Alimentazione slide — 17 marzo 2016

latteL’uomo, sicuramente, sta contribuendo a produrre sempre più cibo spazzatura. Sempre più quantità e meno qualità.

L’uomo è l’unico mammifero che dopo lo svezzamento beve latte per tutta la vita. Generalmente il latte è considerato un alimento sano e completo, per cui molti genitori lo propongono ai loro figli anche quando lo rifiutano. La fantasia delle agenzie pubblicitarie ingaggiate dalle industrie lattiero-casearie non ha limiti nel cercare bellissime e coloratissime favole intorno ai loro prodotti. Queste favole però c’impediscono di vedere una realtà che invece dovremmo conoscere, fosse solo per il legittimo diritto-desiderio di conoscere la verità per poi decidere.

Dietro la dietetica c’è un grosso business: moltissimi lavori ”scientifici” sono finanziati da multinazionali del settore, quindi tendono ad indirizzare i risultati degli studi al profitto dell’azienda. (Non c’è mai stato uno studio negativo alla presentazione dei medicinali ma come mai molti farmaci vengono ritirati dal commercio per effetti tossici?)

Il business alimentare è riuscito a condizionare il sistema al punto che si pensa che senza latte e derivati le nostre ossa andrebbero incontro ad un osteoporosi  ingravescente.

Come si spiega che l’osteoporosi è più frequente nei paesi dove è più alto il consumo di latte e derivati? Nessuno affronta questo problema! … LA MALATTIA CONVIENE!

Quanto latte è italiano? In Italia arrivano ogni giorno milioni di litri di latte in autobotti, da dove? Chi l’ha prodotto e con quali regole di rispetto della natura e degli animali?

Il latte delle mucche al pascolo è un’utopia. Oggi è un cocktail chimico: analgesici, antibiotici, ormoni, pesticidi, diserbanti, fertilizzanti, micotossine. Abbiamo perso l’istinto profondo garante del nostro equilibrio e del nostro interesse vitale, in questo modo ci siamo abituati ad un’alimentazione quantitativa e non qualitativa. Consumiamo tutti i prodotti lattieri e ne abusiamo, senza guardare oltre l’immediata soddisfazione dei nostri bisogni.

Non è facile liberarsi delle abitudini alimentari, per molti è difficile cambiare dieta. Ma se esistono delle leggi in natura qualcuno sicuramente sta sbagliando trascurando il fatto che le leggi naturali, contrariamente a quelle umane, non ammettono deroghe.

Il latte di donna è sempre fresco e batteriologicamente puro, mentre ogni tipo di latte non umano deve subire un processo di “cottura” ad alte temperature che ne distruggono microrganismi nocivi, ma anche i microrganismi buoni e le vitamine. Latte a lunga scadenza uguale a cibo morto.

Il latte è specie specifico, contiene non solo tutti i nutrienti nelle proporzioni ottimali per la crescita, ma anche sostanze enzimatiche ed anticorpi che hanno la funzione di aumentare le difese immunitarie.

NESSUN MAMMIFERO CONSUMA LATTE  DI  UN’ALTRA SPECIE!

Basta analizzare la composizione del latte materno e del latte vaccino per rendersi conto che il latte di mucca non è adatto per l’essere umano.

Composizione del latte materno e del latte di mucca:

Latte di donna:                                                        Latte di mucca:

Proteine  0,9 gr/100 ml                                           Proteine  3,6 gr/100 ml

Lattosio  7,2 gr/100 ml                                            Lattosio 4,9 gr/100 ml

Grasso 3,5 gr/100 ml                                                Grasso 3,5 gr/100 ml

Dal confronto della composizione chimica dei due tipi di latte si può notare come il latte materno ha un contenuto ridotto di proteine rispetto al latte vaccino, tradotto in percentuale il latte di mucca ha il 400% in più di proteine, quindi un sovraccarico enorme per i nostri reni.

La proteina caseina è il 35% delle proteine nel latte di donna (0,31 gr in 100 ml) e l’80% in quello di mucca (2.88 gr in 100 ml), oltre il 900% in più! Provate ad immaginare sale e zucchero (alimenti che vanno razionalizzati) in quantità 900% in più nella vostra alimentazione. La caseina è una proteina che tende a coagulare, irritante, infiammante, allergizzante, causa di un aumento della produzione di muchi. Il latte di donna è più ricco di lattosio, necessario nei primi mesi per lo sviluppo del cervello, ma poi perdiamo l’enzima lattasi e cominciano i problemi gastrointestinali: gonfiori, dissenteria, coliti, perché non riusciamo a digerirlo.

I grassi presenti hanno la stessa percentuale ( 3,5 %), ma il rapporto saturi/insaturi è nel latte di mucca a favore di quelli saturi e così favorisce il loro accumulo: arteriosclerosi.

Il calcio, di cui tanto si parla, è in eccesso nel latte vaccino ( 1330 mg nel latte di mucca contro i 370 mg di quello di donna). Questa quantità enorme ( 400 % in più) se il nostro organismo non riuscisse a tamponarla potrebbe creare anche grossi problemi cardiocircolatori. Per bilanciare l’eccesso il corpo l’elimina o lo deposita, quindi aumentano i rischi di calcoli ed arteriosclerosi.

MOTIVI PER ELIMINARE  IL LATTE VACCINO:

– Ogni animale ha il suo latte.

– Eccesso di proteine.

– Eccesso  di grassi saturi.

– Povero di lattosio.

– Presenza di ormoni, pesticidi, diserbanti, fitofarmaci, antibiotici, micotossine.

– Cibo molto allergizzante (sempre più persone sono allergiche-intolleranti al latte di mucca).

– Facilita l’osteoporosi

– Facilita l’arteriosclerosi e malattie cardio-vascolari

– Facilita i calcoli

– Facilita cisti e tumori al seno, ovaie e prostata

– Basso contenuto di ferro

– Elevato contenuto di calcio

– I formaggi stagionati sono fonte di crisi ossidative, intenso sviluppo di radicali liberi

– Provoca infiammazioni della mucosa intestinale, ciò aumenta la permeabilità della stessa e l’intestino perde la sua funzione, fondamentale per la nostra salute, di filtro e ciò facilita le malattie autoimmuni

– Dopo i due anni la lattasi perde progressivamente la sua funzione

– E’ un cibo acidificante per il nostro corpo. I cibi acidificanti fanno aumentare le malattie degenerative.

– Il latte scremato causa più danni di quello intero, perché diminuendo la percentuale di grassi aumenta ancor di più la percentuale calorica delle proteine.

Immaginate di mettere un carburante sbagliato in un motore… Le conseguenze sarebbero disastrose! La colazione dei vostri figli è fondamentale fin dai primi anni di vita, ma non col latte vaccino!

Dottor GIOVANNI ACAMPORA
mail: giovanni-acampora@virgilio.it
cell: 3392037673

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>