia di età dove, evidentemente, il progredire dell’età porta, inevitabilmente, l’atleta a riformarsi su altri ritmi di corsa.
Si è letto, in alcuni articoli pubblicati su questo sito, di atleti che hanno protestato per avere avuto in gara atleti da essi considerati dopati. Si è letto, inoltre, di commenti che ipotizzavano la fuga di atleti dalle gare a fronte di controlli doping.
Dobbiamo per forza doparci pur di ottenere prestazioni esaltanti, oppure per superare l’amico diventato nemico nella gara domenicale? Dobbiamo ridurci ad avere degli attributi grandi come noccioline piuttosto che avere attributi normali, come si domanda il cronista della Repubblica?

Autore: Francesco Diana

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>