Cronaca — 14 ottobre 2007

Numeri da record per i mondiali di corsa su strada di Udine. Il tracciato è uno dei più veloci al mondo e anche oggi ha confermato le sue qualità. Lornah Kiplagat frantuma il primato che durava dal 1999 abbassandola di 19 secondi, mentre Zersenay Tadese, il campionissimo eritreo straccia il record dei campionati, scendendo sotto i 59′. E se non fosse stata per l’ultima fase di studio probabilmente l’atleta africano avrebbe potuto battere anche il record del mondo detenuto da Wanjiru. Ben 18 atleti maschi nei primi 20 posti ottengono un primato. Cheruiyot, medaglia di bronzo, migliora il personale, mentre il brasiliano Dos Santos classificatosi al settimo posto, e il giapponese Sato, giunto al traguardo nono, stabiliscono il record d’Area. Altri primati per il Rwanda con Disi (59’32”), per lo Zimbawe con Nyasango (1’00’26”), il Qatar grazie a Sedam (1’00’39”) e l’Uganda con Kiprono (1’00’57”). E anche le donne hanno dato spettacolo. Kiplagat a parte, anche nelle retrovie non sono mancati i record a partire dalla Keitany seconda classificata e detentrice del nuovo primato keniota con 1’06’46”. Stessa sorte per l’Etiopia con la Bekele. Anche le italiane possono essere contente: la Incerti con 1’11’09” migliora la propria prestazione stagionale, mentre Claudia Pinna stabilisce il personale con 1’12’44”.

Autore: Paola Del Degan

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>