TuttoCampania — 23 marzo 2014

OSCOREALE TESTATAMancavo da anni, agonisticamente parlando, da Boscoreale. Allora in versione atleta (tanti anni fa) stamane in versione speaker della nuova gara proposta, della prima edizione della 10 km. Tanti gli anni passati ma, visto il risultato e vista l’organizzazione del Team Boscoreale Running, devo dire che gli anni, sportivamente parlando, a Boscoreale non sono per niente passati invano. Un bel gruppo quello di Boscoreale, hanno saputo dimostrare al paese cos’è un evento di festa, applicata alla corsa. Hanno saputo fare promozione, attraverso la calorosa partecipazione di circa 500 atleti, con forze in campo che hanno risposto al meglio, sigillando un percorso non facile da tenere chiuso, proponendo in modo coordinato tutti i settori operativi per la gara e garantendo anche spettacolo a chi ha assistito alla maratonina, con più passaggi in zona arrivo e nelle sue vicinanze. Importante anche la presenza di tanta gente lungo il percorso e del Sindaco (Dott. Balzano) e dell’Assessora allo Sport (presenti dalla partenza alla premiazione) cosa che è conferma di una città che vuole l’evento, e lo ha voluto vivere in tutte le sue fasi.

Gara

Alto tasso di umidità, un po’ di vento, tracciato non proprio velocissimo ma, come dicevo, bello nella sua formulazione. In campo maschile tutto è vissuto sul confronto tra Pasquale Iapicco e Vincenzo Masullo (compagni di Team, l’Isaura valle dell’Irno). Solo verso il 7° km c’è stata la vera definizione di quanto poi avverrà all’arco d’arrivo: al 7° km infatti Vincenzo Masullo ha messo tra se e il compagno di fuga una ventina di metri, che poi sono restati tali fino al traguardo. Bella vittoria per Vincenzo, con Pasquale capace anch’egli di un’ottima gara. Terzo gradino del podio (con un finale su ritmi importanti) il cremonese Massimo Corrado. A seguire, ai piedi del podio: Francesco Bassano e Massimiliano Fiorillo.

Gara femminile senza storie, almeno per la vittoria. Annamaria Vanacore (Atl. Scafati) aveva sete di gradino alto del podio, e lo abbiamo capito da subito. Passaggio per lei tranquillo a metà gara (ma già fatta notevole selezione) per poi chiudere in un buon 38’21”. Alle spalle di Annamaria la vera gara, agonismo fino alla fine tra Filomena Palomba (Centro Ester) e Jean D’Argenio (Run For Life). La caduta iniziale di Jean (per fortuna senza conseguenze) ha in parte condizionato la sua gara, ma niente toglie alla bravura di Filomena che ha chiuso ottima 2^ in 39’54”. Terzo gradino del podio per la bionda d’Argenio, con un niente male 40’07” fermato all’arrivo. A seguire: Susy Giocondo (napoli Nord) e Giuseppa Monaco (Marathon Club Frattese).

Classifica a squadre andata alla Marathon Club Frattese.

Una prima edizione di una gara è sempre una festa speciale, ancor più speciale quando tutto fila liscio…e a Boscoreale tutto è andato così come da migliori aupici.

Marco CasconeMarco Cascone

Share

About Author

Cascone

  • Marco Ferriero

    Manifestazione stupenda, pubblico caloroso e partecipe, grazie Boscoreale.

  • raffaele colantuono

    bravi,correndo quando sono arrivato a quella piazza grande ,non ricordo il nome,sono ritornato con la mente una trentina di anni fa,quando in essa si faceva una gara grazie a tutti

  • Marco Cascone

    raffaele, mi sa che c’eravamo entrambi allora…

  • elio totaro asd erco sport

    complimenti allo staff per l’organizzazione e la cordiale ospitalita. un plauso merita anche la cittadina che non ha fatto mancare il suo sostegno. unico consiglio credo che questa gara debba restare nei 500-600 partecipanti oltre si rischierebbe di rovinare un bell’evento.bravi tutti.

  • enzo lisita asd erco sport

    Strascorsa una bella domenica mattina a gareggiare. Percorso non velocissimo soprattutto per le molte curve strette. Sono daccordo sul fatto che questo circuito debba rimanere per 500-600 partecipanti. Buona l’organizzazione. Piccolo appuntino: qualche pacco gara era veramente “povero”, mancando di un bel po’ di cose all’interno!

  • silvio scotto pagliara

    la gara non prevedeva il pacco gara , infatti si è pagato solo 3 euro .Il tutto era un omaggio della organizzazione , e poi a quel furbetto o furbetti , che per riempire la sua /loro sporca “pancia ” si è fatto piu giri
    per accedere al ristoro finale .Questa volte il trucco, cè stato !!! E’stato inventato il trucco del Tappo o dei tappi. Infatti x aver diritto al ristoro si doveva consegnare il chip di gara , ebbene , nel cestino ci sono diversi tappi ,,di bottiglie ! . Che schifo !
    Ciao Enzo , con affetto e rispetto , ma sembra ch’era solo x la gara i 3 euro di iscrizione ,senza pacco .
    ad maiora !

  • complimenti ai miei amici di team per la loro prestazione,bravissimi e sempre forza isaura.

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>