Cronaca HOME PAGE — 16 aprile 2012
Domenica 15 aprile è andata in scena nel ragusano la 2^ edizione della Maratonina podistica Acate-Marina di Acate sulla classica distanza dei 21 km e  97 metri.
Una ottantina i partecipanti che si son dati battaglia in uno dei tracciati più veloci della provincia iblea, che per le sue peculiarità di scorrevolezza, si è meritata il nomignolo di “Roma-Ostia del Profondo Sud” .
L’edizione 2012, ha visto la vittoria di Carmelo Mezzasalma della Padua Ragusa, giunto al lungomare Macconi di Marina di Acate col crono di 1h 13′ 29″, molto vicino al suo  personale sulla distanza. A completare il podio altri due podisti iblei, con Vincenzo Schembari sempre della Padua, secondo in 1h 14’42”, mentre al terzo posto finiva Nino Nicosia della Uisp di Santa Croce, che fermava i cronometri a 1h 15′ e 50 secondi. I tre podisti iblei,  dalle prime battute dominavano la prova acatese, staccando sin da subito il resto del gruppo, coi portacolori della Green Sport Gela (Carmelo Cannì e Giuseppe Veletti, vincitore del 2011) a inseguire assieme ai due maratoneti locali Lorenzo Sanzone e Lorenzo Cirino. Per Cannì al traguardo la soddisfazione di avere abbassato di 4 minuti il tempo del 2011, chiudendo 4° in 1h e 16 minuti, mentre Veletti, non in ottima forma, chiudeva 5° in poco più di 1h e 18 minuti. Il derby acatese invece dei due “Lorenzi” arrideva a Sanzone 7° in 1h 21’32”, con Cirino ottavo, e staccato di una trentina di secondi, col crono finale di poco superiore all’ora e 22 minuti. Nei primi dieci posti del maschile va rammentato pure il 6° posto di Cosimo Azzolini della No al doping di Ibla in 1h 19′ e 35″.
La prova femminile era appannaggio di Fermanda Mirone della Barocco Running di Ragusa col tempo di 1h30’18” che staccava
di oltre 8 minuti la portacolori della “Movivento e VIta” di Gela Tiziana Scicolone (1h38’24”), quindi a seguire Rosa Maurici (Athlon Ribera) in 1h 41’48”, Elena Cifali pure lei del “Movimento e Vita” Gela (1h 48’54”), mentre al 5° posto chiudeva la stakanovista della Ultra, la teutonica Inge Hack, portacolori della Modipa Atl. Club di Modica, che provando la “gamba” per la prossima “100 Km di Seregno”, ha chiuso bene la sua prova in 1h 50′ 02″. Tra gli “Over 55”, vittoria per Roberto La Terra della “No al doping” di Ragusa Ibla in 1h 30’18”, su Enzo Di Raimondo del Castello di Modica ( 1h 32’16”), 3° Vincenzo Floriddia della Pietro Guarino di Rosolini ( 1h 32’31”) quindi a seguire Mario Baglieri del Marathon Club Avola ( 1h 36’19”) e via via gli altri. Tra le società più presenti sicuramente va rammentata la “Movimento e Vita” Gela con 14 arrivati, indi Barocco Running Ragusa 13 atleti( che han provato la condizione in vista della Maratona di Madrid del prossimo 22 Aprile), poi la “No al doping” di Ragusa Ibla con 12 arrivati.  La giornata si è rivelata ottima, nonostante il temporale notturno che ha riempito il tracciato di piccole pozzanghere e soprattutto di tanta sabbia il lungomare di arrivo del Lido Macconi,(famoso dal punto di vista storico-culturale per esser stato teatro di gran parte dello Sbarco Alleato nel Golfo di Gela nel lontano 10 Luglio del 1943, che diede il là alla Liberazione dell’Europa dalla spirale del Nazi-fascismo). Il percorso si è dipanato dai 190 metri s.l.m del luogo di Partenza, il suggestivo Castello dei Biscari nel Centro Storico di Acate ( cittadina di 10 mila abitanti della parte sud-occidentale della Provincia di Ragusa) con lo start dato alle 9.45 direttamente dal Sindaco del Comune ibleo, e ha raggiunto l’altitudine di 2 mt s.l.m, dopo una dolce planata tra le stradine rurali piene di vigneti e primaticci caratteristiche della zona compresa tra Vittoria e Gela.
Organizzazione curata dalla Interprofidi dello sportivissimo  Ing. Giuseppe di Natale che si è avvalso della collaborazione tecnica del Csain di Ragusa e della Pol. “No al doping” di Ragusa Ibla, dando appuntamento al 2013, con la terza edizione di questa simpatica Maratonina, che per le sue ottime qualità di scorrevolezza ed altimetria  è molto apprezzata dagli amatori locali.
 
cs

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>