Cronaca slide — 01 gennaio 2013

Al termine di un entusiasmante testa a testa tra campioni del mondo, l’esperto iridato di cross Imane Merga s’è imposto su quello Juniores dei 5.000 Muktar Edris. I due etiopi avevano cambiato la storia della gara sui 10 km al sesto giro, involandosi e salutando la concorrenza. Merga ha impostato una volata lunghissima, chiudendo in 29’12 e anticipando di soli quattro decimi il connazionale. Per Merga si tratta del secondo successo dopo quello del 2010, quando s’impose sul campione olimpico Mo Farah. Thomas Longosiwa, keniano terzo alle Olimpiadi, si è dovuto arrendere ai postumi di un’influenza al secondo giro. Il Kenia è rimasto così escluso dal podio per la prima volta dal 2006. Grande festa per il terzo posto di Sergej Lebid. La debacle di Longosiwa e la gara più tattica dal 1987 hanno sicuramente giocato in favore del 37enne ucraino, cinque volte vincitore a Bolzano, che negli ultimi 500 metri è riuscito a superare il keniano Silas Kipruto. Per Lebid si tratta del nono podio alla BOclassic: non ci saliva dal 2008, mentre la sua ultima vittoria è datata 2004. Stefano La Rosa, sesto, è stato il migliore degli italiani, tenendo il podio nel mirino fino ai 400 metri. All’ottavo posto si è piazzato il trentino finalista dei 3.000 siepi ai Giochi di Londra Yuri Floriani. L’altoatesino Markus Ploner non ha invece ripetuto  la prestazione dell’anno scorso: il 32enne di Fortezza ha chiuso al 14esimo posto, Peter Lanziner di Trodena al 18esimo
La corsa femminile di 5 km è sempre stata in mano alle podiste africane. A metà gara la keniana Sylvia Kibet e le etiopi Afera Godfay e Worknesh Degefa hanno salutato la concorrenza. La 28enne due volte vicecampionessa mondiale keniana s’è imposta in 16’21. Per la Kibet è stata la seconda vittoria a Bolzano, dopo quella del 2007. La Godfay ha chiuso come l’anno scorso al secondo posto, davanti alla poco conosciuta Degefa. La beniamina del pubblico locale Silvia Weissteiner – l’anno scorso terza – questa volta si è dovuta accontentare del quarto posto. Ha provato ad agganciare il gruppetto di testa ma, proprio quando sembrava esserci riuscita, le africane hanno impresso alla loro azione nuovo vigore. Alla fine Silvia ha chiuso a 17 secondi dal podio. 

Risultati

 

Uomini (10 km): 

1. Imane Merga (Etiopia) 29:12.3; 2. Muktar Edris (Etiopia) 29:12.7; 3. Sergej Lebid (Ucraina) + 0:18; 4. Scott Bauhs (USA) +0:20; 5. Silas Kipruto (Kenia) +0:20; 6. Stefano La Rosa (Italia) +0:23; 7. Ahmed El Mazoury (Italia) +o:57; 8. Yuri Floriani (Italia) +1:06; 9. Yassine Rachik (Italia) + 1:11; 10. Simone Gariboldi (Italia) +1:26; 14. Markus Ploner (ITA, Fortezza) +1:38; 18. Peter Lanziner (ITA, Trodena) +2:06)

Donne (5 km):
1. Sylvia Kibet (Kenia) 16:21; 2. Afera Godfay (Etiopia) + 0:01; 3. Worhknesh Degefa (Etiopia) + 0:03; 4. Silvia Weissteiner (Italia, Casateia) + 0:20; 5. Margherita Magnani (Italia) +0:28; 6. Btissam Lakhouad (Marocco) + 0:32; 7. Angela Rinicella (Italia) +0:37; 8. Giulia Viola (Italia) +0:45; 9. Valeria Roffino (Italia) +0:55; 10. Sarah Sig Moller (Danimarca) +0:56; 12. Agnes Tschurtschenthaler (Italia, Sesto Pusteria) +1:13.

I risultati completi 

 

Uomini: http://services.datasport.com/2012/lauf/boclassic/RANG001.HTM

 

Donne: http://services.datasport.com/2012/lauf/boclassic/RANG002.HTM

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>