TuttoCampania — 12 dicembre 2017

lago patriaChissà cosa avrebbe pensato Scipione l’africano – le cui spoglie mortali riposerebbero nei pressi del Lago Patria, probabilmente sotto qualche casa o villa abusiva, laddove sorgeva l’antica Liternum, insediamento di coloni romani reduci dalle guerre puniche, dove il famoso condottiero si ritirò a vita privata deluso dalle politiche di Roma, pronunciando la famosa frase “ingrata patria non avrai le mie ossa” – nel vedere raggruppati sotto un arco di trionfo sintetico centinaia di uomini e donne in mutande e canottiere pronti a sfidarsi nella terza edizione de La Corsa del Cuore, gara po­distica di 10 chilometri (per la precisione 10,350 km), quest’anno arricchita dalla prima edizione della Straliternum di 21 km.

Molto probabilmente il prode condottiero, avendone viste chissà quante durante la sua epica esisten­za, si sarebbe fatto una grande risata continuando a coltivare il proprio appezzamento di terreno. O, magari, si sarebbe levato sulla schiena a guardare quell’esercito multicolore di matti che, al “via”, ha iniziato a correre lungo la strade di Liternum, raggiungendo la sponda del lago sottostante e con­tinuare a correre intorno all’immane specchio d’acqua per raggiungere il lato opposto e ritornare da dove erano partiti.

Non si può escludere che, osservandoli dall’alto della sua splendida villa, il generale romano avreb­be invocato gli dei perché fulminasse quegli scellerati che con il loro agone sportivo profanavano la tranquillità del luogo, prescelto finanche da Seneca per coltivare le proprie riflessioni filosofiche grazie alla bellezza del luogo. Così come non è detto che, viceversa, il generale avrebbe chiesto agli dei di benedirli perché con la loro allegria e voglia di vita omaggiavano degnamente Madre Natura!

Al di là delle mere fantasie, una cosa possiamo affermarla con certezza: la gara di ieri è stata una grande festa di amicizia e di sport. Un grazie sincero va agli organizzatori che con l’appoggio logi­stico dell’esercito sono riusciti ad allestire una manifestazione molto piacevole sia per quanto con­cerne l’aspetto squisitamente sportivo grazie al percorso panoramico comprensivo dell’intero giro del Lago Patria che ha consentito a tanti di apprezzare una zona del litorale flegreo per molti versi ignota in quanto poco o male pubblicizzata; sia per quanto riguarda il pre e il dopo gara con la pre­senza, prima della partenza, di piccole majorette che a tempo di musica scandivano ballando i minu­ti rimanenti al via e di un gruppo di comparse in costume da pretoriani a cavallo in onore del gene­rale romano, che alla possibilità, una volta tagliato il traguardo, di gustare un’ottima pasta e fagioli bollente cucinata al momento su cucine da campo allestite a ridosso della consegna delle medaglie e dei pacchi gara che ritemprava dal freddo patito in gara.

Un grazie sincero va agli amici della ASD Liternum, capitanati dal Antonio Lamberti, che si sono fatti in quattro, sparsi lungo tutto il percorso, al fine di garantire la sicurezza degli atleti e la riuscita dell’evento.

Al prossimo anno!

Vincenzo Giarritiello

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>