slide TuttoCampania — 08 agosto 2015

Castellabate 2015La pioggia, anzi, per meglio dire,la tempesta che ha preceduto la 18^ Edizione della “Marcialonga di Castellabate” ha messo in dubbio persino la realizzazione della gara. Ma poi la tenacia dell’organizzazione, la professionalità della polizia municipale e delle altre forze in campo, unita alla giusta testardaggine degli atleti e con l’aiuto di giove pluvio che ha lasciato la compagnia, tutto si è svolto regolarmente. Anzi, si può dire che poi l’aria è diventata respirabile, l’umidità e la temperatura si sono abbassate di un bel po’, e tutti hanno potuto correre i 6200 metri del tracciato (tutta salita) nel modo migliore.

Gara

Strepitoso Antonello Landi. Avevo già sottolineato il suo grande stato di forma, avendolo visto andare fortissimo a Maiori sui 3000, ma ieri vederlo passare sul piede dei 3’20” al 2° km di gara è stato puro spettacolo, così come poi vederlo arrivare in grande spinta al traguardo e abbattere il record (che già gli apparteneva) portandolo a 22’20”, giusto 10” meglio del precedente. 3’36” a km su un tracciato tutto tornanti e salita, beh non è da tutti. Antonello ha corso contro il crono, facendo da subito il vuoto alle sue spalle. Una vittoria contro il tempo, per assistere poi ad un gran confronto alle spalle del leader. E tra i tanti che puntavano al podio l’hanno spuntata Marco Landi (Pol. Camaldolese) e Kamel Hallag(Atl. Aurora). Marco (2^ al traguardo) è apparso in grande condizione, e il suo tempo finale ne è una conferma (a 1’15” dal vincitore). Quarta e quinta posizione per Giorgio Mario Nigro e Alessandro Rescigno, con Antonio Farina in senta piazza.

Gara femminile con dominio della giovanissima Silvia Cavaliere (rcf Roma). Silvia non ha lasciato spazio alcuno alle avversarie, chiudendo di poco sotto i 29’. Alle spalle della ragazza Romana, due atlete master che vanno per la maggiore: Tina Franzese (Napoli Nord Marathon) e Antonietta d’Orsi (Pol. Ciociara Antonio Fava). Tra le due il confronto è stato, come al solito, imprevedibile nel risultato finale, anche se poi l’imprevedibilità si è tradotta in bella realtà per Tina, capace di allungare nella seconda parte di gara e fare suo il secondo gradino del podio. Quarta e quinta posizione per Patrizia Picardi e Daniela Capo, con Elena Lombari (Pol. Folgore) in sesta posizione.

Classifica a Squadre andata alla Pol. Camaldolese.

Non è un caso che la gara di Nicola Paolillo sia, ogni anno, una gara molto partecipata. Tra le più partecipate d’estate, e la più partecipata del mese di agosto. I meriti organizzativi sono evidenti, e questa 18^ edizione, con le sue avversità iniziali, ne ha dato una gran bella conferma.

Complimenti a tutto lo staff, e a Nicola in particolare: ha saputo realizzare un bell’evento, nonostante la tempesta iniziale.

Tutto questo a conferma che…non si ha mai successo per caso.

Marco Cascone.Marco Cascone

 

Share

About Author

Cascone

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>