Curiosita slide — 07 febbraio 2016

DesirèDesirè, una ragazza che corre, da sola, con lo zio, con gli amici, con il progetto Purosangue, racconta la sua passione. Ed anche la sua testimonianza è utile per conoscere il punto di vista dei comuni sportivi e dei campioni, quali sono gli aspetti che incidono sul benessere e quali sulla performance.

Come ha contribuito lo sport al tuo benessere e quali sono i fattori che hanno contribuito al tuo benessere o alla tua performance? “Lo sport mi ha aiutata a perdere dei kg che non mi appartenevano e questo ha influito positivamente sia sul mio carattere che sulla prestazione sportive.”

Come hai scelto il tuo sport? “In un momento nero, ho pensato ‘e se iniziassi a correre?’ correre via dai miei pensieri potrebbe aiutarmi… e così è stato!”

Quando tutto va storto, quando sei insoddisfatto della tua vita, di quello che fai, di quello che sei, di come sei, si può provare a camminare o correre, insomma a sentire il corpo e sviluppare maggior autoconsapevolezza e ti accorgi che qualcosa stai elaborando nella tua testa attraverso anche il tuo corpo, lo sport diventa benefico, una sorta di autoterapia, fermmi I pensieri e  passi all’azione per sperimentare e vedere che effetto ti fa, brava Desirè, bell’intuito.

Nella tua disciplina quali difficoltà si incontrano? “Stanchezza, dolori muscolari quando si sforza troppo e delle volte la mancanza di costanza e perseveranza (non dovuta al fatto che non ci  si voglia allenare ma per mancanza di tempo) portano a uno scoraggiamento dovuto al peggioramento della performance.”

Quando hai fatto una scelta, quando inizi un’attività che ritieni benefica per te è importante la fase del mantenimento nonostante le prime difficoltà, con il tempo riesci a gestire le difficoltà, tutto diventa più facile, più gestibile, più fattibile.

Quale alimentazione segui prima, durante e dopo una gara? “In genere seguo sempre una dieta sana quindi non cambio particolarmente alimentazione prima della gara, perché poi le mie gare si svolgono su distanze corte (10km) delle volte dopo una gara mi concedo un pasto sfizioso in più. Per premiare i miei sforzi.”

Come tutte le cose, il bastone e la carota va bene, bisogna fare attenzione ma poi c’è sempre tempo per recuperare e per godere.

Quali sono le condizioni fisiche o ambientali che più spesso ti hanno indotto a non concludere la gara o a fare una prestazione non ottimale? “La pioggia e il fango.”

Cosa ti ha fatto mollare o cosa ti fa continuare a fare sport? “Continuo a correre perché la sensazione che si prova subito dopo 10 minuti che si sta correndo non si può paragonare, ci si sente liberi e pieni di forza. lo sport mi aiuta a essere una persona migliore, scaricando tutte le energie negative che accumulo durante la giornata, o semplicemente aiutandomi a rilassarmi e a staccare dopo ore di studio o di lavoro.”

Bella testimonianza, corsa non è solo fatica, stanchezza, ma è importante quello che si sperimenta, impotante staccare dallo studio o dal lavoro e dedicarsi ad un’attività piacevole e rigenerante quale può essere uno sport come la corsa.

Chi ha contribuito al tuo benessere nello sport o alla tua performance? “Mio zio. Lui corre da tantissimi anni, mi ha fatto conoscere questo sport e mi da consigli ancora adesso.”

C’è sempre qualcuno dietro qualcun’altro, importante una rete sociale, amici, famigliari che ti coinvolgono senza pressarti troppo.

Qual è stata la gara della tua vita, dove hai dato il meglio di te o dove hai sperimentato le emozioni più belle? “La gara dove ho dato il meglio di me è stata a Cesano l’otto dicembre scorso. Ho fatto il mio miglior tempo grazie a mio zio che mi ha fatto da Pacer. Al traguardo ero così felice che l’ho abbracciato e una fotografa ci ha scattato una foto bellissima. In realtà quasi tutte le foto al traguardo le ho con lui.”

Condividere moment piacevoli è importante, soprattutto con persone a cui vuoi bene.

Qual è una tua esperienza che ti possa dare la sicurezza, la convinzione, che ce la puoi fare nello sport o nella vita? “Ho avuto una grande delusione e nonostante tutto sono riuscita a rimettermi in gioco e se ho superato tutto una volta perché non potrei essere in grado di farlo di nuovo?  La più grande esperienza che ogni giorno mi ha dato la forza e la conferma che sono forte e all’altezza di molte situazioni è stata la mia permanenza a Pechino per tre mesi. Dove ho vissuto lontana da casa e in balia di me stessa.”

Quali sono le tue capacità, risorse, caratteristiche, qualità che hai dimostrato di possedere? “Non pensavo di essere così determinata. Tutt’ora faccio fatica a farci caso, perché ho sempre pensato di essere la classica ragazza che si accontenta di quello che ha sotto il naso e non fa nulla per cambiare la situazione. Invece un anno fa ho deciso di iniziare a correre, seguire un percorso, iniziare una dieta per liberarmi dei kg di troppo che mi facevano stare male psicologicamente, iniziare a lavorare per dimostrare che posso farcela da sola e continuare a studiare cinese cercando di portare a termine i miei obiettivi.”

Desirè ora sa che se vuole può, lo ha sperimentao con la corsa, con lo studio, sa che se ci sono periodi bui si può sempre uscire, non ci sono tunnel infiniti.

Quali i meccanismi psicologici ritieni ti abbiano aiutano nello sport al tuo benessere o alla tua performance? “Non accettavo il fatto di essere ingrassata così tanto, non ero io, così ogni volta che non mi andava tanto di correre, pensavo al mio corpo e al fatto che avrei dovuto cambiare quella situazione per sentirmi di nuovo in armonia con me stessa. Quando correvo, cercavo di correre sempre di più e più forte pensando al grasso che stavo bruciando.”

Cosa pensano i tuoi famigliari ed amici della tua attività sportiva tesa al benessere o alla performance? “All’inizio non lo capivano, pensavano che fosse tempo sprecato, poi hanno visto i benefici che mi ha portato e adesso non mi dicono più nulla se faccio gare o se mi alleno anche la sera tardi. Mio padre si è avvicinato alla corsa un anno prima di me e quell’estate io provai a correre con lui fermandomi ogni 5 minuti. Dopo 1 anno ho iniziato anche io seriamente a correre e allenarmi facendo ripetute ed esercizi vari, diventando sempre più resistenze e nel mio piccolo veloce. Adesso ovviamente sono più agile di lui e lui si mette in competizione con me.”

Cosa hai scoperto del tuo carattere nel praticare attività fisica? “La mia voglia di migliorare sempre, forse sono diventata ambiziosa.”

Come è cambiata la tua vita famigliare, lavorativa nell’aver intrapreso un’attività sportiva costante ed impegnativa? “Sono un pochino più rilassata e questo mi fa bene sia a casa che in ufficio.”

”Quali sono o sono state le tue sensazioni pregara, in gara, post gara. “Pre gara sono sempre preoccupata e ansiosa, le sensazioni sono paragonabili al giorno prima di un esame. Perché ho paura di fallire e non riuscire nell’obiettivo che mi ero prefissata. Post gara; se ho sbagliato qualcosa nel gestirla, avverto delusione e sconfitta che poi mi porto dietro anche nei giorni seguenti.”

Gli esemai non finiscono mai per Desirè, il giorno della gara diventa un giorno d’esame.

A seguito delle tue esperienze che consiglio ti andrebbe di dare a coloro che si trovano a dover fare scelte importanti nello sport? “Fate sport perché vi fa stare bene e per voi stessi, non per dimostrare qualcosa a qualcuno o per moda. Lo sport va capito fino in fondo, e amato, facendolo diventare una passione non un obbligo.”

C’è stato il rischio di incorrere nel doping nella tua carriera sportiva? “Assolutamente no. Anzi, ero una fumatrice occasionale e quando ho deciso di iniziare a correre ho smesso drasticamente.”

Bella testimonianza per il cambiamento di stile di vita attraverso llo sport.

Qual è un messaggio che vorresti dare per sconsigliare l’uso del doping e per fare uno sport teso al benessere o alla performance? “Lo sport è sinonimo di benessere e di vita sana, porta il nostro corpo a dare il meglio di se e riesce a fare miracoli. Perché rendere artificiale tutto ciò? Non siete curiosi di sapere fino a che punto potete arrivare con costanza e sacrificio?”

Brava Desirè, ha speriemtnato che con costanza, sacrificio e passione si può fare tutto anche se c’è un po di tensione prima della gara.

Riesci ad immaginare una vita senza lo sport? “Adesso no, e tante volte mi domando come delle persone possano andare avanti senza praticarlo. Mi chiedo, come scaricano lo stress? Da dove prendono le energie positive?”

Come hai superato eventuali crisi, sconfitte, infortuni?  “Dopo una gara andata male, volevo mollare, e così è stato per un po di tempo…Ma poi ho pensato perché buttare tutto al vento, perché rinunciare a ciò che mi fa stare bene per un tempo che non ho fatto o per un piccolo fallimento che un giorno potrà essere un successo. Non vale la pena. Quindi adesso quando non mi posso allenare bene per una gara, corro lo stesso per il piacere di farlo, perché mi fa stare bene e perché non posso farne a meno.”

Ritieni utile la figura dello psicologo dello sport, se si per quali aspetti ed in quali fasi dell’attività sportiva? !Non ho mai avuto a che fare con uno psicologo dello sport sfortunatamente, ma penso sia fondamentale per ogni atleta, professionista e non, perché tutti hanno bisogno di una guida in momenti bui e chi meglio di una persona specializzata nel settore e capace di capire fino in fondo il problema può aiutarci ad andare avanti?”

Quale può essere un tuo messaggio rivolto ai ragazzi per avvicinarsi a questo sport fatto di fatica, impegno, sudore, sofferenze? “Non abbiate paura, anzi, abbiate la forza e il coraggio di affrontare la fatica e di conoscere fino in fondo voi stessi.”

Quali sono i sogni che hai realizzato e quali quelli da realizzare? “Il sogno che ho realizzato correndo è stato riuscire a tornare come ero prima, buttando via 10 chili di troppo. Quello che voglio raggiungere è correre sulla Muraglia Cinese.”

Matteo SIMONE

Psicologo, Psicoterapeuta Gestalt ed EMDR

CONTATTI: 380.4337230 – 21163@tiscali.it

www.psicologiadellosport.net

http://www.mjmeditore.it/autori/matteo-simone

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+simone+matteo.html

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>