slide TuttoCampania — 06 marzo 2016

sant'angelo formis 2016Corsa, solidarietà, lotta alla criminalità, promozione: tutto questo in un unico e bell’evento, quello di Sant’Angelo In Formis, quello voluto ed organizzato da Alessandro Pellegrino, con il suo Team delle Fiamme Argento. Una bellissima 5^ edizione della gara, tutta nel ricordo del giovanissimo Carabiniere Salvatore Nuvoletta, ucciso per mano della Camorra nel 1982.

Una gara che ha rispettato le attese, si è offerta al meglio, garantendo a tutti il giusto protagonismo, così come deve essere sempre sugli eventi. Tantissime forze in campo, con l’emozionante presenza anche della Fanfara dei Carabinieri.

Gara

Minaccia di pioggia, per fortuna restata tale. Alto il tasso di umidità, percorso che in parte è veloce, ma ci sono varie ondulazioni e, soprattutto, una salita molto dura di circa 700 metri, subito dopo il 7^ km di gara. Per il commento preferisco partire dalla gara femminile, ancor più avvincente nella sua evoluzione rispetta a quella dei colleghi uomini. Praticamente le prime 5 donne sono arrivate nel giro di poco più di 60 secondi, dopo una gara con alcuni cambi di posizione, dovute alle diverse gestioni di gara delle ragazze protagoniste. Passaggio al 3^ km, traguardo volante, con Francesca Palomba alla vittoria parziale. Fatima Moaaouyah a pochi metri, ad una decina di secondi Filomena Palomba, con Martina Amodio e Grazia Razzano a seguire, su ritmo regolare. Km dopo km, è stata poi la salita del 7^ a fare davvero la differenza, con Fatima che prendeva il largo e Francesca intenta a rintuzzare l’attacco di Martina Amodio (Napoli 1000 eventi) e Grazia Razzano (Aeneas/Erccosport), in fase di progressione finale. Con Filomena attenta a gestirti la quinta posizione, visto il ritorno fortissimo delle sue altrettanto giovani avversarie. Al traguardo Fatima (Enterprise) vincente in 38’57”, con Francesca Palomba (Astro 2000/Agropoli) seconda in 39’28”, con a soli 6” e 11” Martna Amodio e Grazia Razzano (entrambead un ennesimo primato personale, con Grazia per la prima volta sotto il fatidico muro dei 40′). Quinta piazza per Filomena Palomba. Sesta Annamria di Blasio, e ottima settima (dopo un periodo di infortunio) per Rosaria Marangio.

La gara maschile è vissuta sull’allungo iniziale di Rachid Talib (Il Laghetto), proteso più che altro a vincere il traguardo volante del terzo km (poi vinto regolarmente), con tutti i suoi accreditati avversari a pochi metri. Alla fine, accordo pro vittoria tra Hamid Kadiri e Hajjaj El Jeblj, con un finale di 31’44” per entrambi. Ottima gara per Toufik Bensakouk, del team San Marzano, con una chiusura in 32’03” niente male. Belle le prove per Rachid Talib (dopo la partenza violenta finalizzata al T.V.) e per il compagno di squadra: Marek Hadam. Ottimo sesto Antonello Sateriale, con Stefano Rosa (atleta di domodossola) in settima posizione, vincente al traguardo volante riservato agli Italiani.

Classifica a squadre andata alla Road Runners Maddaloni.

Bella ed emozionante la gara di Alessandro Pellegrino. Una gara che veicola messaggi importanti. Di cui ogni atleta, consapevole o non, si è fatto portatore sano.

Marco Cascone.Marco Cascone

Share

About Author

Cascone

Questo Sito utilizza cookie di profilazione, propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più clicca sul link con l'informativa estesa. Se chiudi questo banner, acconsenti all'uso dei cookie INFORMATIVA COOKIE

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close

>