TuttoCampania — 19 luglio 2009

La prima edizione della ‘Night Marathon‘ va in archivio, in attesa di ritrovarla il prossimo anno, con una partecipazione ancor più numerosa. 150 atleti al via nella gara organizzata dalla Pro Loco Lago (collaborazione tecnica Mediterraneo Eventi ed Esercito Italiano), oltre ai tanti piccoli (e meno piccoli) partecipanti alla stracittadina. Una piazza ben organizzata (quella dedicata a Madre Teresa di Calcutta, in zona lago di Castellabate), folto il pubblico e piacevolmente semplice l’accoglienza riservata ad ogni partecipante. Percorso di poco meno di 10 km (per la precisione 9,850) con un tracciato non proprio facilissimo, anche se poi si è dimostrato comunque veloce.


Bel livello qualitativo di atleti, sia in campo femminile sia in campo maschile.


Gruppetto di testa tra gli uomini fino al terzo chilometro. A poco meno di un terzo di gara vanno via Abdelhadi Ben Khadir, Maksyym Obrubanskyy e El Mouaddine Abdelhouab. Tre chilometri percorsi sul piede dei 3’15’ a km, per poi accelerare sotto l’impulso agonistico di un Maksym Obrubanskyy apparso in ottima condizione. Accelerazione che lascia staccato Abdelouab, con invece Ban Khadir pronto a rispondere.


Spalla a spalla, metro dopo metro, fino all’ottavo chilometro. A 2 km dalla fine la svolta: ben Khadir aumenta violentemente il ritmo e prende luce dall’avversario. Al traguardo la vittoria di Abdelhadi Ben Khadir in 30’24’. Diciannove secondi dopo l’arrivo del ritrovato Maksym Obrubansky. A poco meno di 1′ dal vincitore, l’altro Marocchino: Abdelhouab.


Bella anche la gara donne. Filippa Oliva, in un’intervista pre gara, non ha nascosto la sua sicurezza, dichiarandosi pronta a vincere la gara. Una previsione che ha confermato con una condotta di gara eccellente, forte di uno stato di forma straordinario. Per Filippa 38’43’ per completare il circuito. Seconda posizione per Ester D’Alessio (pbella gara la sua, con un ottimo 40’37’ finale). Gradino basso del podio per la brava Ania Paniak (40’53’).


 


 

Autore: Marco Cascone

Share

About Author

Peluso

  • SALVATORE ALBRIZIO NAPOLI NORD MARATHON

    DICIAMO BENE LA’ PRIMA EDIZIONE CON QUALCHE PROBLEMA D’AUTO. E NEL CORSO DI SANTA MARIA DI’ CASTELLABATE CON LA’ GENTE UN PO’ INDIFFERENTE AL NOSTRO PASSAGGIO SENZA ALLARGARSI PER FAVORIRE IL TRANSITO DEI PODISTI,PERCORSO ABBASTANZA IMPEGNATIVO, PERO’ MOLTO TECNICO BENE I RIFORNIMENTI,BRAVISSIMO BEN KHADIR,RAGAZZO MOLTO UMILE,COSA DIRE DELLA VINCITRICE CHE’ RIESCE A STUPIRCI IN OGNI GARA CON DELLE PRESTAZIONI ECCELLENTI.OTTIMO IMPEGNO DI’ TUTTI I PARTECIPANTI,ALLA PROSSIMA.

  • Andrea Lanzara. Asd Folgore – Nocera Inferiore

    Cofermo quanto detto da Salvatore, speriamo che l’anno prossimo sia ben partecipata dal pubblico. Dove possiamo reperire la classifica? Grazie

  • taddeo gianfranco .

    Sono amareggiato e sconfortato ,non si ha il diritto di mettere a repentaglio l’incolumità di atleti ,che hanno gareggiato in condizioni di estremo disagio ,con macchine ,gente, carrozzine che occupavano il percorso gara fin dal primo metro senza nessun rispetto. Seguendo la gara in bicicletta ho divuto urlare con rabbia contro la gente e gli autisti di autovetture che percorrevono il percorso in controsenso, gli atleti di testa hanno sbagliato ben due volte il percorso perchè non c’era nessuno ad indicare loro la stradaI Ho anche rischiato di essere fermato dal comandante dei vigili tanto forti sono state le mie rimostranze, Io penso da ex atleta ,da tecnico , da organizzatore , che quando si decide di far nascere un evento ,qualunque sia il livello ,per il rispetto di tanti appassionati dell’atkletica leggera ,bisogna averer il coraggio una volta che si percepisce la difficoltà del territorio di interaggire , di rinunciare . Abbiamo bisogno di più professionalità , e chi vi parla è un uomo libero di guardare ovunque perchè anche se nel passato e nel presente occupa posti istituzionali non ha mai esitato ad elogiare o a biasimare , sempre e solo per il bene di questo bellissimo sport. cordiali saluti Gianfranco Taddeo

  • E. Grieco Pod. S. Giovanni a Piro G. Policastro

    Confermo anche io le impressioni di Salvatore Albrizio. Con uno spirito di critica costruttiva, ribadisco la poca collaborazione dei cittadini, che al passaggio per il centro hanno creato non pochi disagi. Ma questo non dipende solo dall’organizzazione. Inoltre, segnalo l’insufficiente gestione del percorso, cosa che ha indotto un atleta della mia squadra a sbagliare. Speriamo meglio nell’edizione 2010. Comunque, in generale il giudizio è positivo.

  • ettore joy of running

    spesso si pensa piu’ alle apparenza che alla gara stessa. un po è anche colpa nostra che spesso andiamo alle gare per i ricchi premi per il pac co gara o il buffet, è capitato anchè a noi che per preparare tutto ciò ci siamo dimenticati della cosa più importante, il percorso e la sicurezza degli atleti. per fortuna per noi quest’anno la gara è andata bene ed auguro allo stesso modo anche agli amici di s. maria.infondo una seconda possibilità si puo concedere!?!

  • Piero

    Mi associo alle critiche, il percorso poteva essere tracciato badando maggiormente alla sicurezza ed all’aspetto tecnico che all’apparenza: insomma, meglio evitare il centro cittadino in momenti di così alta frequentazione; tutta l’area alle spalle della zona Lago, ad esempio, poteva ospitare un circuito molto interessante.

    In ogni caso, arrivederci alla prossima, sicuramente migliore :)

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>