Cronaca HOME PAGE — 06 febbraio 2012

I club italiani tornano dalla Coppa Campioni di Cross di Castellon (Spagna) con il terzo posto nella categoria senior degli uomini delle Fiamme Gialle e le donne dell’Esercito quarte, ad un solo punto dal podio. A livello giovanile, settime le juniores dell’Audacia Record Atletica e ottavi gli under 20 della Studentesca CaRiRi. Competizione a squadre, ma dove non sono mancati interessanti spunti individuali come il secondo posto assoluto di Andrea Lalli (Fiamme Gialle) e il terzo di Nadia Ejjafini (Esercito).

Il finanziere – dopo l’intervento ai tendini di aprile e i recenti successi su strada alla We Run Rome e alla Corsa di Miguel – torna a calzare le scarpe chiodate e ritrova subito il giusto feeling con la campestre. Il molisano, campione europeo di cross junior nel 2006 e under 23 nel 2008, lotta sempre nelle posizioni di testa. Con una falcata sicura percorre il circuito pianeggiante e asciutto (10km) e resta alle costole del favorito numero uno, lo spagnolo, due volte d’argento agli EuroCross, Ayad Lamdassem. Si decide tutto nella volata finale dove Lalli è battuto di un soffio (28:36). Lamdassem si conferma vincitore (28:36) come nell’edizione italiana 2011 della Cinque Mulini, ma stavolta riporta in cima al podio anche il suo team del Bikila Toledo (25 punti) davanti ai campioni di Spagna dell’Otsu Colibri Guadalajara (40) guidati da Ricardo Serrano, terzo assoluto in 28:44. Le Fiamme Gialle (42 punti), malgrado l’assenza dell’argento europeo under 23 dei 10000 Ahmed El Mazoury (fermo per una microfrattura allo scafoide), hanno comunque potuto contare sul decisivo apporto dell’esperto Gabriele De Nard (7°/28:44), fresco del secondo titolo italiano assoluto in carriera, seguito da Daniele Caimmi (15°/29:07), appena rientrato da uno stage in Sud Africa e oggi lanciatosi a guidare le fasi iniziali della corsa. Dietro di loro il siepista Patrick Nasti (18°/29:10), il tricolore di maratona Giovanni Gualdi (29:24) e Yuri Floriani (29:39).

“Sono soddisfatto di questo rientro nel cross – le parole di Lalli a fine gara – anche se oggi avevo impostato la gara per giocarmela in volata.

Peccato che all’uscita dall’ultima semicurva mi sia mancato un appoggio, facendomi perdere lo spunto giusto per il finale. Avverto ancora qualche piccolo fastidio, ma le gambe girano. Ora sono in partenza per un periodo di allenamento in Kenya con l’obiettivo di far bene alla Stramilano il 25 marzo e migliorare l’1h02:32 del mio esordio in mezza maratona”.    

I 6km femminili e i prati spagnoli vedono nuovamente tra le migliori la Ejjafini. L’italo-marocchina, quarta in azzurro agli Europei di Velenje, in questa occasione chiude terza (18:56) cedendo il passo alla vincitrice etiope Oljira Belaynesh (18:52). La Coppa resta così in Turchia all’Usküdar Belediyesi Spor Kulübü (19 punti), forte anche del secondo posto ottenuto da Asli Cakir (18:54). Argento alla compatta formazione russa del Luch Moscow (29) e bronzo al Maratona Clube De Portugal (54) di Ana Dulce Felix, quarta (19:04). Le atlete dell’Esercito che tornavano in Coppa Campioni dopo il bel terzo posto del 2011, stavolta terminano quarte (55 punti), al termine di una trasferta che all’andata, a causa della problematica situazione per il maltempo dei voli in partenza da Roma, è diventata più lunga e faticosa del previsto. Tra le altre soldatesse a Castellon, gara in rimonta e condizione crescente per Elena Romagnolo (13ª/19:34) che ha preceduto le compagne Angela Rinicella (19ª/19:51) e Veronica Inglese (20ª/19:53). Oltre la ventesima posizione Federica Dal Ri (24ª/20:02) e Fatna Maraoui (30ª/20:13).

Viaggio complicato per le stesse ragioni anche per le due squadre juniores. Le ragazze dell’Audacia Record Atletica hanno scontato l’assenza dell’infortunata Valentine Marchese. La migliore in campo (4km) è la sorella gemella, vicecampionessa italiana junior, Camille (13ª/13:56), seguita da Francesca Dassi (24ª/14:42) rallentata da un problema fisico, Sara Cornicelli (36ª/15:15) e Francesca Assogna (37ª/15:29). Ottavi (6km), infine, i giovani portacolori della Studentesca CaRiRi con Manuel Luciani (15°/18:32), Jamal Namous (41°/19:58), Lorenzo Bufalino (42°/19:58) e David Bausani (45°/20:02). Titoli continentali under 20 alle russe del Luch-Flano Moscow trascinate dalla vittoria individuale di Vera Vasileva (13:14 sui 4km), e ai portoghesi dello Sport Lisbona e Benfica che monopolizzano anche le prime due posizioni con Ruben Silva (18:12) e Adrião Rodrigues (18:14).

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>