Cronaca slide — 23 maggio 2016

cassino abbaziaLa “Corriamo intorno all’Abbazia” arriva alla sua XV edizione, eppure in pochi la conoscono, in pochi la pubblicizzano, nonostante pochi, tutto sommato, siano anche i km che ci separano da essa. Ebbene quale migliore occasione per presentarmi su questi schermi con un primo articolo che mi consenta, da atleta che ha vissuto l’evento, di farlo rivivere nella sua bellezza attraverso i miei occhi, magari incoraggiando quel minimo di partecipazione in più che questa gara, ma che soprattutto l’organizzazione (A.s.d. Apricis Cassino) merita.

E’ proprio il centro di Cassino ad ospitare l’evento, in una bellissima piazza di Corso della Repubblica capace di contenere sia alcuni degli stand che sponsorizzano l’evento, sia l’intero palco adibito appositamente per la premiazione di chiusura. Per chi arriva, soprattutto da fuori il territorio laziale, l’immagine che si presenta, così come l’aria che si respira è a dir poco adrenalinica, capace di trasportare tutti, da agonisti ad amatori a corridori trovatisi li anche per puro caso, in un clima accogliente, coinvolgente e di calibro nazionale, come lo è del resto la portata dell’evento. Tutto veramente limato nei minimi dettagli,  e a dare preoccupazione ci ha pensato solo il clima, con una giornata bellissima, soleggiata, calda, estiva: ingredienti che diventano micidiali con una partenza prevista alle 10. Caldo ed umidità sono i più grandi nemici del corridore, ma è la passione che in questi casi fa la differenza, e ieri Cassino ha visto più di 500 appassionati correre per le sue strade (dando dapprima il giusto spazio ai ragazzi meno abili –  portatori di…emozioni) lungo un percorso di circa 3200mt da percorrere tre volte e completamente pianeggiante. A confermare la sua velocità ci hanno pensato gli atleti, con prestazioni che, da ignorante in materia tecnica ma da grande appassionata, sono riuscite ad abbattere il nemico caldo e bloccare il crono anche sotto la mezz’ora. Ma a prescindere dalla velocità con cui si è battuto il tempo, il vero atleta è chi conclude sempre la sua gara, ed il successo della “Corriamo intorno all’Abbazia”, per quanto mi riguarda, sta proprio nel fatto che tutti i pettorali hanno raggiunto serenamente il traguardo. A conclusione di questa giornata perfetta ci sono state le premiazioni, che nonostante prevedessero tanti riconoscimenti ai vari appartenenti di tutte le categorie previste, non hanno appiattito la bellezza della gara nel suo insieme, proprio grazie alla rapidità di chi era chiamato li a premiare e distribuire i premi, ma soprattutto – e ci tengo a sottolinearlo – grazie alla correttezza, educazione e rapidità di chi si faceva trovare li pronto a salire sul palco.

Da atleta che ha vissuto personalmente la gara, posso dire che la bellezza di percorsi come questo sta proprio nella possibilità di vivere il posto che ti ospita e farsi vivere da chi in quel momento è li a darti quel pizzico di carica in più che puntualmente negli ultimi sforzi ti viene a mancare: la partecipazione del pubblico, con il giusto coinvolgimento di chi è li chiamato a fargli vivere l’evento e lo sa fare, fa la differenza, e per quanto mi riguarda ieri, a Cassino, l’ho vista.

Martina AmodioMartina Amodio

Share

About Author

Cascone

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>