Cronaca slide — 06 dicembre 2015

federica LA GARA – Come da tradizione è stata una gara di buon livello e complice il percorso scorrevole e le buone condizioni climatiche si sono registrati buoni tempi sia per i vincitori sia per gli amatori.

A vincere la gara, quindi ad aggiudicarsi il titolo di “Best Woman” 2015, è stata la runner romana Federica Proietti, atleta della Calcestruzzi Corradini, la società per cui gareggia Stefano Baldini, che a Fiumicino ha stabilito il suo personal best in 34:37 (36:09 il precedente). “Sono molto emozionata e ho iniziato a piangere già a pochi metri dall’arrivo – ha detto la romana Proietti che ora vive a Lucca a fine gara -. Vincere una gara così importante sia per albo d’oro che per il significato è quasi un sogno. Avevo preparato l’appuntamento molto bene e alla partenza ho deciso di fare una gara da kamikaze, correndo ad un ritmo alto per chiudere sotto i 35 minuti. Dopo metà gara ho visto che le gambe giravano e la mia compagna di società, Gloria Marconi, era li con me, un fattore di stimolo ulteriore per me. Quando sono entrata sulla pista ho dato il massimo e ancora non ci credo di aver chiuso in testa abbassando di oltre un minuto e mezzo il mio personal best”. Al secondo posto l’ex azzurra e vincitrice più volte della Best Woman (l’ultima nel 2008) Gloria Marconi (35’33), al terzo posto Eleonora Bonanni della SS Lazio Atletica (35:55).

In campo maschile, invece, terzo successo e secondo consecutivo (2010 e 2014) per il keniano Erastus Chirchir dell’Atletica Futura Roma, che ha vinto allo sprint in 29:37. “Ormai conosco il percorso molto bene – ha detto a fine gara – e so dove poter affondare per tagliare il traguardo per primo. Come lo scorso anno però è stata dura perché gli avversari erano di ottimo livello e solo allo sprint sono riuscito ad avere ragione di Embaye”. Secondo sul traguardo, dunque, l’eritreo Eliyas Embaye di Lbm Sport (29:43), terzo posto invece per il ruandese Jean Baptiste Simukeka (30:14). Primo degli italiani è stato Berardino Chiarelli delle Fiamme Azzurre (31:02).

Best Woman è stata anche solidarietà con la partnership stretta con  l’associazione O Viveiro e il Progetto Purosangue. A ogni partecipante donna e agli ultimi 400 uomini classificati è stato regalato il libro “Il Villaggio che Corre” di Lorenza Ramponi, che racconta la storia della passione comune per lo sport che unisce Italia e Mozambico . Inoltre 1000 euro sono stati donati alle due associazioni che a Chitima aiutano tanti bambini a fare sport, inclusa Tamare, una dodicenne che è già una promessa internazionale della corsa.

Classifiche complete su www.tds-live.com

Share

About Author

Peluso

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>