Atletica News slide — 01 agosto 2015

Azzurri dell’alto protagonisti anche nella prova Diamond League di Stoccolma. Dopo lo straordinario uno-due di Londra della scorsa settimana, GianmarcoTamberi è terzo con la misura di 2,29 (vittoria allo statunitense Jacorian Duffield, 2,32), mentre Marco Fassinotti chiude al quinto posto a quota 2,25. Nuova prova di grande efficienza dei due high-jumpers italiani, sempre più protagonisti a livello internazionale e saldamente inseriti nella Diamond Race (sei punti e terzo posto per Fassinotti, tre punti e sesto posto per Tamberi). La gara, sulla pedana bagnata dalla pioggia, prende il via con qualche sussulto. L’unico che sale senza problemi, è il favorito, il qatariano Mutaz Essa Barshim, che vola al di là dell’asticella al primo tentativo nelle prime tre quote affrontate (2,20; 2,25; 2,29). Gli altri, sommano errori. Fassinotti sbaglia subito, a 2,20 (ok alla seconda), per poi riscattarsi a 2,25 (bandiera bianca alla prima prova). Tamberi apre bene a 2,20, ma ha bisogno di tutti e tre i salti a disposizione per valicare i 2,25; poi, come spesso accade, il marchigiano – ancora mezza barba sul viso, e protagonista del consueto idillio con il pubblico – tira fuori il coniglio dal cilindro, saltando 2,29 al primo tentativo. E’ il momento che per certi versi spezza la gara. Fassinotti, al contrario, litiga con la misura, chiudendo la serata al quinto posto. A 2,32 accedono in quattro (a Barshim e Tamberi, si uniscono prima lo statunitense Duffield, poi il connazionale Kynard), ma nessuno sembra in grado di risolvere l’equazione. O almeno, così sembra. Perché Duffield, nell’ultimo salto a disposizione, atterra sul gradino più alto del podio. Barshim è secondo (2,29), con la stessa misura di Tamberi (terzo) e Kynard (quarto). Per i due azzurri, nuovo confronto domenica nel meeting tedesco di solo alto di Eberstadt.

Tanta Italia, all’Olimpico di Stoccolma. Giordano Benedetti, alle prese con un 800m di difficile lettura, finisce per pasticciare nel finale, quando è costretto, in piena rimonta, ad un impossibile slalom tra gli avversari. Dopo un passaggio a metà in 50.21 (ma con il trentino più sfilato, intorno ai 51 secondi), la corsa vive dello slancio del qatariano Balla, bravo a districarsi nell’affollato finale piazzando l’affondo vincente in 1:45.33. Benedetti si perde un po’ a 300 metri dal traguardo, quando concede qualche metro al gruppo di testa; la reazione è buona, ma nel rettilineo conclusivo gli spazi sono ridotti al minimo, e l’azzurro cerca vanamente spazio prima al largo, e poi alla corda, concludendo al sesto posto in 1:46.17. Va a vuoto, invece, il primo colpo sparato dalla 4×100 azzurra verso l’obiettivo Pechino. Fabio Cerutti, Jacques Riparelli, Davide Manenti e Giovanni Galbieri vincono in 39.15 contro Svezia e Romania rispettivamente 39.34 e 39.75), ma il tempo è lontanissimo dal 38.50 che proietterebbe il quartetto in zona qualificazione. A parziale scusante, la pista bagnata dalla pioggia del pomeriggio e i 20 gradi in meno di temperatura rispetto all’Italia; ma certo, in assenza di errori particolarmente significativi (non segnalati), il risultato non mette particolare entusiasmo. Sabato pomeriggio, a Rieti, come da programma, altre due possibilità. Le ultime, per provare a salire sull’aereo per la Cina. Apprezzabile 3000 metri per Margherita Magnani, settima con lo stagionale di 9:02.08 in una gara condotta su ritmi tutt’altro che proibitivi (vittoria alla statunitense Mackey in 8:52.99); dopo un primo chilometro in 2:58 ed un secondo addirittura in 3:08 (passaggio in 6:07 per la Magnani), bagarre negli ultimi due giri e mezzo, con l’azzurra che all’inizio si stacca, ma poi reagisce bene chiudendo sul piede dei 2:55 nella terza e ultima frazione.

L’acuto della serata lo piazza Shelly-Ann Fraser Pryce, che non si fa intimorire dalla temperatura, e stampa un eccellente 10.93 (-0.2) nei 100 metri, regolando la statunitense Tori Bowie (11.05). Bel 200 metri per Alonzo Edwards (Pan), vincitore in 20.04 (+0.3) malgrado le condizioni non proprio favorevoli. Conferma nei 400hs per la ceca Zuzana Hejnova (54.37), al terzo successo in Diamond League quest’anno (dopo Parigi e Londra) ma in questo caso avvicinata pericolosamente dalla danese Sara Petersen, finita a soli 5 centesimi di secondo (54.42). Super vittoria per la cubana Yarisley Silva nell’asta: il suo 4,81 è risultato di valore assoluto, ottenuto ai danni della greca Kiriakopoulou (4,76) e della brasiliana Murer (4,71). Merita la menzione anche il britannico GregRutherford, volato nel lungo a 8,34 (+0.9), con un altro salto della serie oltre gli 8,30 (8,32 e vento a +0.1). La francese RenelleLamotte festeggia il successo negli 800 metri (1:59.91) traendo vantaggio dal non seguire da vicino il folle passaggio a metà della lepre Usovich (56.99), pagato caro da molto delle avversarie. Elegante quanto efficace nella retta conclusiva: Machel Cedenio(Trinidad) si prende i 400 con 44.97, crono che è frutto della miglior distribuzione delle energie messa in campo nella gara. Gli ostacoli alti confermano le notizie dell’ultimo periodo: l’ascesa del cubano Ortega (primo in 13.18, -0.3) e del russo Shubenkov (secondo, 13.22) e le difficoltà dello statunitense Oliver (terzo, 13.24) e del francese Pascal Martinot-Lagarde (quinto, 13.40). Il gibutiano Ayanleh Souleiman trova lo spunto giusto per mettersi in evidenza nell’ultimo 1500 di livello prima dei Mondiali: suo il successo con 3:33.33, davanti al sorprendente ceco Jakub Holusa, secondo (con record nazionale) in 3:34.26. La Diamond League si ferma, in attesa del Mondiale. Tornerà con le due finali di Zurigo (3 settembre) e Bruxelles (11 settembre).

m.s.
Ufficio stampa fidal

RISULTATI

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>