Atletica News — 20 luglio 2009

Teoricamente è specialista per i 1500 e teoricamente non è ancora al top delle condizioni a causa di un’infiammazione al tendine d’Achille. Ciò nonostante, Christian Obrist ha vinto la finale degli 800 al meeting di Saragossa, sorprendendo i concorrenti e pure se stesso. Nel paese del mezzofondo, il 28enne Carabiniere di Bressanone si è lasciato alle spalle finalisti di Giochi Olimpici, Mondiali ed Europei.
“Non ci posso credere. Non riesco a spiegarmi come sono riuscito a vincere questa gara con un cast di primo livelllo racconta Obrist a fine gara ancora incredulo – Sono super contento. Adesso ho capito che ho ancora margini di miglioramento anche negli 800.” All’uscita della “lepre” dopo 550 metri, Obrist si è portato in testa, mantenendo quella posizione fino al traguardo. In volata, il 28enne allievo di Ruggero Grassi ha dimostrato le sue capacità nel finale. I primi sei eranno staccati di soli 29 centesimi. Tra i battuti ci sono il cubano Yeimer Lope, sesto ai Giochi Olimpici di Pechino, il sudafricano Hezekiel Sepeng, tre volte finalista olimpico e quattro volte in finale ai Mondiali, il lettone Dmitrijs Milkevics, quarto agli Europei nel 2006, la spagnolo Manuel Olmedo, quinto algi Euroindoor di Torino e l’ex campione mondiale Juniores, il marocchino Yassine Bensghir. A causa del fortissimo vento, i tempi non erano eccezionali. Obrist ha vinto in 1:48.68 davanti all’ungherese Kazi (1:48.73) e Olmedo (1:48.77). L’azzurro era iscritto solamete con l’ottavo tempo stagionale. Ben otto concorrenti vantano un personal nettamente migliore di quello di Obrist. Per la cronaca: nella finale B, i primi due hanno corso più veloce.
Il giorno dopo il suo 23esimo compleanno, Lukas Rifesser (Esercito) non è riuscito a farsi un regalo. Nono negli 800 in 1:49.57: non è quello, che il promettente atleta di Brunico si era posto come obiettivo. “Ho corso per quasi tutta la gara in coda al gruppo. Nel finale ho visto un muro di sette atleti davanti a me e non sono riuscito a superarlo. Per me era una gara da dimenticare. Ora dovrò riciaricare un po’ le beatterie per poter attaccare nuovamente il minimo B per i Mondiali. “
Contento con la sua prestazione è stato Hannes Kirchler (Carabinieri), il cui disco è volato a 60.53m. In un cast di primissimo livello, il 30enne discobolo meranese, primo in Italia in questa stagione, ha chiuso in ottava posizione. La vittoria è andato allo spagnolo Frank Yennifer Casanas (66.35m).
All’ 8. Meeting internazionale “Città di Velletri” (RM), Agnes Tschurtschenthaler (Forestale) è arrivata quarta nei 1500 m in 4:28.15.

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>